Lo spettacolo “Allora ero giovane pure io”di Pietro Benedetti allo Stendhal

La foto.

 

La foto.

Un uomo ai margini della società: un senzatetto. Una scommessa vinta quella di Pietro Benedetti che ha proposto il suo spettacolo sulla vita di Alfio Pannega ai giovani dell’Indirizzo Alberghiero Cappannari e Turistico Croce. Gli studenti hanno infatti compreso il fascino e il messaggio di quest’uomo non violento e pacifista, amante della natura e di tutti gli esseri viventi.Pietro Benedetti ha riportato  in vita il personaggio interpretandolo con empatia ed entusiasmo attraverso un monologo, offrendo spunti di riflessione e arricchimento culturale. “Questo singolare personaggio ci insegna che la giovinezza non conosce età: l’importante è come si è dentro” hanno raccontato gli studenti che al termine dello spettacolo si sono affollati intorno all’attore. “Dalle poesie di Alfio traspare amore per la natura e per la vita, meravigliosa seppur travagliata” Poeta d’osteria, Alfio, sapeva citare a memoria i versi danteschi ,dimostrando di possedere un amore incondizionato per i libri e la letteratura. Alfio credeva nel rispetto e nella protezione di quel frammento di natura che nasce nel cemento, sosteneva la salvaguardia dell’ambiente, vivendo in simbiosi con i suoi fedeli animali. «Ma questa campagna io la vedo abbandonata, non so se così si può andare avanti» Lo spettacolo  è tratto dal libro “Allora ero giovane pure io” di Alfio Pannega per Ghaleb Editore ed è stato preceduto dalla proiezione del film corto “La Gatta” di Daniela Viche. Pietro Benedetti propone le due forme di comunicazione, cinema e teatro, come l’espressione più coerente per la comprensione delle emozioni date dalla memoria.   

 

.