Progetto Centro: panchine rimosse e mai riposizionate al cimitero di Santa Marinella

13816826_10209306869776060_1096578208_nPanchine rimosse e mai riposizionate al cimitero di Santa Marinella, nonostante la disposizione del Sindaco Bacheca che prevede il loro ripristino. A segnalare l’accaduto è la consigliera di opposizione Marina Ferullo: “Presso il nostro cimitero fino a poco tempo fa erano collocate delle panchine e delle sedie che servivano a dare un po’ di riposo nel momento dell’incontro con i propri cari defunti”, spiega la consigliera.  “Persone di ogni età usavano queste panchine o sedie e, come ho potuto notare, molte mamme posizionavano le stesse di fronte ai loro sepolcri”. “Da alcune settimane però – prosegue- il dirigente responsabile dell’area le ha fatte rimuovere, giustificando l’atto con motivazioni legate alla sicurezza dei fruitori e dell’ambiente stesso”. Ma la questione era già nota all’amministrazione: “Sono venuta a conoscenza però che il Sindaco Roberto Bacheca, prontamente, a seguito di numerose lamentele da parte della cittadinanza con una disposizione protocollata il 7 luglio n. Prot. 21879 ha disposto, con immediata decorrenza, il ripristino immediato delle sedie e delle panchine nei luoghi dove erano collocate, nonché un secchio per i rifiuti per ogni reparto del cimitero comunale”.

Situazione risolta? A quanto pare non sembra: “Con l’azione del Sindaco Bacheca – prosegue Marina Ferullo- pensavo che si fosse stabilizzata la situazione. Invece, – aggiunge- ignorando totalmente la disposizione del Primo cittadino sono stati divelti gli avvisi affissi all’interno del cimitero con la sopra descritta disposizione. Quindi le panchine non sono state riposizionate”.
“Quello che mi viene da dire a questo punto è: Come è possibile che un dirigente comunale ignori totalmente una disposizione del genere da parte del garante della nostra città?”, si chiede la consigliera. E ancora:”Possibile che valgano così poco all’interno del nostro Comune le parole e le disposizioni del nostro Sindaco, tanto da essere totalmente ignorate e addirittura divelte?”.