Giorno: 17 Dicembre 2015

Santa Marinella: tanti appuntamenti nel prossimo week end pre natalizio

Tanti gli appuntamenti che attendono i santamarinellesi nel prossimo week end. Iniziamo il 18-19-20 Dicembre  con” Il Meglio di Santa Marinella Film Festival” dalle ore 18,30 alle 22,00 presso il Castello di Santa Severa. Le tre serate saranno dedicate al cinema,  ed oltre alla visione di film d’autore, ci saranno momenti per gli approfondimenti , l’analisi critica ed il  confronto con i protagonisti. (altro…)

Aperta la Porta Santa al Bambin Gesù di Palidoro

Riceviamo e pubblichiamo

Aperta oggi a Palidoro la Porta Santa dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù. In occasione del Giubileo della Misericordia, la cappella dell’Ospedale del litorale è stata designata Porta Santa da Mons. Gino Reali, vescovo della Diocesi di Porto-Santa Rufina. La processione, il rito di apertura, la Santa Messa, la benedizione del presepe e di tre grandi tele realizzate dai bambini ricoverati, il battesimo di un piccolo pazientedell’Ospedale: sono state queste le tappe della liturgia di apertura della Porta che da oggi e per tutto l’anno giubilare potrà essere visitata da pellegrini e fedeli. Hanno partecipato insieme alla presidente del Bambino Gesù, Mariella Enoc, tanti bambini con le loro famiglie. (altro…)

“Aurora pronto farmaco” il servizio partirà da gennaio

L’associazione di promozione sociale “Aurora” di Santa Marinella effettuerà un servizio a domicilio di consegna di farmaci, prodotti sanitari, farmaceutici e analisi. Il progetto partirà a gennaio 2016 e si chiamerà “Aurora pronto farmaco” questo servizio è rivolto a tutti i cittadini e si attiva con una semplice chiamata al 345 4455472. Il servizio è svolto in collaborazione con L’Avis di Santa Marinella. L’incaricato dell’Associazione Aurora provvederà alla consegna dei farmaci presso il domicilio del richiedente, ritirando l’eventuale somma dovuta a titolo di ticket o altro onere, rilasciando una apposita ricevuta. Il servizio viene svolto in giorni e orari concordati dal lunedì al sabato, e si attiva con un rimborso spesa da parte dell’utente di 5,50 euro a consegna di farmaci o parafarmaci . I cittadini interessati al servizio possono telefonare al numero dedicato per prendere un appuntamento per la sottoscrizione del servizio, successivamente il cittadino , richiederà la prescrizione dei farmaci direttamente al proprio medico di base, specificando se il farmaco è generico e comunicando al proprio medico di aver aderito al servizio “Aurora pronto farmaco”. Nei giorni prestabiliti poi un addetto al servizio, munito di cartellino di riconoscimento con fotografia, ritirerà le ricette dal medico con una busta sigillata e le consegnerà alla Farmacia.  La stessa predisporrà il pacchetto con i farmaci con su scritto i dati dell’utente a cui consegnare i farmaci, qualora ci siano costi aggiuntivi, il farmacista allegherà lo scontrino fiscale.  Un servizio utile per tutte quelle persone che hanno problemi di mobilità o altro e che ricordiamo partirà da gennaio 2016.

Il Vapoforno 3 di Laura Secci dona il pane avanzato per chi sta passando momenti difficili

12366915_10207660231491132_799227984_nLa 1° Panetteria che aderisce all’iniziativa di donare il pane avanzato della giornata a chi sta passando momenti difficili, per la comunità di Santa Marinella, le rimanenze giornaliere si possono ritirare presso:  il Vapoforno 3 di Laura Secci in Via Aurelia 452/E, dalle 19,40. Sarà lasciato un cesto in alto. Questa iniziativa ora è giunta anche a noi, grazie alla sensibilità del Vapoforno di Laura Secci che vuole solo fare qualcosa di concreto per la nostra cittadina ed i suoi abitanti che si trovano in difficoltà economica. Sicuramente telesantamarinella e le sue telecamere andranno ad intervistare la titolare dell’iniziativa che potrete vedere nel Tg7 della prossima settimana o in diretta Tv sul canale del digitale terrestre 667 Provincia Tv mercoledì dalle 15:30

A proposito della sospensione temporanea della struttura sociale di via Saffi

Il Professor Luciano Pranzetti
Il Professor Luciano Pranzetti

Riceviamo e pubblichiamo. Riflessione. Il caso c’è ed è inevitabile che se ne parli. Il mio intervento non entrerà, però, nell’argomento politico e nemmeno sulle responsabilità di qual che sia personaggio, Sindaco, funzionario o dirigente del gestore “Circolo over 60” perché, attenendomi ad una dichiarazione del Sindaco Bacheca, credo che sia necessario cogliere, in tutta questa vicenda una stranezza, un peccato originale diciamo, annidato in quella labirintica dimensione che è la burocrazia e la intima essenza dei regolamenti.

Afferma il Sindaco, in risposta ad una nota del PD locale: “Come da Regolamento comunale, nel momento in cui debbono essere elette delle nuove cariche sociali, non è accordato lo svolgimento di attività all’interno di esso Centro” (Civonline – Bacheca: dal PD solo inesattezze – 15/12/2015).

Ora, da questa dichiarazione si deduce che l’autorità comunale e l’ufficio competente hanno  rispettato, alla lettera, il dettato regolamentare di cui non facciamo carico ad alcuno in quanto si potrebbe dire ‘dura lex, sed lex’ – legge dura ma legge. Il mio intento, invece, è quello di evidenziare come, e quanto, quella nota inserta nel corpo della norma generale, sia l’assurdo peccato originale di tutta la vicenda che getta ombra non sull’Amministrazione in astratto ma, in concreto, sul buon senso degli amministratori.

Io ho fatto parte, con funzione di dirigente, di Associazioni debitamente registrate con sigilli notarili e accreditate presso gli Enti locali: Comune, Provincia, Regione e debitamente presso l’Ufficio delle Entrate. Nello Statuto di queste Associazioni non è mai apparso un articolo, né tanto meno un comma, in cui si dichiarasse la sospensione delle attività sociali in tempo del rinnovo delle cariche, rinnovo sia puntuale che ritardatario, come nel caso del Circolo Over 60.

Continuava, normale, la gestione delle attività, senza che da alcuno si intervenisse con blocchi, divieti o simili strumenti di coercizione. D’altra parte, permettendomi una similitudine, non mi sembra che in regime commissariale, un Comune cessi di operare la normale attività o il prosieguo di imprese  già avviate. E questo è talmente ovvio e logico che vien da definire, quella norma che il Sindaco cita, come vera ed autentica “norma vessatoria”, diremmo masochista, al di fuori di ogni pur necessaria formalità di ordine gestionale.

Perché a nessuno, in fase di istruttoria del regolamento, venne in mente di eccepire sulle logicità di questo vero e proprio catenaccio e sulla opportunità di applicare, a un Centro Sociale, siffatto vincolo?  Non si comprende, infatti, perché mai la gestione e lo svolgimento corrente delle iniziative – massime in questo periodo natalizio – debbano configgere con le parallele operazioni del rinnovo del Direttivo.

La vicenda rasenta, anzi, realizza in pieno quello che il grande avvocato romano, Cicerone, a proposito della letterale, puntigliosa applicazione della legge, registra come “summum jus, summa injuria” e, cioè: perfetta giustizia uguale a  perfetta ingiustizia o  ingiuria. Che è, infondo, quanto qualcun altro, duemila anni fa, con altre parole, affermava col dire che “la lettera uccide, mentre lo spirito dà la vita” (II Cor, 3, 6) che, tradotto in termini laici assimila lo spirito al buon senso e alla logica. E se il “sabato è stato fatto per l’uomo e non l’uomo per il sabato” (Mc. 2, 27) come ammonisce Cristo, non si vede perché un regolamento  debba essere stilato contro una struttura sociale, cioè l’uomo. Se ne conclude , infatti, una sproporzione tra l’inadempienza formale della dirigenza Over 60 e la sanzione applicata. L’esperienza ci dice che le norme debbono essere al servizio dell’uomo e non viceversa, perché, nella fattispecie della struttura di Via Saffi, il danno che ne vien fuori è tanto più amaro in quanto a risentirne sono delle persone, per lo più anziane, come il sottoscritto che in varie circostanze vi ha tenuto serate culturali, le quali non troverebbero difficoltà di sorta a passare qualche ora di svago e di sana attività mentre si svolgono le elezioni per il rinnovo delle cariche. Con questa sospensione “sine die”, tutti a casa?

Certo si è, che – e lo dico senza acredine ma con dispiacere – questo provvedimento mal si coniuga al tempo di Natale per il quale questo non è un bel regalo.

Cordialmente

Santa Marinella 16 dicembre 2015.                                                              Prof. Luciano Pranzetti

Il Fishfesta ad “Arti & Mestieri”

fishfestaRiceviamo e pubblichiamo. Importante riconoscimento per il Fishfesta di Santa Marinella: l’evento di cultura gastronomica sul pesce azzurro, ideato e promosso dal Consigliere Andrea Passerini, che si è svolto ad ottobre e che ha attratto l’interesse di appassionati ed addetti ai lavori per l’originale format e la qualità delle sue proposte, farà parte di “Arte & Mestieri Expo 2015”.

Gli organizzatori dell’importante appuntamento di questo fine settimana (Fiera di Roma, 17-20 dicembre) hanno destinato uno spazio per la presentazione di Fishfesta (padiglione 1, D15), in cui verrà proiettato il video di promozione della pesca locale, e le foto dell’evento e della città di Santa Marinella. Inoltre, verrà distribuito il materiale didattico con le informazioni sulle specie di pesce azzurro pescate nella nostra costa.

“E’ un bel segnale – sostiene Andrea Passerini – un riconoscimento della qualità del lavoro svolto, innanzitutto nel portare in città finanziamenti europei e poi nell’avanzare una proposta molto coraggiosa, per la durata, il periodo dell’anno e la ricchezza dei contenuti informativi ed artistici”.

 

Franceschini, MiBACT in Fondazione Ferrovie dello Stato “Riuso tratte ferroviarie dismesse per sviluppo turismo sostenibile”

Ministro Dario Franceschini
Ministro Dario Franceschini

Riceviamo e pubblichiamo. Il ministro dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo Dario Franceschini ha svolto questo pomeriggio presso la Commissione Trasporti della Camera l’audizione nell’ambito dell’esame in sede referente della proposta di legge recante “Disposizioni per l’istituzione di ferrovie turistiche mediante il reimpiego di linee in disuso o in corso di dismissione situate in aree di particolare pregio naturalistico o archeologico”.

 

“Siamo disponibili – ha dichiarato il ministro – a dare il nostro contributo e il nostro sostegno in tutte le forme possibili. Questo è un tema centrale nelle strategie del Mibact per lo sviluppo di un turismo lento e sostenibile e il fatto che ci sia una proposta di legge sul riuso di quasi 800 chilometri di linee ferroviarie dismesse in posti incantevoli del nostro Paese è davvero un fatto importante”.

 

Per perseguire tale obiettivo il 3 dicembre scorso il Mibact ha concluso il percorso d’ingresso all’interno della Fondazione Ferrovie dello Stato. Il Ministero ha sposato in pieno gli obiettivi e gli scopi dell’Ente creato nel 2013 per la tutela del patrimonio storico ferroviario italiano. Tra gli obiettivi principali: lo sviluppo del turismo ferroviario con treno d’epoca sulle linee ferroviarie più paesaggistiche della Penisola, il Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, il riordino del fondo degli archivi delle Ferrovie in Italia dall’800 ad oggi.

 

“Stiamo già lavorando con la Fondazione ente ferrovie dello Stato e per questo anche gli stati generali del turismo sostenibile – ha proseguito il ministro – sono stati ospitati nell’eccezionale museo di Pietrarsa dove sono esposte molte splendide locomotive e carrozze d’epoca. Non tutte le ferrovie storiche – ha concluso Franceschini – potranno essere oggetto di linee turistiche ferroviarie, si ragionerà su quali devono rimanere in uso ma le altre potrebbero diventare ciclabili mantenendo il loro fascino e l’antico percorso”.

 

 

Roma, 16 dicembre 2015

 

Ufficio Stampa Mibact