Migranti. I rappresentanti dell’opposizione invitano ad abbassare i toni Rocchi: "Bacheca rinunci ai toni populistici e irresponsabili usati in questi giorni"

SANTA MARINELLA – Nel dibattito che si è aperto in città, tra coloro che non vogliono i migranti e chi, invece, chiede solidarietà per persone che vengono da situazioni drammatiche, a far sentire la loro voce sono tutte le forze politiche che sottolineano la loro posizione in merito. La leader della Lista Civica Un’Altra Città è Possibile Paola Rocchi chiede al sindaco Bacheca “di rinunciare ai toni populistici e irresponsabili usati in questi giorni – afferma la Rocchi – anche a seguito dei suoi interventi sulla stampa, la vicenda sta assumendo i contorni chiari della disinformazione e del pregiudizio. Rischia di generare tensione, di cui poi la responsabilità cadrà tutta su chi ha soffiato nel fuoco in questi giorni. Invece di usare parole di allarmismo un sindaco responsabile ha il compito istituzionale di informare correttamente e di difendere i principi della costituzione, a cominciare dal rispetto di principi di solidarietà e dal rispetto delle leggi”.

“La Croce Rossa – continua l’esponente civico – non sta improvvisando, ma ha vinto un bando, che prevede dei servizi da dare a chi sta scappando dalla guerra e dalla fame. Queste persone non saranno lasciate allo sbando e non possiamo preventivamente essere preoccupati. Ci sembrano assurdi anche i discorsi del tipo io non sono razzista, ma non dovrebbero stare al centro di Santa Marinella. Questo discorso presuppone la convinzione che ci siano essere umani da tenere nascosti. Essere umani che “disturbano”. Un sindaco, un consiglio comune dovrebbe combattere tali paure irrazionali, e non fomentarle. Nella vicenda dell’arrivo dei migranti, ci sarà poi da fare attenzione a che tutto proceda bene, che ci sia sicurezza e dignità per tutti, migranti e “stanziali”, ma questo potrà essere verificato ed eventualmente preteso solo dopo, non certo ora con discorsi a vanvera e paure preventive e assurde. Piuttosto la presenza di migranti potrebbe essere occasione di scambio, di comprensione e di conoscenza di certi fenomeni da parte di tutti noi”. Sullo stesso tema anche il segretario cittadino del Pd Aldo Carletti. “La tragedia di un intero continente e dei suoi popoli si sta riversando ai confini di quasi tutti i Paesi Europei – dice il segretario – le guerre e la povertà costringono uomini, donne e bambini a tentare una fuga verso terre che potrebbero dare loro un futuro migliore. La fuga da quei territori sta diventando un evento quasi biblico, le vie intraprese per terra e per mare, l’arrivo o l’approdo è costellato da pesanti tragedie, il prezzo delle vite umane è altissimo, il Mediterraneo si sta trasformando sempre di più in una “tomba” a cielo aperto. Poiché attraverso un programma di assegnazione Santa Marinella potrebbe accogliere un certo numero di migranti, noi invitiamo le istituzioni locali a fare la propria parte in uno spirito di solidarietà umana, coinvolgendo la città per trovare le giuste soluzioni. Sarebbe molto grave allinearsi ai comportamenti divisivi, il dramma umano della migrazione non è arrestabile, è soltanto da gestire garantendo l’accoglienza e la dignità umana, consapevoli anche delle difficoltà insite in quest’operazione”.