L’Ascensore della scuola è ancora rotto.

GIAMPIERO BALDI

L'ASCENSORE ROTTO
L’ASCENSORE ROTTO

 

SANTA MARINELLA – Ha del paradossale, la vicenda che è stata portata all’attenzione dell’opinione pubblica, relativa al mancato funzionamento dell’ascensore per i disabili della Scuola Elementare Centro che dal mese di maggio non è più in funzione. La questione era venuta alla luce perché, nonostante siano trascorsi sei mesi dal blocco del montacarichi, nessuno ha provveduto a ripararlo. Neppure durante il periodo estivo quando le scuole erano chiuse. Il problema era stato posto dai genitori degli alunni che chiedevano un pronto intervento da parte dell’azienda che ha in appalto la manutenzione dell’impianto. L’ascensore, infatti, era utilizzato per trasportare i ragazzi portatori di handicap nei piani superiori del plesso scolastico. Il nostro giornale, due mesi fa, si era reso promotore di una iniziativa tesa a risolvere il problema e qualche giorno dopo si era fatta sentire una ditta specializzata, la AGV ascensori di Civitavecchia, che si era resa disponibile a riparare il montacarichi gratuitamente. Erano stati chiamati in causa sia l’assessore alla pubblica istruzione Rosanna Cucciniello che l’assessore ai lavori pubblici Raffaele Bronzolino che avevano declinato l’offerta in quanto avrebbero risolto immediatamente il problema. A due mesi di distanza da quella promessa, l’ascensore è ancora li con la porta chiusa e i pulsanti spenti. “E’ una cosa inaudita – tuona il consigliere comunale del Pd Andrea Bianchi – eppure il nostro segretario cittadino era intervenuto sulla questione per sensibilizzare l’amministrazione comunale a provvedere alla riparazione. Carletti aveva chiamato in causa sia l’assessore Cucciniello che Bronzolino ma nonostante le tante promesse non sono stati capaci a risolvere il problema”. “E pensare che c’era una ditta di Civitavecchia, più sensibile dei nostri amministratori, che aveva avanzato la proposta di riparare gratuitamente il montacarichi prima dell’apertura delle scuole – afferma il segretario del Pd Aldo Carletti – quindi, non c’era neppure un problema di ordine economico. Per questi motivi, esigiamo delle spiegazioni su questa vicenda da parte del Sindaco, sperando che si adoperi per risolvere questo problema”. In effetti tempo fa c’è stato un sopralluogo da parte della società di manutenzione e sembra che sia stato portato all’attenzione del Comune la necessità di effettuare il cambio di alcuni pezzi rotti. Evidentemente la spesa deve essere particolarmente esosa per costringere l’amministrazione a non dare il via alla riparazione.