Comune: di nuovo off line il sito istituzionale. Polemiche per i disagi ai cittadini dal Pd.

Foto del Comune di Santa Marinella.

Ancora disagi per il sito istituzionale del Comune di Santa Marinella che, da almeno due giorni risulterebbe off line per gli utenti. Cliccando su www.santamarinella.rm.gov , infatti, ci si imbatte nel fastidioso messaggio “impossibile visualizzare la pagina”. Un problema non sconosciuto ai frequentatori del web, già nella scorsa primavera il servizio si era interrotto per diversi giorni rendendo non accessibile l’albo pretorio on line. Nessuna comunicazione da parte del Comune di Santa Marinella riguardo la natura del guasto ed i tempi di riattivazione, resta l’apertura al pubblico degli uffici comunali per qualsiasi tipo di informazione. “Teniamo ben presente- afferma  Pierluigi  D’Emilio, segretario del Pd locale –  che per  legge  il sito e l’albo pretorio dovrebbero essere raggiungibili. Ma è ovvio che se non paghi  il provider ti chiude i rubinetti. Immaginiamo però  che con i soldi  che l’amministrazione sta recuperando dagli istituti religiosi, poche decine di euro riusciranno a spenderli per pagare il rinnovo del sito web. Ovviamente quanto accade giornalmente va nella direzione opposta delle dichiarazioni dell’amministrazione. Questa è solo l’ennesima prova delle estreme difficoltà delle casse comunali. Ma tanto anche questa volta sarà stato qualche funzionario poco zelante che non avrà ottemperato per tempo a pagare il dovuto, d’altronde, agiscono  così, trovano sempre qualcuno su cui scaricare le responsabilità”. “ Ci domandiamo –  prosegue – come sia possibile continuare a lasciare la città in balia degli  eventi , incuranti del danno immenso che viene provocato alla comunità. Noi cittadini siamo veramente stanchi di vedere tanta supponenza e indifferenza davanti all’incuria ed alla mala gestione oramai a tutti i livelli”. “ Purtroppo – conclude –  non hanno alcuna intenzione di assumersi le responsabilità che i cittadini gli hanno affidato e continuano a calpestare il mandato che gli è stato affidato distruggendo ancora di più, giorno dopo giorno, la credibilità della nostra città.”