Capolinaro vince la terza edizione della sfilata di Rioni Senza Frontiere Un successo di pubblico e di partecipazione

Un momento della sfilata: uno degli striscioni che hanno accompagnato il carro vincitore.

Un momento della sfilata: uno degli striscioni che hanno accompagnato il carro vincitore.
Un momento della sfilata: uno degli striscioni che hanno accompagnato il carro vincitore.

Per il terzo anno consecutivo Rioni Senza Frontiere ha portato attraverso la città l’ormai nota sfilata dei carri allegorici ottenendo un ampio successo di pubblico. 

Uno spettacolo colorato e coreografico è stato offerto dai comitati rionali che nel corso di un intero anno progettano, studiano e mettono in opera temi, carri e balli ogni volta diversi. Un’impresa non indifferente, pensando poi alle temperature di quest’anno che sono state affrontate sia dai rionali che dal pubblico, che per la sua copiosa presenza già premia per le fatiche affrontate.

Un’edizione che ha visto la creatività dei rionali farla da padrona, con temi non banali e difficili da realizzare artigianalmente: uno sforzo ampio che ha coinvolto centinaia di persone per tutta Santa Marinella e oltre.

Tanti i carri che hanno voluto ricordare i fasti dell’autopedale e il palio, che in passato era abbinato alla sfilata. Sfilata che è l’evoluzione della storica “infiorata” santamarinellese che i più grandi ricordano ancora con nostalgia.

Quest’anno hanno partecipato sette rioni cittadini, tra cui Capolinaro e Centro che sono riusciti a organizzarsi nuovamente in comitato per tornare a sfilare.

Come sempre la sfilata è stata anche una competizione tra i rioni per aggiudicarsi il trofeo annuale: una coppa speciale, che di anno in anno il comitato vincitore conserva e su cui viene aggiunta una targa a forma di stella per ricordare il carro vincente.

Quest’anno, oltre a un premio speciale della critica, andato al rione Quartaccia che ha presentato come tema proprio i fiori, si è aggiudicato il premio per il miglior carro proprio il rione Capolinaro che ha scelto come tema l’Italia degli anni ’90. Passando dalla rappresentazione dei famosi mondiali di calcio, al film premio Oscar “La vita è bella” di Roberto Benigni, per concludere poi con un emozionante ricordo di Falcone e Borsellino, eroi contro la Mafia. Tanti gli applausi del pubblico, soprattutto alla vista di un Alfa-Romeo, replica di quella su cui viaggiava Falcone lungo la strada per Capaci.

Secondo classificato, il già citato carro di Quartaccia, anche quest’anno circondato da un nutrito numero di figuranti e ballerini. A seguirlo, di breve misura, il carro del rione Centro che ha rappresentato  il circo in tutte le sue sfaccettature, dai clowns ai giocolieri, ai domatori, agli atleti, fino ai trapezzisti. Tutta la storia del circo da Moira Orfei, rappresentata da una figurante, al Circ du Soleil.

Affascinanti anche gli altri carri: Alibrandi che ha proposto gli Stati Uniti d’America con motociclisti e una riproduzione in scala perfettamente realizzata della statua della libertà; il rione Fiori che ha presentato come tema “El dia de los muertos”, la famosa festa messicana dei morti, che al contrario di quanto si possa immaginare è un variopinto carnevale per esorcizzare la paura della morte e ricongiungersi pacificamente agli antenati defunti; il rione Combattenti che ha invece proposto come tema Cuba con tutti i suoi colori e le sue peculiarità di nazione dalla cultura mista amerinda e africana, ispirandosi a un’opera pittorica dell’artista locale Sandro Marziali e avvalendosi delle coreografie di Kimbo, noto intrattenitore.

Alla realizzazione hanno collaborato anche le associazioni di volontariato come Pro Pyrgi, Nucleo Sommozzatori, Misericordia, CRI, Rangers d’Italia. Un ringraziamento speciale è stato fatto alla Fondazione Ca.Ri.Civ. nella figura del suo presidente Avv. Vincenzo Cacciaglia, per il suo patrocinio che si è dimostrato rilevante per la realizzazione della manifestazione, oltre alla Polizia Locale e all’arma dei Carabinieri. Un ringraziamento finale è stato fatto dal presidente della Pro Pyrgi Mauro Guredda nei confronti del delegato ai rioni Alfredo De Antoniis per l’impegno profuso per realizzare l’evento.

TeleSantaMarinella e Mecenate TV erano entrambe presenti. Grazie al prezioso aiuto di Marco Lombardo, Sferical.IT, è stato possibile realizzare anche delle emozionanti immagini a 360° visibili attualmente sul gruppo Facebook della nostra web TV. Invece a partire da martedì 12 luglio alle ore 20.15 sul canale digitale terrestre 815, sarà possibile rivedere l’intera sfilata e, in seguito sarà pubblicato uno speciale sul nostro sito internet www.telesantamarinella.tv.

Godendosi le stupende immagini, non resta che aspettare l’edizione del prossimo anno.