Aldo Carletti interviene in merito alla discarica di Rio Fiume

discarica
La discarica scoperta a Rio Fiume

SANTA MARINELLA – “Abbiamo scritto alcune settimane fa, che la lodevole opera di volontariato delle associazioni, doveva considerarsi un valore aggiunto alla vita sociale della nostra città e poco chiaro ci appariva il teorema del Sindaco Bacheca che, in maniera strumentale, accostava l’avviso di garanzia ricevuto per abuso in atti d’ufficio relativo alla decisione di allocare le associazioni di volontariato presso il capannone di Piazza Baden Powell su un terreno di proprietà dell’Arsial, con l’attività e l’utilità delle associazioni che operano a favore dei cittadini sia di destra che di sinistra”. A rimarcarlo è il segretario del circolo cittadino del Pd Aldo Carletti che loda il gruppo dei Rangers d’Italia che la scorsa settimana sono ritornati in località Piane di S. Lorenzo, per verificare se la denuncia fatta a suo tempo sulla discarica di Rio Fiume avesse prodotto qualche effetto.

 

“Male, invece, ha fatto il Sindaco Bacheca a irritarsi per tale atto – continua l’esponente politico – la salute e l’ambiente sono un patrimonio da salvaguardare, non possono essere mescolate nella pastoia della burocrazia. Inoltre, è sospetto il dato che sia Bacheca sia il Sindaco di Tolfa Landi abbiano, nell’immediato, rilasciato dichiarazioni di eguali contenuti. E’singolare come si possa passare dagli elogi alle associazioni, all’irritazione per aver evidenziato una realtà chiara e trasparente”. “Il Pd – continua il segretario – esige che su questo problema si intervenga con la massima celerità. La stagione estiva è alle porte e il nostro mare deve essere ospitale e non inquinato a causa dell’inerzia dell’amministrazione comunale”.

Il segretario spazia poi su altri temi. “E’ passato un altro anno ma la città che residenti e villeggianti troveranno è nelle medesime pietose condizioni – evidenzia Carletti – sporca, con strade piene di buche, cantieri perenni, marciapiedi impercorribili, barriere architettoniche ancora esistenti. Ebbene, per l’ennesima volta segnaliamo la necessità di trovare una soluzione per la scalinata della Passeggiata al Mare. E’ incivile costringere disabili e carrozzine ad attraversare l’Aurelia in un punto molto pericoloso per poter continuare il cammino”.