Area archeologica di Pyrgi, via libera al protocollo d’intesa Sottoscritto tra il Comune e la Soprintendenza. Servizi gestiti dalla Coop. Culture

Comune di Santa Marinella

Comune di Santa Marinella
Comune di Santa Marinella

La Giunta Comunale di Santa Marinella ha dato il via libera ad un protocollo d’intesa con la Soprintendenza Archeologia dell’Etruria Meridionale per la fruizione e la valorizzazione dell’area archeologica di Pyrgi e dell’Antiquarium, adiacenti al Castello di Santa Severa.

 

Accertata la disponibilità della Società Cooperativa Culture, affidataria definitiva dei servizi museali, ad organizzare il servizio di accesso e fruizione dell’Area Archeologica con proprio personale, per la regolamentazione dei flussi di pubblico e della pulizia ordinaria del sito, l’Amministrazione Comunale intende promuovere e tutelare un sito archeologico di importanza strategica, laddove insistono i ritrovamenti dei templi “A” e “B” di epoca romana e dove sono state rinvenute le tre lamine d’oro, oggi conservate e custodite presso il Museo di Villa Giulia a Roma.

“Con questo protocollo d’intesa – ha dichiarato il Sindaco Roberto Bacheca – cercheremo di valorizzare, promuovere e tutelare un sito di grande rilevanza storica e archeologica, fino ad oggi poco conosciuto dal pubblico e la cui fruizione è stata, talvolta, ostacolata dalla mancanza di percorsi adeguati”.

 

“Un ulteriore passo in avanti per far conoscere ai turisti le nostre bellezze storiche – ha aggiunto il Vice Sindaco e delegato al marketing territoriale Carlo Pisacane – in un complessivo e più ampio progetto di divulgazione del nostro patrimonio storico e archeologico di cui Santa Marinella e Santa Severa sono ricche.

Nella medesima ottica, si continuerà nelle azioni di valorizzazione dei siti di principale importanza, tra i quali in particolare l’area archeologica di Castrum Novum nella quale, recentemente sono stati riportati alla luce testimonianze uniche del nostro passato”.