Il programma al “Santa Marinella Film Festival”

manifesto_smff2016_02Ieri sera, lunedì 25 luglio,

Maurizio Ravellese ha presentato il suo La terra degli sconfitti un corto che si differenzia dagli altri per il tema trattato: la catena della violenza, della vendetta che supera la ragione e la travolge. Molto apprezzato  dal pubblico come  con altrettanto favore è stato accolto

Bangland  di Lorenzo Berghella, come già detto, un’opera prima di animazione che ha totalmente coinvolto il pubblico. Al termine  tra le molte domande e mille risposte, una ha particolarmente colpito gli spettatori: la lavorazione del film, che sembra trattare in modo estremamente preciso la situazione in cui versano oggi gli Stati Uniti, è iniziata ben quattro anni or sono. Dunque una agghiacciante precognizione che stupisce ancor più  data la giovane età del  regista. Molto apprezzata dal pubblico la cura dei particolari e la vivacità dei dialoghi.

 

Oggi, martedì 26 luglio, sempre alle ore 21,15 c.a

in apertura il corto Centosanti di Roberto Moliterni incentrato sui furti d’opere d’arte perpetrati ai danni del nostro patrimonio artistico, sfondo ad una storia adolescenziale di crescita del protagonista.

Sarà presente il regista nonché il produttore, Roberto Gambacorta

a seguire

Madeleine opera seconda di Lorenzo Ceva Valla e Mario Garofalo.

I due registi, già ospiti del santa marinella film festval con la loro opera prima  Ainom,storia di un’immigrata clandestina che cerca di riunirsi alla sua famiglia tornano con questo film sempre al femminile, sempre per tratteggiarci la figura di una donna (in fieri) ma dal carattere già ben delineato.

Sarà presente il regista Mario Garofalo.

 

Domani, mercoledì  27 luglio, sempre alle ore 21,15 c.a

in apertura il corto Lo so che mi senti di Francesca Mazzoleni uno dei tre film brevi prodotti dal CSC production. La regista, che ha assicurato la sua presenza, ha puntato la macchina da presa su un problema molto sentito che potrebbe esser considerato quasi una metafora sui problemi di comunicazione tra padri e figli.

a seguire

Il bambino di Vetro opera prima di Federico Cruciani che ci rappresenta una situazione famigliare in un ambiente in odore di mafia. L’opera, verista e realizzata in  dialetto siciliano, verrà presentata alla presenza del regista nella versione sottotitolata.

Vi aspettiamo

 

Via Aurelia 301b Santa Marinella (sede operativa)
Via Fabio Massimo 107 – 00192 Roma (sede legale)

www.santamarinellafilmfestival.org
www.ernestonicosia.it