Il delegato al bilancio Emanuele Minghella interviene nei confronti di Acea Ato2

Il Consigliere Emanuele Minghella
Il Consigliere Emanuele Minghella

SANTA MARINELLA – Le lamentele dei cittadini in merito ai disservizi creati da Acea Ato 2 sulle bollette pazze, sulla carenza negli interventi di riparazione delle condotte idriche e sui ritardi con cui provvede a rimettere in sesto le fogne, hanno spinto il delegato al bilancio Emanuele Minghella, sollecitato dai moltissimi residenti di alcuni quartieri cittadini, ad intervenire nei confronti dei dirigenti della società romana. “Sono intervenuto perché gli abitanti delle zone Belvedere, Colfiorito, Perazzeta e Toscana, hanno inoltrato una serie di reclami su anomalie di fatturazione e mancata ricezione delle stesse, reclami che ho accolto e quindi ho deciso di interessarmi direttamente della questione, chiedendo al Sindaco Bacheca di poter andare a fondo del problema – dice Minghella – considerata la convezione stipulata tra l’Acea e il Comune nel 2006, dove c’era l’obbligo dell’azienda 

romana di investimenti sul territorio e verificato che il Comune vanta quasi due milioni di crediti nei confronti della stessa società per somme fatturate ma per le quali noi, ad oggi, non abbiamo incassato ancora un euro, ho deciso di incontrare il responsabile dello S.T.O. Ato2”. “Il risultato dell’incontro – confessa il delegato – è stato a dir poco sconcertante. Abbiamo riscontrato la totale assenza di investimenti strutturali che in questi anni, la società Acea Spa, avrebbe dovuto effettuare sulle zone interessate, nonostante fossero impegni già previsti nei vecchi piani di investimento e stranamente spariti nei piani futuri”. Come maggioranza, Minghella, ha deciso di inserire nel piano triennale delle opere il collettore a Perazzeta, inoltre ha richiesto che venga effettuato, a breve, un incontro urgente con il presidente di Acea Spa nel quale, a nome del Comune, chiederà l’avvio dei lavori per la rete idrica e fognaria delle zone Belvedere e Colfiorito entro il prossimo settembre e la conclusione, entro il prossimo biennio, del collettore in zona Toscana e la messa a norma dei depuratori. “Sia chiaro che il Comune non sarà più tollerante per la mancata esecuzione degli interventi stabiliti oltre i termini da noi indicati – minaccia Minghella – in tale circostanza farò inoltre presente al Presidente l’importanza che l’unico punto di contatto Acea, rappresenta per tutti i cittadini di Santa Marinella situato nella zona industriale di Santa Severa Nord. E’ fondamentale che non vi siano variazioni ne sulla collocazione della sede stessa ne sul servizio svolto, chiedendo inoltre la possibilità di aumentare i giorni di apertura al pubblico, così da poter evitare le solite lunghe file che siamo costretti a subire”. “Alla luce di ciò – conclude l’esponente di maggioranza – comunico si da ora che convocherò un’assemblea pubblica straordinaria entro la prima settimana di ottobre, nel quale saranno invitati a partecipare tutti i cittadini interessati, ed in particolare i residenti delle zone Belvedere, Colfiorito, Perazzeta e Toscana. In tale occasione faremo insieme il punto sulla situazione, auspicandomi che per allora la società Acea abbia provveduto ad iniziare a sanare la grave situazione in cui ci troviamo. Qualora non dovessimo avere dei riscontri concreti alle nostre richieste, ci vedremo costretti, come Comune, ad agire per vie legali, ma soprattutto chiederemo i danni per i nostri cittadini residenti nelle zone coinvolte”.