Piazza comunale, nasce un movimento per contrastare e migliorare il progetto

IL PROGETTO DELLA NUOVA PIAZZA (2)
IL PROGETTO DELLA NUOVA PIAZZA (2)

SANTA MARINELLA – Dopo l’assemblea pubblica che si è tenuta la scorsa settimana ed organizzata dai partiti di opposizione per contrastare il progetto della giunta Bacheca di realizzare una piazza comunale, nasce un movimento apposito che si è dato appuntamento per sabato prossimo per continuare il lavoro iniziato nella prima riunione, dove si è discusso sul progetto preliminare per la costruzione della  piazza centrale nell’area adiacente Largo Gentilucci. “Abbiamo fatto ciò che l’amministrazione si è guardata bene dal fare – dicono i dirigenti del movimento che conta tra le sue fila aderenti al Pd, al M5S, a Sel, a Un’Altra Città è Possibile e ad alcune associazioni della città – partendo da una disamina dei luoghi dell’intervento e dalla rilevazione di esigenze e priorità. Siamo arrivati alla definizione dei requisiti generali e delle linee guida che avrebbero dovuto costituire la base di partenza per una corretta azione di intervento sul territorio. I numerosi cittadini presenti, hanno scoperto così quello che stava per essere realizzato con i loro soldi, ma a loro completa insaputa. La lettura approfondita delle tavole di questo progetto, ha evidenziato come il risultato dell’azione della Giunta, sbagliata fin dalle premesse, si sia concretizzato in un intervento senza idee, senza logica, senza rispetto, privo di utilità e di bellezza. Sia chiaro, le critiche non sono rivolte al progettista, ma al committente che se ne frega di conoscere le esigenze dei cittadini, non ama il proprio territorio e non ne supporta la vocazione turistica. Quindi, non confinando la discussione alla valutazione soggettiva siamo entrati nel merito di ciò che si dovrebbe fare per offrire al paese una piazza che sia al tempo stesso opportunità di riqualificazione ambientale, valorizzazione del patrimonio architettonico e paesaggistico, funzionalità, utilità sociale e qualità”. “Vogliamo far crescere questa voglia di parlare e costruire insieme, non racchiudendola dentro il perimetro dell’opposizione – concludono gli organizzatori – vorremmo raccogliere la voce di tutti quelli che intendono modificare e migliorare i grossolani errori di un progetto di piazza redatto dalla Giunta Bacheca che non rappresenta Santa Marinella tutta”.