Passeggero colto da infarto, ritardi e disagi per i pendolari.

SANTA MARINELLA – Di fronte a centinaia di passeggeri, si è consumata ieri mattina sul treno regionale delle 7 partito da Civitavecchia e diretto a Roma, una vera e propria tragedia. Un uomo di 70 anni, Franco Bertella, che si stava recando a Roma per una visita, è deceduto dopo essere stato colto da un improvviso malore davanti agli occhi atterriti del cognato che lo accompagnava e si è accasciato esanime sul sedile. Inutili tutti i soccorsi. Sul convoglio infatti viaggiavano anche due medici ma a nulla sono valsi i tentativi di rianimarlo. Il treno, giunto alla stazione di Santa Marinella si è fermato, sul posto si è portato l’equipaggio di un’ ambulanza della Misericordia fornita di un defibrillatore, ma considerate le condizioni dell’uomo non si è potuto far nulla per riportarlo in vita in quanto stroncato, probabilmente, da un infarto fulminante. Sul posto sono giunte diverse pattuglie dei Vigili Urbani, dei Carabinieri e della Polizia di Stato. Numerosi e inevitabili i disagi per i passeggeri poichè il traffico ferroviario ha subito gravi rallentamenti  Tutti i treni diretti o provenienti dalla Capitale, peraltro carichi di pendolari, sono rimasti bloccati lungo i binari per oltre un’ora. La vittima, molto conosciuta a Civitavecchia, lascia la moglie e due figli tra i quali Marco, da sempre impegnato nel sociale e nella lotta contro l’abbattimento delle barriere architettoniche ed in passato delegato comunale ai problemi della disabilità durante la giunta Saladini.