Convenzione tra Comuni per acquisire servizi ed opere pubbliche

Lo stemma del Comune di Santa Marinella
Lo stemma del Comune di Santa Marinella

SANTA MARINELLA – Inizia, per la prima volta nella Provincia, un vero e proprio rapporto di collaborazione attiva tra diversi Comuni per realizzare una Centrale Unica di Committenza, attraverso una convenzione per acquisire servizi ed opere pubbliche. L’accordo, approvato in consiglio comunale, prevede una significativa collaborazione tra i Comuni di Santa Marinella, Manziana e Trevignano Romano, in applicazione del Dl n° 163 del 2006. Una disposizione questa, entrata in vigore il 1° gennaio scorso e riguardante l’acquisizione di beni e servizi mentre, per quel che riguarda i lavori pubblici, si dovrà attendere il 1° luglio prossimo. Roberto Bacheca, Sindaco del Comune capofila, ha convocato la conferenza dei sindaci per la sottoscrizione della convenzione e per stabilire la data di effettiva operatività della nuova stazione appaltante associata. Due gli organismi individuati, la conferenza dei sindaci e il responsabile della centrale di committenza. La prima è composta dai sindaci dei Comuni aderenti alla convenzione ed è presieduta dal sindaco di Santa Marinella. Tra le funzioni principali, si segnala quella di approvare il programma annuale di attività entro il mese di ottobre di ogni anno, in tempo utile per la predisposizione da parte degli enti convenzionati del bilancio di previsione, nonché di proporre atti di indirizzo per la gestione della centrale di committenza e di verificare l’andamento della gestione associata e l’attuazione dei programmi. Mentre il responsabile della centrale, che sarà nominato dall’ente capofila su designazione della conferenza dei sindaci, si occuperà della redazione dei bandi di gara, dei disciplinari, delle lettere d’invito, della modulistica e della gestione di tutto il procedimento di gara, fino all’adozione della determinazione di aggiudicazione definitiva degli appalti. “E’ estremamente importante – afferma Bacheca – questa forma di collaborazione con altri Comuni, visto che il futuro degli enti locali si fonderà sull’associazionismo. Forme di collaborazione che hanno come principale obiettivo quello di rendere maggiormente efficienti ed economici i servizi resi alla cittadinanza e veloci le procedure per attivarli. Proprio per questo abbiamo optato, insieme ai colleghi di Manziana e Trevignano Romano, per una convenzione aperta all’eventuale adesione anche di altri enti che manifestassero tale intenzione”.