Tragica fine di una donna rumena, travolta dal treno Era ubriaca e sotto l'effetto dell'alcol, indaga la polfer.

IL BINARIO DOVE è AVVENUTO L'INCIDENTE
IL BINARIO DOVE è AVVENUTO L’INCIDENTE

SANTA MARINELLA – Tragica fine di una donna rumena, travolta dal treno mentre attraversava i binari. L’episodio si è verificato domenica sera intorno alle 19,30 alla stazione ferroviaria della città. La signora Maria Romana Rostas di 39 anni, conosciuta dalle forze dell’ordine per essere stata arrestata più volte per furti commessi nel comprensorio, dopo aver trascorso la giornata a Santa Marinella si è diretta verso la stazione per tornare a Civitavecchia, città dove risiedeva. Giunta all’interno della sala d’aspetto, ha chiesto ad alcuni viaggiatori in quale binario sarebbe arrivato il treno diretto nella città portuale. Avuto l’indicazione che il convoglio ferroviario avrebbe fatto sosta al binario 3, invece di utilizzare il sottopasso per portarsi dalla parte opposta, ha preferito passare direttamente sui binari proprio mentre sopraggiungeva il “Freccia Bianca” 9777 proveniente da Civitavecchia (che non effettua la fermata nella Perla del Tirreno)  e diretto a Roma Termini. Inevitabile l’impatto e raccapricciante la scena che si è presentata ai viaggiatori subito dopo il transito del convoglio, definita da molti presenti da film dell’orrore. Alcune parti del corpo erano sparse lungo i binari per un tratto di circa 400 metri. Il resto è stato ritrovato incastrato sotto il vettore qualche ora dopo quando, alla Stazione Termini, la Polfer ha avvertito il macchinista, che al momento dell’impatto non si è accorto di nulla, di quanto era accaduto. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri della locale caserma, che dista a pochi metri dalla stazione ferroviaria, comandati dal maresciallo Roberto Bernardini che hanno diretto le operazioni di recupero dei resti della donna ed hanno sentito le prime testimonianze. Sono stati immediatamente bloccati tutti i treni in transito sulla rotta Roma-Santa Marinella, mentre una squadra della Polizia Ferroviaria ha scandagliato metro per metro la tratta interessata per verificare se vi fossero altre tracce della rumena. Solo intorno alle 23 il traffico è tornato alla normalità. Ad indagare sul tragico incidente è la Polizia Ferroviaria che ha già aperto un fascicolo. Secondo una prima ricostruzione dei fatti sembra che la donna, al momento di attraversare i binari, fosse sotto l’effetto dei fumi dell’alcool e quindi non era nelle sue piene facoltà mentali.