Bambin Gesù: due nuovi strumenti per la riabilitazione pediatrica

Nella foto il nuovo strumento per la riabilitazione.
Nella foto il nuovo strumento per la riabilitazione.

Questa mattina alle 11,00 presso la sala conferenze dell’ Ospedale Pediatrico Bambin Gesù di Santa Marinella si è tenuta la cerimonia di ringraziamento alla Fondazione Roma, per la donazione dei due nuovi strumenti di ultima generazione progettati per consentire il recupero della funzionalità dell’arto superiore nei pazienti con disabilità motorie dovute a danni neurologici, congeniti o acquisiti. E’ questo lo scopo dei sistemi InMotion” Arm e Hand e “Wrist”, i primi di questo tipo ad essere installati nel Lazio. Grazie alla donazione della Fondazione Roma, i nuovi macchinari vanno ad arricchire la dotazione tecnologica del MARLab, il laboratorio di Analisi del Movimento e Robotica dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù. Attivo dal 2000 nella sede di Palidoro e dal 2011 a Santa Marinella, oggi è il più grande Centro di riabilitazione pediatrica del centro-sud Italia, un’eccellenza a livello internazionale per la gestione dei casi ad alta complessità, la valutazione dei deficit motori del bambino, la verifica dei risultati delle terapie, la ricerca scientifica, lo sviluppo di brevetti originali e di nuove tecnologie avanzate. Sono intervenuti alla conferenza stampa Mariella Enoc, presidente dell’Ospedale Bambin Gesù, il Prof. Enrico Castelli, Responsabile dell’Unità di Neuroriabilitazione , il Prof. Emmanuele F.M. Emanuele, Presidente della Fondazione Roma, l’Assessore Bronzolino in rappresentanza del Comune di Santa Marinella ed Il Cardinale Giovanni Battista Re, Consigliere della Fondazione Roma che ha dato la benedizione ai macchinari. «Ringraziamo davvero la Fondazione Roma che ancora una volta torna a sostenere l’Ospedale – ha detto la Presidente del Bambino Gesù, Mariella Enoc – e sono certa che insieme alla nostra nuova Fondazione Bambino Gesù, i nostri medici e i nostri ricercatori faranno grandi cose. Il compito principale dell’Ospedale è quello di risolvere ogni grave complessità che interessi i pazienti e le loro famiglie. Grazie a questa doppia donazione, anche nell’ambito della riabilitazione motoria continueremo a fornire risposte sempre più all’altezza. Voglio ringraziare il Prof. Castelli e la sua equipe per l’impegno e la passione che mettono nella ricerca ». «Siamo lieti – dichiara il Presidente della Fondazione Roma, Prof. Emmanuele Francesco Maria Emanuele – di proseguire la nostra collaborazione con il MARLab dell’ospedale “Bambino Gesù”. Dopo il progetto Lokomat, che ha consentito a bambini con disabilità motorie di tornare a camminare, questa volta ci siamo focalizzati sui deficit degli arti superiori, che limitano gravemente l’autonomia personale e la partecipazione scolastica e sociale dei piccoli pazienti». «Il recupero funzionale della spalla, del gomito, dell’avambraccio, del polso e della mano» – spiega il Presidente Emanuele – «avviene attraverso l’impiego di due robot di ultima generazione, a dimostrazione di come la ricerca scientifica applicata rappresenti oggi lo strumento principale del progresso e la robotica, temuta protagonista della cosiddetta quarta rivoluzione industriale, possa essere utilizzata allo scopo di costruire migliori condizioni di vita per tutta la comunità». «Questa iniziativa» – continua il Prof. Emanuele – «conferma la vicinanza della Fondazione Roma al mondo dell’infanzia e la sua attenzione nei confronti della salute, cui viene dedicata la maggior parte delle risorse istituzionali. Un impegno troppo spesso dimenticato dai media e che è sempre più necessario, dal momento che lo Stato, in questo come in altri campi, continua a latitare».