Anno: 2018

Il Segnalibro: storie di perseveranza, fatica, vanagloria e speranza con la racchetta in mano "Odio il tennis, lo odio con tutto il mio cuore, eppure continuo..."

Uno dei più grandi campioni di tennis di sempre, André Agassi, numero uno del mondo per numerosi anni, racconta in “OPEN” al giornalista premio Pulitzer J. R. Moehringer la sua vita di atleta e di uomo, di 21 anni di carriera piena di alti e bassi, piena di imprese memorabili e di cadute paurose.

Un viaggio come un pugno nello stomaco che racconta il vero lato umano che si trova a fronteggiare uno sportivo professionista.

Non una semplice autobiografia, bensì un analisi di tutta la psicologia che racchiude il tennis. Il continuo relazionarsi con sé stessi, col proprio io, cercando di superare e sopportare le responsabilità dell’essere campioni, miti, insuperabili.

Scritto in modo diretto, il racconto ti porta a sentire Agassi dall’inizio alla fine, a credere nella sua volontà ferrea di essere una persona normale, nella sua timidezza e insicurezza, nella sofferenza fisica perenne, nella solitudine assoluta provata nelle interminabili sedute di allenamento a cui lo costringeva un padre troppo ossessivo, un padre-padrone capace di inventare un “drago sputapalle” nel campo costruito dietro casa che lo costringeva a colpire 2500 palle al giorno.

Quello che emerge assoluto è che anche dopo le peggiori sconfitte possono poi arrivare belle vittorie e che gli alti e bassi vanno trattati da ognuno di noi per tirar fuori il meglio in ogni difficoltà.

Le pagine scorrono velocemente, gli aneddoti divertenti, emozionanti.

La sfilata dei vari personaggi che Agassi descrive è entusiasmante, i vari Becker, Connors, Borg, Sampras, Federer in una veste diversa, più complice e spontanea.

Un Agassi con i capelli lunghi e ossigenati, l’orecchino e i look da punk che il mondo austero del tennis di allora vedeva come un bambino viziato senza prospettive.

La storia con l’ex moglie Brooke Shields e il ritratto degli incontri con il suo vero grande amore Steffy Graf, altra grande campionessa mondiale, momenti davvero speciali e raccontati con straordinaria franchezza e onestà.

Moehrenger azzecca uno stile perfetto, con un ritmo magistrale per un pubblico il più ampio possibile, non solo amante del tennis, abile a trovare le parole adatte dall’inizio alla fine.

Storia di perseveranza e fatica, di vanagloria, di successi e insuccessi, storia di dubbi e debolezze, ma soprattutto di speranze.

Speranze di avere sempre un altro punto a disposizione, un altro game, un altro set.

Speranze di riuscire a trovare la via giusta senza compromessi,combattendo fino all’ultima palla della vita senza rimpianti, cercando l’impossibile e oltre,fino alla cima dei nostri sogni,convivendo con le nostre paure senza nascondersi mai.

M.P.

Maratona Telethon 2018: L’Associazione Il Sole porta i cuori di cioccolata nel Magico Castello di Babbo Natale.

Anche quest’anno è arrivata la maratona Telethon che lancia la campagna “Presente 2018” , cuori di cioccolato, prodotti in esclusiva da Caffarel per Telethon, in cambio di un’offerta minima alla ricerca. Una campagna 2018 che rappresenta la forza della coralità , come si legge nell’edizione del Sole24ore del 14 dicembre scorso (ripr.ris.), un lavoro che permette di portare fuori dal buio malattie terribilmente insidiose”

 Anche Santa Marinella ha dato il suo contributo grazie ai volontari dell’Associazione di ragazzi disabili “Il Sole” che hanno portato i cuori di cioccolato nel Magico Castello di Babbo Natale, all’interno del Castello di Santa Severa, tra luci musica e tanti bambini golosi.

“I cuori a sostegno della ricerca hanno conquistato tutti, grandi e piccini  – commentano i volontari – e nell’atmosfera natalizia del Castello hanno rappresentato l’importanza dell’impegno delle realtà locali a sostegno della ricerca contro tutte le malattie rare. Nonostante la giornata di freddo – proseguono – in moltissimi hanno visitato lo stand che ci è stato dedicato, i nostri ragazzi hanno trascorso una giornata di condivisione e di felicità tra cioccolato, luminarie e Babbo Natale, donando, insieme ai cuori di cioccolato i loro migliori sorrisi”

Un grazie di cuore va ad Anna Battaglini – concludono – la responsabile territoriale Telethon, per la stima nei nostri confronti ed all’Assessore Emanuele Minghella che si è impegnato affinchè  i cuori della ricerca fossero presenti al Castello di Santa Severa.

“Christmas Traditions in the World” : La Perla del Tirreno pronta ad ospitare le Ambasciate di Moldova,Palestina, Romania, Slovenia e Ucraina.

Vetrine allestite a tema, luci, colori e sapori internazionali, il mood del Natale 2018 a Santa Marinella è la tradizione, ma stavolta quella internazionale.

I commercianti locali hanno aderito con soddisfazione alla proposta lanciata dall’Amministrazione Comunale allestendo le proprie vetrine con addobbi a tema che si ispirano alle varie Nazioni nel mondo. Un tono di colore e di internazionalità per le strade di Santa Marinella e Santa Severa, illuminate dalle luminarie puntualmente accese l’8 dicembre e movimentate da un ricco calendario di Eventi.

Ad onorare tali tradizioni saranno le delegazioni le delegazioni delle ambasciate di Moldova, Palestina, Romania, Slovenia ed Ucraina che saranno in visita presso la città di Santa Marinella e la frazione di Santa Severa, mercoledì 19 Dicembre.

Nella stessa giornata, dopo una prima parte istituzionale, dalle ore 15:30 presso la “Manica Lunga” del Castello di Santa Severa, i cittadini potranno godere di spettacoli folkloristici dei paesi ospitati che con le loro rappresentazione illustreranno le proprie tradizioni Natalizie.

“L’austerità determinata dalla situazione di dissesto finanziario dell’Ente non deve farci dimenticare che  per crescere in termini economici e di turismo – commenta il Sindaco Tidei – bisogna ampliare i propri orizzonti  uscendo dal guscio e creando rapporti nazionali ed internazionali con altri paesi.” “Noi – continua il Sindaco – nonostante il momento particolare che sta vivendo l’Ente , ce l’abbiamo messa tutta per offrire un po’ di serenità e dei momenti di allegria per ritrovarci tutti insieme e per risvegliare quel senso di comunità che probabilmente si stava perdendo. Colgo l’occasione per ringraziare  i nostri main sponsor , ENEL, ACEA, Europa Musica e  tutte quelle associazioni e volontari che , gratuitamente, si sono fatti promotori di molti eventi e si sono resi disponibili a collaborare per offrire alla cittadinanza un Natale ricco di eventi.

Tanta la soddisfazione del Consigliere D’Emilio, delegato al turismo, che invita tutti a partecipare agli eventi in programma ricordando anche l’appuntamento del 23  dicembre al Teatro Odescalchi che ospiterà Cheryl Porter, la cantante Gospel Statunitense celebre in Italia per i suoi duetti con Paolo Conte, Katia Ricciarelli, Tito Puente, Mariah Carey, Amii Stewart e tanti altri.

Unicef augura a tutti Buon Natale: La Pigotta compie 20 anni

Con l’arrivo del Natale non poteva mancare l’impegno di Unicef che sul territorio di Santa Marinella e Santa Severa deve tutto alla sua portavoce Pina Tarantino, del Comitato di Civitavecchia.  Quest’anno le Pigotte compiono 20 anni, questo il loro appello:

ADOTTATEMI, per questo Natale, torno ancora una volta tra  voi,  sono la bambola di pezza dell’UNICEF che salva i bambini più vulnerabili. Nei prossimi giorni, grazie all’impegno di centinaia di volontari dell’UNICEF, potete ADOTTARMI in tante  piazze  o presso i Comitati provinciali dell’UNICEF. A Civitavecchia  sabato 22 dicembre  dalle ore 16 alle ore 18 , sarò  disponibile per  voi  presso il  Comitato UNICEF  in Via Giusti, 22 e prima di Natale farà visita anche nelle Piazze di Santa Marinella.

 ADOTTAMI   il tuo  contributo  di  20  euro si trasformerà in vaccini, alimenti terapeutici e assistenza per tanti bambini nel mondo”.

“In questo speciale anniversario, un pensiero particolare va a Jo Garceau, una nostra volontaria che ci ha lasciato da poco e che nel 1998 ha creato la prima Pigotta, ispirandosi alle bambole di pezza che la nonna confezionava per lei e le sue sorelle per Natale. Vorremmo che questo Natale tantissimi nonni e genitori regalassero con lo stesso amore una Pigotta ai loro figli e nipoti, salvando così le vite di milioni di bambini nel mondo”, ha aggiunto Francesco Samengo, Presidente dell’UNICEF Italia.

A partire da quest’anno, la Pigotta avrà un nuovo sito www.pigotta.it che conterrà al suo interno anche lo store dove, per la prima volta, sarà possibile scegliere la Pigotta che si vuole adottare.

“Avrà pure un cuore di pezza. Ma ogni anno salva migliaia di bambini”.

 

Bambino Gesù: un problema articolato che interessa tutta la città Si muove la politica per cercare di scongiurare la chiusura: idee in contrasto però tra le varie forze politiche

Il Bambino Gesù di Santa Marinella è in questi giorni al centro delle preoccupazioni di molti cittadini e di alcuni rappresentanti politici: la fondazione omonima ha deciso di chiudere la struttura che da quasi cento anni è un centro d’eccellenza importante per la città.

L’ospedale Bambino Gesù di Santa Marinella è oggi, in realtà, una piccola struttura poliambulatoriale con poche camere a disposizione, ormai fortemente specializzata, e forse, anche per queste sue caratteristiche, è divenuto un investimento difficile da sostenere per la sola fondazione che lo amministra.

La struttura è ovviamente convenzionata con la ASL ed è possibile eseguire una serie di esami e controlli sanitari direttamente presso il presidio cittadino, permettendo così ad altre strutture analoghe di essere meno ingolfate da richieste e garantendo comunque un servizio pubblico più consono a una popolazione in costante crescita, seppur lenta.

Secondo l’assessore Renzo Barbazza, così come riportato dal blog del giornalista Cristiano Degni: “Il Bambino Gesù è una struttura privata convenzionata con la Regione Lazio. In quanto tale ha la libertà e l’autonomia per decidere cosa fare e non fare, visto che risponde unicamente al Vaticano per le sue progettualità. La Regione può intervenire fino ad un certo punto. Ho avuto due incontri con i vertici del Bambino Gesù a Roma per conoscere i loro intenti e mi è stata confermata la loro volontà di ridurre progressivamente le loro attività fino alla chiusura nell’arco di tre anni. L’amministrazione per intervenire in merito,d’accordo con la ASL Rm4, ha proposto di trasferire gli ambulatori di Via Valdambrini al Bambino Gesù, in affitto, proprio per garantire una continuità storica con una realtà sanitaria a cui la città è fortemente legata da molti anni. Siamo in attesa che il Bambino Gesù ci dia una risposta accettabile e congrua con le esigenze di Santa Marinella e del nostro territorio”.

Il massimo che si è ottenuto è stato rimandare la chiusura al 2021: troppo poco per buona parte delle opposizioni, soprattutto per la variegata compagine di destra.

La Lega, per mano di Roberta Felici, è la prima ad alzare la voce dando una risposta a Barbazza: “Non ci accontenteremo di un assessore che ci dice di aver avuto due incontri con i vertici dell’Ospedale e di aver trattato per far si che, se proprio deve chiudere il polo, “ci si metta la Asl di Valdambrini”. Non ci aspettiamo una risposta burocratica del tipo “non è nostra competenza e non possiamo far nulla”. Ci aspettiamo una risposta POLITICA. Perché la politica a questo serve, a uscire dalle logiche dei vantaggi economici ed organizzativi”. 

Strada diversa quella intrapresa da Fratelli d’Italia, tramite Chiara Colosimo, che in Consiglio Regionale ha presentato una mozione incentrata su quanto siano fondate queste voci; mentre Cuori, tramite l’intervento di Roberta Angelilli, pone l’accento sui problemi che il trasferimento degli uffici della ASL da Via Valdambrini a Lungomare Marconi comporterebbe ai lavoratori, che non sono stati interpellati.

Un problema questo in realtà non indifferente, anche per quanto concerne una questione toccata finora solo di straforo: l’indotto. L’ospedale pediatrico e gli uffici della ASL hanno creato un’economia attorno alle loro strutture, diversa e diversamente distribuita. La chiusura del nosocomio comporterebbe sicuramente un problema per quelle aziende che ruotano attorno alla media degenza, mentre lo spostamento della ASL comporterebbe problemi per un quartiere come quello di Valdambrini, che attorno al movimento generato dagli uffici dell’azienda aveva puntato.

Un pezzo della storia di Santa Marinella all’abbandono: disavventure del vecchio fontanile Generazioni di santamarinellesi lo hanno avuto e lo hanno anche oggi nel cuore, ma nulla lo salva dai vandali

Il vecchio fontanile ancora al centro di discussioni ed interventi: un luogo che un tempo era il fulcro della vita dei santamarinellesi e che ora è abbandonato a se stesso, relegato al ruolo di fontanella da strada, è spesso al centro dell’attenzione per pulizie e restauri da atti vandalici e usura. Torna a far parlare di se in un comunicato di Casapound.

Nelle ultime settimane, Casapound ha concentrato la sua attenzione su collette alimentari, rivolte alle famiglie italiane bisognose della città, e a quelli che sono simboli più o meno dimenticati di Santa Marinella, ma soprattutto della sua cittadinanza.

Dopo aver puntato il dito sullo stato di abbandono della tomba etrusca all’interno della villa comunale di Via Rucellai, reperto archeologico in realtà noto a pochi ed escluso da qualsiasi circuito di visita cittadino, pur essendo una delle testimonianze più antiche della presenza umana del territorio, il circolo dell’estrema destra pone l’accento sulla situazione del vecchio fontanile di Vicolo della Scala, affianco al ponte della ferrovia che conduce a un altro rudere famoso della città: il vecchio cementificio Cerrano.

Il fontanile è, per chi ha vissuto Santa Marinella almeno dagli anni ’80, il più vecchio luogo di ritrovo della comunità: ancora venticinque o trent’anni fa,in molti lo usavano per raccogliere l’acqua e alcuni perfino per lavare i panni. Non era come oggi: la copertura era aperta ai lati e chiunque poteva accedere alla vasca principale. Pur avendo un aspetto tutt’altro che imponente, era abbastanza antico da far parte dei ricordi d’infanzia di molti anziani.

Il vecchio fontanile subì un primo restauro che gli cambio la livrea dalla sua tipica grigia a quella attuale, color sabbia, per poi venire circondato da una fila di finestroni in cotto, poi definitivamente murati per apparire com’è oggi, chiuso in una struttura che dovrebbe proteggerlo, ma che negli anni si è sempre dimostrata inefficace. Il suo nemico? Il vandalismo.

La struttura non riesce, infatti, a tenere lontani i malintenzionati che hanno come unico scopo imbrattare di scritte e danneggiarla e attualmente giace isolata in un angolo della città che, per quanto trafficato e abitato, è sufficientemente lontano da occhi vigili.

Già l’anno passato, i volontari della protezione civile e i tecnici del Comune avevano provveduto a una pulizia e a una ricostruzione, ma a quanto pare, la situazione è tornata punto e d’accapo: quale potrà essere ora la soluzione di ripristino che l’ente potrà adottare per questo scampolo di passato storico della città?

Il problema resta quello delle risorse economiche, che a ben vedere le ultime notizie provenienti dalla Regione Lazio che ha comminato una multa da ben 900 mila euro per il mancato pareggio di bilancio per l’anno 2017, trovare i fondi per restaurare nuovamente il fontanile e, magari monitorarlo, potrebbe diventare difficile.

Il Segnalibro: tra il latte e il miele, osservando il sole e i suoi fiori

Da qualche tempo mi sono appassionata alla lettura delle poesie. Prima mi capitava di leggerne qualcuna ogni tanto, versi celebri come quelli di Neruda o Prévert, Merini e Leopardi e naturalmente di tutti coloro di cui custodivo il ricordo dai tempi della scuola. Frequentando gruppi di lettura e potendomi confrontare con altre persone sull’argomento, anche attraverso i social, è nata in me una sete inappagabile di conoscere versi nuovi, approfondire alcuni autori, di condividere le sensazioni che le poesie mi suscitano.

È stato così che mi sono imbattuta in Rupi Kaur, nata in India nel 1992; si è trasferita, al seguito dei genitori, a Toronto, in Canada, quando aveva solo quattro anni. Ha cominciato a scrivere e a disegnare fin dalla più tenera età, incoraggiata dalla madre.

La sua prima raccolta di poesie, Milk and Honey, è uscita nel 2014, seguita l’anno scorso dalla seconda, The Sun and Her Flowers, entrambe edite da TRE60.

La particolarità delle sue opere è che ogni testo è accompagnato da un’immagine che enfatizza il contenuto della poesia; pochi versi arricchiti da illustrazioni che creano piccole scene dense di significato e che trasmettono una grande carica emotiva.

Con i suoi versi, la Kaur affronta le tematiche a lei più care, le stesse per cui era già ampiamente conosciuta sui social: dal femminismo all’amore analizzato e commentato con ironia e un pizzico di distacco, passando per il tema, sempre scottante, della violenza sulle donne. L’autrice è famosa anche per le immagini provocatorie postate online per far riflettere su questioni legate al femminismo, prima fra tutte la foto bandita da Instagram in cui mostrava una macchia di sangue sui pantaloni. Dalle immagini alle parole la sua attenzione per questa tematica è sempre presente, tanto che la sua opera è fonte di ispirazione per moltissime donne, soprattutto fra le più giovani.

“mi reggo in piedi
sui sacrifici
di milioni di donne prima di me
pensando
cosa posso fare
per rendere più alta questa montagna
in modo che le donne dopo di me
vedano più lontano”

– lascito

Oltre all’amore e alla gestione delle relazioni, leggiamo anche del rapporto con la sua famiglia e la sua storia personale, costellata dai disagi dell’appartenere a una minoranza etnica (è una Sikh). Molto spazio è dedicato al rapporto fra i due sessi, sia nei momenti di armonia e unione, sia in quelli di scontro. E nei suoi versi non risparmia il padre, figura violenta e autoritaria.

“hai fatto vivere
la tristezza in luoghi
in cui la tristezza non dovrebbe vivere”

La poesia non è come un romanzo

Il punto forte della poesia non sta in ciò che racconta ma nel modo in cui lo racconta.

Ecco, è la brevità dei suoi testi che mi ha catturata, le parole che sceglie mi trascinano nella sua realtà e mi fanno sentire vicina a lei, mi emozionano, mi fanno riflettere, mi fanno sentire fortunata per essere nata in una parte di mondo dove i miei diritti sono rispettati più che in altri Paesi. Sono poesie dirette come spilli che appuntano verità e ricordi sul cuore. Il suo stile è essenziale e universale, parla di se stessa ma di tutte le donne che condividono le sue stesse esperienze di vita ma oltre alla sofferenza ci parla anche del percorso di risalita, di guarigione, della dolcezza che arriva dopo l’amaro. 

La poesia è parte della nostra anima, la si deve sentire sotto pelle, scorrere dentro di noi come il sangue nelle vene, risvegliare il nostro mondo interiore. Non tutti siamo capaci di esprimere nero su bianco ciò che proviamo ma possiamo leggerci attraverso le parole di qualcun altro.

Ci fa sentire meno soli.

Eleonora Ortolani

Una delega per la promozione del Surf a Marcianò

Il Sindaco Pietro Tidei e Alessandro Marcianò con la delega in mano

Alessandro Marcianò è un volto noto dello sport santamarinellese, da sempre in prima linea per promuovere una delle discipline legate al mare, più amata e iconografica della Perla del Tirreno: il surf.

Nel 2015 lo incontrammo poco dopo il suo ritorno da Nazarè, in Portogallo, dove divenne memorabile la sua impresa di cavalcare un’onda di 18 metri, superando un traguardo nazionale. Ora, il Sindaco di Santa Marinella Pietro Tidei gli conferisce una delega per la pratica e per la promozione del surfing sul territorio comunale.

Marcianò è anche famoso in città (e non solo) come l’ideatore e l’organizzatore di Italia Surf Expo, giunto la scorsa estate alla ventesima edizione, e che è riconosciuto come uno degli eventi sportivi e turistici con maggiore risonanza nel territorio tanto che la Regione Lazio ha dedicato all’interno del museo del Mare situato nel Castello di Santa Severa uno spazio alla manifestazione con l’esposizione della tavola del record a Nazarè. 

“Vorrei ringraziare il Sindaco Tidei – dichiara Marcianò – che ha riconosciuto quanto sia cresciuto questo sport sul territorio e quanto imponente sia a Santa Marinella il flusso di appassionati provenienti da tutta Italia quando le condizioni meteo sono favorevoli. Purtroppo negli ultimi 10 anni non si è fatto nulla per cercare di avvicinare anche lontanamente gli standard offerti all’estero in termini di accoglienza e servizi. Mi dedicherò quindi al rilancio di questa disciplina e a tanti i progetti in grado di valorizzare il territorio. A partire da un piano di salvaguardia degli spot di “surf” e, dove possibile, al recupero degli stessi, promozione nelle scuole, all’illuminazione a basso consumo del tratto di mare nello spot di Banzai, ma in particolare – conclude Marcianò – vorrei porre l’accento sulla sicurezza affinché episodi come quello accaduto un mese fa con la morte di un amico kiter nelle nostre acque non si verifichino nuovamente”.

“Non ti nascondere”: iniziativa di PcV per il Disability Day Un incontro pubblico sui diritti delle persone disabili organizzato al Parco Kennedy

“Il Paese che Vorrei” ha organizzato un incontro pubblico sui temi dei diritti delle persone disabili, domenica 9 dicembre alle ore 17,30 presso il Parco Kennedy, dove sarà presentato il documento che insieme ad altre associazioni nazionali è stato posto all’attenzione del Governo.

“Un’occasione per condividere esperienze, idee e proposte sull’accessibilità – scrivono – e sui diritti delle persone disabili. “Il Paese che Vorrei”, dopo aver collaborato alla stesura del documento “Non ti nascondere – LSD Liberi di Scegliere – Richieste stupefacenti” e aver partecipato al Flash Mob, svoltosi a Castel Sant’Angelo in occasione della Giornata Mondiale dei diritti delle persone disabili, promuove ora un incontro a Santa Marinella per discutere delle richieste contenute nella proposta.

I punti posti all’attenzione del Governo sono frutto dell’impegno di diverse associazioni nazionali e verranno affrontati senza tabù, pregiudizi e assistenzialismo. Si parlerà di temi ormai noti ai cittadini di Santa Marinella, per i quali il Paese che Vorrei si batte da anni”.

Durante l’incontro si parlerà di accessibilità agli spazi urbani, ai servizi on line, libertà e pari opportunità nella fruizione dei trasporti pubblici, accessibilità allo studio, al lavoro e alle pratiche sportive.

Si parlerà anche delle figure professionali specializzate nell’assistenza come i care giver e i love giver.

Saranno nostri graditi ospiti l’On. Laura Coccia, Fabrizio Ghiro, che ci parlerà della sua esperienza per rendere accessibile la spiaggia di Sabaudia, Alessandro Poleggi, delegato comunale alle politiche per la disabilità, la professoressa Nadia De Angelis e altri testimonial cittadini.

“Un mondo più accessibile è un mondo più bello! Abbattiamo le barriere, apriamo un varco alla civiltà!” – concludono.

Progetto “Nonno Vigile” per aiutare la Polizia Locale Coinvolgere volontari per presidiare l'entrata a scuola degli studenti delle elementari

La Giunta Tidei ha emesso una delibera, su proposta della consigliera Patrizia Befani, in collaborazione con l’Assessore Emanuele Minghella, per l’approvazione del progetto “Nonni Vigili”.

La Giunta spiega che: “La figura del “Nonno Vigile” è ormai presente da anni in diverse realtà d’Italia e ha un duplice obiettivo.  Da un lato infatti si offre a molte persone anziane la possibilità di impegnarsi in attività importanti sul piano sociale, dimostrando in modo concreto che la vita non finisce con l’uscita dal mondo del lavoro e, dall’altro, si offrono alle città supporti molto utili dal punto di vista pratico liberando così, tra l’altro, personale della Polizia Locale e dei vari uffici comunali per altri e più urgenti servizi”.

Il progetto ha l’obiettivo di rafforzare la sicurezza dei bambini in prossimità dei plessi scolastici, negli orari di entrata e di uscita, per prevenire eventuali situazioni di pericolo e  di disservizio: gli incaricati saranno istruiti e coordinati direttamente dal Comando di Polizia Locale.

L’Amministrazione sottolinea come tale servizio sarà a costo zero e che c’è un impegno a reperire nel prossimo futuro dei fondi per rimborsare le spese dei volontari.

Quali sono i requisiti per  essere “Nonno Vigile”?  

Per essere considerati idonei all’incarico i cittadini disponibili devono:

  • essere residenti nel Comune di Santa Marinella;
  • avere un’età compresa tra i 55 e 75 anni (al compimento del 75° anno il volontario
  • potrà terminare il servizio per l’anno in corso, ma non sarà più possibile espletare il
  • servizio per l’anno scolastico successivo);
  • essere in possesso di idoneità psico-fisica specifica (in relazione ai compiti descritti
  • nel presente regolamento) dimostrata mediante certificato medico;
  • godere dei diritti civili e politici;
  • assenza di condanne a pene detentive.

Gli anziani idonei o incaricati parteciperanno ad una successiva formazione, a cura del personale del Comando di Polizia Locale.

Si può fare richiesta presso il Comando di Polizia Locale oppure attraverso l’apposita modulistica scaricabile dal Sito Istituzionale del Comune di Santa Marinella.

Il Segnalibro: di Parigi, del Paradiso e degli orchi

“Degli orchi si può ridere e si può tremare, ma lui l’affronta con l’arma più importante: l’umorismo, espressione dell’etica”.

Così Stefano Benni definisce Daniel Pennac, professore di francese in un liceo parigino, nel suo primo romanzo del Ciclo Malaussene “Il paradiso degli orchi”, giallo ironico e divertente che ruota intorno alla figura di Benjamin Malaussene, che di lavoro fa il capro espiatorio in un grande magazzino, e alla sua strampalata famiglia fatta di fratellastri e sorellastre, tutti alquanto strani e visionari, figli di una madre sempre innamorata e continuamente incinta, che ogni volta lascia a lui il compito di crescere i propri fratelli.

Un’esilarante banda che indaga su una serie di oscuri attentati a Belleville, multietnico quartiere parigino.

Dopo “Il paradiso degli orchi”, il ciclo si concluderà con sei romanzi nell’edizione italiana dedicati alla realtà quotidiana di Benjamin e famiglia.

Il titolo, che richiama l’opera celebre “Il paradiso delle donne” di Emile Zola, è un poliziesco atipico, con una trama gradevole e scorrevole, buona dose di suspense, colpi di scena imprevisti, dove i personaggi la fanno da padrone sulla storia.

Pennac scrive con sottile umorismo, non volgare e non scontato.

È geniale come lo stile grottesco dello scrittore trasformi spaventose situazioni in romantiche e viceversa situazioni tenere in terribili.

Pennac è abile a giocare con le parole al fine di risultare, a volte, difficile da comprendere. Oscilla tra irreale, similitudini, metafore, ironia che richiede un’attenzione particolare.

Un libro geniale dove starete più volte per abbandonare la scena, ma che terminato vi porterà a non poterne più fare a meno.

Pennac, ironicamente, condanna ogni stereotipo sociale, e nel suo viaggio entusiasma nelle parole e nelle descrizioni atterrando in un finale meraviglioso, dove il crudo realismo diventa magia, dove il ritmo della narrazione porterà alla riscossa tutto il suo spirito inventivo.

“L’immaginazione non significa menzogna”, ma solo consapevolezza che piccoli e grandi orchi che credevamo estinti, purtroppo si aggirano ancora tra noi.

M.P.

Massimiliano Passerani primo classificato al premio nazionale Leandro Polverini

Massimiliano Passerani – I° Premio Leandro Polverini in poesia minimalista

Giornata da incorniciare quella di oggi per Massimiliano Passerani, lo scrittore di Santa Marinella già famoso dopo l’uscita del suo ultimo libro “Ogni volto sopra di me … sospiri” presentato lo scorso mese al Castello di Santa Severa e che ha ottenuto un numero elevatissimo di vendite, con  grande soddisfazione della casa editrice Totem.

Questa mattina infatti, nella sala conferenze Hotel Lido Garda di Anzio, Passerani ha conquistato il primo premio nella sezione poesia minimalista nel concorso nazionale di poesia edita 2018 “Leandro Polverini” con il libro “Pianeti di niente”  , uno dei primi lavori del giovane Massimiliano scritto venti anni fà durante il servizio militare. Durante la cerimonia di consegna del premio lo scrittore ha letto uno dei brani contenuti nel libro vincitore, dal titolo “Agonia”  in cui si narra di una dolce tristezza dell’anima che tocca il cuore come un battito di farfalla che in un attimo se nè và, via nell’eternità….

“E’ stata un’emozione unica quanto inaspettata ricevere questo premio a distanza di venti anni dalla sua stesura – commenta Passerani – da quel tempo ad oggi ho fatto tante altre cose, scritto romanzi e racconti, quasi un percorso inverso rispetto alla norma, una strada ancora lunga da percorrere e che rappresenta la mia passione più viva e vera. Ringrazio la giuria per aver scelto il mio libro candidato insieme ad altri libri di scrittori molto importanti, un risultato che mi riempie il cuore di orgoglio, soprattutto per l’affetto ed i ricordi legati ad esso.”

Tante infatti le sfide da affrontare per Massimiliano, che cura con Eleonora Ortolani, anche la rubrica letteraria “Il Segnalibro” di Telesantamarinella – la prossima – conclude lo scrittore – sarà uno sceneggiato teatrale ispirato alla raccolta di poesie Ogni volto sopra di me … sospiri ..  che è già in cantiere e che a breve sarà portato in scena da attori professionisti.

A Max vanno le congratulazioni da parte di tutta la redazione di TSM.

Il Segnalibro: sedersi all’Holt Café tra le pagine di Haruf

Ho appena terminato la lettura di “Vincoli”, di Kent Haruf, e ancora ho le mani che tremano e gli occhi velati per l’emozione.

Questo autore americano, che troppo presto ci ha lasciati, mi ha conquistata subito, fin dal primo libro che NNE editore ha pubblicato con la traduzione di Fabio Cremonesi. Come nei precedenti romanzi, “La trilogia della pianura” e “Le nostre anime di notte”, anche questa storia è ambientata a Holt, in Colorado, in questa cittadina immaginaria dove ormai mi sento a casa. Non appaiono gli stessi personaggi degli altri libri ma l’atmosfera, il paesaggio, le terre brulle difficili da coltivare e perfino l’Holt Café mi risultano familiari, come se in quei luoghi ci fossi stata realmente. Con questo ultimo romanzo, facciamo un bel salto all’indietro nel tempo, visto che questo è il primo libro pubblicato da Haruf, nel 1984, ragione per cui il titolo completo è “Vincoli – Alle origini di Holt”. Ed è il traduttore stesso, nella nota finale, a sottolineare come rispetto agli altri romanzi di Haruf, questo risulti più ricco di dettagli e descrizioni che via via non serviranno più.

Il narratore della storia è Sanders Roscoe, raggiunto in casa da un giornalista venuto da Denver per fargli domande su ciò che è avvenuto ai suoi vicini, i Goodnough; al giornalista non dirà nulla ma in compenso racconterà tutto a noi lettori, sin dal principio.

Roy Goodnough era partito alla fine del 1800 dall’Iowa con la moglie Ada per stabilirsi a Holt, alla ricerca di un buon appezzamento di terra da coltivare; lui era un uomo meschino, crudele ed insensibile, lei una donna minuta, debole. Dopo aver avuto i due figli, Edith e due anni più tardi Lyman, Ada morì e lasciò i bambini in balìa del loro terribile padre. Crebbero insieme al figlio della vicina, John Roscoe, il quale, in età adulta si innamorò di Edith, da lei ricambiato.

Intenzionato a sposarla, si dovrà scontrare con l’ottusità e la crudeltà di Roy.

Io non vorrei anticiparvi troppo il resto della trama per non rovinarvi il piacere della lettura, il seguito del romanzo racconta della vita sprecata di una donna che avrebbe potuto avere molto di più e che, per un eccessivo senso del dovere, dettato dai vincoli di sangue, si sacrifica.

E’ una storia di solitudine e di rinunce, quella di Edith, una storia che può sembrare di arrendevolezza ma che invece trasmette un grande coraggio, quello di prendersi cura di qualcuno che si ama così tanto, nonostante il dolore e la consapevolezza di non ricevere nulla in cambio.

Ho provato tanta rabbia per Edith, ho sofferto con lei, mi sono chiesta perché non avesse voglia del suo riscatto personale; alla fine, però, proprio lei mi ha trasmesso una grande lezione.

“Ma verso la fine, mi ricordo di aver detto una cosa ingenua e sciocca come: Ma non è giusto.
E lui mi rispose: Certo che non è giusto. La vita non lo è. E tutti i nostri pensieri su come dovrebbe essere non servono a un cavolo, a quanto pare. Tanto vale che tu lo sappia subito.”

Una storia raccontata con una tale delicatezza di cui solo Kent Haruf era capace, senza mai cadere nel patetico o nel pietismo. L’intento di Haruf non è di suscitare compassione per Edith, ma quello di mostrarci la dignità con cui questa donna ha affrontato ogni singolo giorno della sua vita, fino all’atto finale del romanzo, quello in cui ci rivela tutta la sua disperazione, il suo coraggio, il suo amore.

Ho letto il libro molto velocemente seppure il mio intento fosse quello di godermi ogni parola, pagina per pagina. Il ritmo è incalzante, si può leggere anche avendo poco tempo a disposizione perché non si rischia di perdere il filo narrativo.

La mia aspettativa verso questo romanzo era molto alta, è stato uno dei libri che più ho atteso, quest’anno, e come sempre, Haruf non mi ha delusa, anzi, è riuscito a sorprendermi e a coinvolgermi ancora di più.

Lo consiglio a tutti, sia a chi non ha ancora mai letto nulla dell’autore e che qui potrà conoscere Holt nei minimi dettagli, sia a coloro che già conoscono la sua opera. Non vi deluderà.

Eleonora Ortolani

Unicef e Guardia Costiera onorano la giornata internazionale ONU sui diritti dei bambini e adolescenti

Il  20  Novembre   sarà l’Anniversario Convenzione ONU Diritti  Infanzia e Adolescenza e la Bandiera dell’UNICEF ( Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia )  sventolerà  nel punto più alto del  Forte Michelangelo nel Porto di Civitavecchia  fino al 27 novembre .  L’iniziativa  organizzata  dal  Comitato UNICEF di Civitavecchia in collaborazione con il Capitano di Vascello  Vincenzo  Leone  del   Corpo delle Capitanerie – Guardia Costiera – nominata nel 2016  Ambasciatrice UNICEF  per le molteplici attività svolte in campo umanitario.

 Il Presidente   del  Comitato Provinciale UNICEF  di Roma  Avvocato David  Santodonato   il 20 mattina,accompagnato dalla responsabile del Comitato UNICEF di Civitavecchia e Santa Marinella  Pina Tarantino,  dal Testimonial  Unicef  Mattia Camboni  che  è anche   Amico Unicef , sportivo delle fiamme azzurre,  già campione  italiano europeo e del mondo  categ wind surf,  si recheranno  alla Scuola Media Giosuè Carducci di Santa Marinella, (Roma ) dove  saranno   accolti dalla  Preside  Ceccarelli ,  dai docenti  Chiacchella,  Chinappi ,Tufoni   e tanti alunni che relazioneranno riguardo il costante impegno profuso   a favore  dell’Unicef  di tanti bambini  più svantaggiati e  proietteranno il  video dell’UNICEF  # go blue  https://www.youtube.com/watch?v=VwbH6OEMEZ4

Il   Presidente David Santodonato   durante il suo intervento consegnerà   alla Preside  il prestigioso   riconoscimento  –  Scuola  Amica dei Bambini  e Adolescenti  -tributato  all’istituto   dal MIUR e dall’UNICEF .

 

 Nel pomeriggio  a Civitavecchia  all’Hotel San Giorgio, alunni piccoli e  grandi  della  scuola  elementare Alessandro Cialdi   unica scuola del Lazio  nominata Ambasciatrice UNICEF, la  scuola  media Manzi ,   e altre scuole,   saranno protagonisti della   grande festa   in onore della Convenzione  Onu ,organizzata dai  docenti , Mari, De Fazi, Magrelli , Rotondo,D’Alessandris, Casamassima,   canteranno,  balleranno, reciteranno  poesie,  guidati   all’Associazione Le Radici e  le Ali , leggeranno   articoli della convenzione ONU   per  ricordare  i diritti  di tanti bambini  che vivono  disagiati  sia in Italia  sia nei paesi  più poveri.

Il Segnalibro: sognare tra le onde del mare e la dolcezza della musica la vastità della vita

La nostra rubrica di letteratura questa settimana è a cura di Massimiliano Passerani, poeta e autore di romanzi e racconti che abbiamo intervistato in concomitanza con la presentazione della sua ultima opera. Per scoprirlo vi invitiamo a vedere la puntata di A tu per tu a lui dedicata e lo speciale per la presentazione della sua raccolta “Ogni volto sopra di me …sospiri…” (Ed. Totem). Ed ora scopriamo la prima sceneggiatura di uno dei più blasonati autori italiani contemporanei, attraverso le parole di Massimiliano.

Nel 1994 Alessandro Baricco scrive nell’introduzione del suo primo testo teatrale: “Mi sembra un testo in bilico tra una messa in scena e un racconto da leggere ad alta voce. Non credo ci sia un nome,per testi del genere”.

Difatti non c’è. Difatti Novecento è tutto questo e di più ancora.

Uno straordinario racconto in forma di monologo dove la vita e la speranza si fondono negli occhi della persone in viaggio sul “Virginian”, piroscafo che tra le due guerre faceva la spola tra l’Europa e l’America, con i suoi carichi di emigranti in cerca di fortuna, di miliardari in prima classe, di gente qualsiasi pronta a tutto pur di sbancare nel nuovo mondo.

“Negli occhi della gente si vede quello che vedranno, non quello che hanno visto”: chi sarà mai il primo che avvisterà l’America? Chissà, sarà lui il fortunato.

Messo in scena proprio nel 1994 da Eugenio Allegri con la regia di Gabriele Vacis , che ne fecero uno spettacolo al festival di Asti nel luglio dello stesso anno, Novecento è la storia fantastica e pazzesca di Danny Boodmann T.D. Lemon Novecento, abbandonato neonato sul Virginian e trovato da un marinaio amante di corse di cavalli, il quale si occuperà di lui fino alla sua morte, lasciandolo ancora una volta orfano a 8 anni.

Ricercato per essere trasportato in orfanotrofio, da quel momento in poi scomparve da tutto e da tutti per mesi fino a ritornare, un giorno, con le mani su un pianoforte.

A suonare.

Suonava il pianoforte come mai nessuno aveva fatto, una musica “che non esiste”, dicevano tutti. Suonava tutte le note del mondo, tutte le storie degli imbarcati.

Novecento leggeva dentro i desideri tramutandoli in musica.

Ci insegna che si costruisce partendo dalle piccole cose, dalle difficoltà e dall’importanza delle scelte, dal fatto che partire e arrivare dipende dalla nostra voglia e dal nostro coraggio.

Cinquantuno pagine splendide, semplici e scorrevoli, che Tornatore portò al cinema facendone quasi tre ore di un film di inimitabile bellezza, condite dalle musiche di un’altro mito come Ennio Morricone.

Cinquantuno pagine di una favola in cui Baricco tocca tutte le nostre emozioni, dove a parlare in prima persona è un uomo comune (il trombettista amico di Novecento), con la semplicità dei sinonimi, con i passaggi dei dialoghi dalla terza persona a diretto, un romanzo sul significato dell’avere sempre qualcosa di buono da dire: “Non sei fregato veramente finché hai da parte una buona storia e qualcuno a cui raccontarla”.

Lo immaginerete il vostro pianista, lo amerete, lo vedrete nelle vostre fantasie, lo ammirerete compagno e confessore e lo accompagnerete anche fino alla fine. E non importa se T.D. Lemon non scenderà mai dal piroscafo: l’importante è che capirete come e dove intraprendere quel viaggio, suonare quella musica,trovare quei tasti.

“E come i quadri, all’improvviso, dopo essere stati appesi al chiodo per anni, decidono di cadere, così, all’improvviso, lui, un giorno, decise di scendere”.

La magia come un sogno, i nostri desideri incatenati in un angolo dell’anima.

I nostri sogni, di cui non possiamo fare a meno, come Novecento che addirittura li pone prima della vita stessa: “Ora tu pensa, un pianoforte. I tasti sono ottantotto, su questo nessuno può fregarti. Non sono infiniti loro, tu sei infinito. Ma se scendo da quella scaletta davanti a me si srotola una tastiera troppo grande da suonare, milioni e milioni di tasti”.

Una storia come una seconda pelle, dove scorgi che le parole prendono forma, dove gli odori e i sapori delle albe e dei tramonti ti torneranno continuamente, dove puoi sentire ogni brivido di quella musica”inventata” che, nei nostri favolosi viaggi,ognuno di noi vorrebbe ritrovare almeno una volta ancora.

M.P.

TSM ringrazia Fabrizia Caputo e da il benvenuto a Simone Pazzaglia Cambio in redazione del direttore responsabile

Fabrizia Caputo e Simone Pazzaglia

Oggi TeleSantaMarinella.TV affronta un grande cambiamento: il passaggio di consegne del direttore.

Per qualsiasi testata giornalistica è un momento importante che segna l’inizio di un rinnovamento, ma che lascia anche un velo di tristezza rappresentato dal dover salutare persone che tanto hanno dato al progetto che ci sta maggiormente a cuore.

Fabrizia Caputo lascia le redini del nostro giornale e dal più profondo del nostro cuore le diciamo grazie: grazie per tutto il tempo profuso a insegnare; grazie per tutte le energie impiegate per curare le nostre edizioni; grazie per tutti i consigli e per essere stata con noi fino all’ultimo, anche quando ormai diventava difficile.

Fabrizia ha dato a TeleSantaMarinella.TV quell’indirizzo di equidistanza e libertà che tutti noi cercavamo e ci ha permesso di non essere vincolati in maniera rigida ai soli confini della nostra città.

È stata per noi un esempio importante e siamo fieri della sua crescita professionale e personale: da Left al Fatto Quotidiano e oggi in un ruolo pubblico. Continueremo a seguire i suoi consigli e a farne tesoro e a chiederne di nuovi, perché se anche l’abbiamo lasciata andare, resterà comunque una di noi: un’amica e un pilastro di questo progetto.

Le novità

A prendere il suo posto sulla sedia del direttore è oggi Simone Pazzaglia, civitavecchiese, residente ad Anguillara e direttore anche de L’Agone, giornale online del territorio dei laghi laziali: Simone ha collaborato con uffici stampa, testate giornalistiche ed enti come giornalista e web writer.

La sua giovane età non gli ha impedito di costruirsi un ricco curriculum di esperienze nel settore del credito e nella comunicazione politica.

Gli auguriamo un buon lavoro e lo ringraziamo per aver voluto adottare la nostra squadra: squadra che si è allargata.

Oltre alle nostre nuove speaker, Annalisa Bartoloni e Laura Bonfigli, nel nostro gruppo si sono aggiunti Eleonora Ortolani, che in molti hanno avuto modo di apprezzare nella nuova rubrica “Il segnalibro” e che lavorerà a quattro mani con Massimiliano Passerani, poeta e scrittore, e Marzia Bisegna, che ci aiuterà grazie alla sua esperienza di addetta stampa.

Infine, ma non ultimo, Valerio Sebastiani che, con la sua pagina Visit Santa Marinella, collaborerà con noi, con lo scopo comune di dare maggior visibilità al nostro amato territorio.

A breve sarà online anche una nuova veste grafica del nostro sito Internet che, speriamo, possiate apprezzare per la velocità di caricamento e la facilità di lettura, soprattutto su dispositivi mobili.

Siamo tristi di dover salutare Fabrizia e contenti dei nuovi membri del nostro team, ma ancora una volta il ringraziamento più grande lo facciamo a voi, che ci seguite e ci leggete: grazie al vostro supporto, spesso dato in privato e ancor più spesso riconosciuto con la fedeltà di lettura, TeleSantaMarinella.TV in questi ultimi quattro anni è cresciuta tantissimo. Cercheremo di migliorare per fornirvi il più possibile un servizio a voi gradito.

Associazione Santa Marinella SWAM

Arriva BAR-SPORT una rubrica di sport dedicata a Santa Marinella ogni Lunedì aggiornamenti sulle nostre compagini locali impegnate nelle rispettive competizioni

Apriamo una nuova rubrica !

Il Lunedì, come ogni nuova iniziativa che si rispetti, come quelle bellissime discussioni al bar dello sport, al bar, sullo sport, su tutti gli sport, che sono metafora di vita e passione sana.

Visto che a Santa Marinella si distinguono diverse compagini ben attrezzate e rappresentative in vari sport abbiamo deciso di raccogliere le loro dichiarazioni, i loro risultati, e darvi una piccola finestra settimanale sullo sport locale, a cui abbineremo (ma non vi anticipiamo niente) anche un compagno di strada davvero speciale.

Chiunque fosse interessato a partecipare alla nostra rubrica raccontando le vicissitudini sportive del proprio gruppo ci può contattare alla nostra mail redazione@telesantamarinella.tv e scrivere nell’oggetto “barsport”.

Bando alle ciance partiamo subito:

Calcio CAMPIONATO PROMOZIONE – asd Santa Marinella 1947

11ma GIORNATA DI ANDATA S.MARINELLA – TOLFA 0-2

Sconfitta interna ma immeritata per il Santa Marinella che perde 2 a 0 in casa contro in Tolfa. Partita sostanzialmente equilibrata con poche occasioni da rete. Dopo un primo tempo giocato principalmente a centrocampo con i rispettivi portieri quasi mai impegnati, nella ripresa le due squadre aumentano il ritmo, ma le occasioni latitano;la prima vera occasione l’avrebbero i rossoblu ma Bonaventura da posizione defilata non aggancia il cross per il tap in vincente. Gli ospiti ben messi in campo fanno scoprire gli avversari per colpirli in contropiede e al 51° trovano in vantaggio anche se la realizzazione viene contestata dai padroni di casa per fuorigioco. La rete affossa il Santa Marinella che con tanto orgoglio e poca lucidità prova a ritornare in partita ma il raddoppio del Tolfa al 70° chiude definitivamente la partita. Partita corretta con il Santa Marinella che non conferma quanto di buono fatto contro il Cerveteri e con il Tolfa di mr. Riccardo Sperduti che dopo un avvio difficoltoso, si lancia verso posizioni tranquille e piu’ consoni al valore della squadra.

 

Calcio SECONDA CATEGORIA – asd Poseidon soccer Santa Marinella

Si chiedeva un pronto riscatto ai ragazzi dopo la sconfitta di sabato scorso contro la San Pio X e così è stato, contro la prima in classifica.

I ragazzi di Mister Mauceri hanno spolverato una sontuosa prestazione, da segnalare le prestazioni di Aiello Mattia  e Salvatore Papale, quest’ultimo autore del goal del pareggio.
Nel primo tempo il goal di Tormarancio al 30′ che trova spazio su punizione a due in area fischiata per un presunto retropassaggio di un difensore al portiere e poi all’85’ il goal della Poseidon ad opera di Papale abile a battere il portiere avversario con un colpo di testa.
 
 
Alla prossima settimana, con nuovi ospiti e nuovi aggiornamenti !!

 

Scuola: a candidarsi per il Consiglio la lista “ Io speriamo che me la cavo”

Tra pochi giorni tutti i genitori degli alunni dell’Istituto comprensivo Piazzale della Gioventù saranno chiamati al voto per il rinnovo del Consiglio d’Istituto. Tra le liste candidate nasce il gruppo “ Io speriamo che me la cavo” – Lista n. 1 composta da Ester Botta,Lina Capozza, Federico Carletti, Italo Ferri, Federica Galosi, Manuela Romitelli e Giuliano Varchetta.

Genitori che prima di tutto si dicono ex-alunni di questo stesso istituto che li ha formati e lasciati liberi di spiccare il volo verso la propria professione.

Il 25 e 26 Novembre si potrà scegliere a chi assegnare quindi il duro compito di risolvere le tante problematiche racchiuse nel mondo scolastico ed in merito a questo il team della lista “Io Speriamo che me la cavo” afferma: “ dalle difficoltà nascono spesso nuove opportunità e nuovi progetti e per questo ci siamo proposti di affrontare queste esigenze puntando su una nuova comunicazione tra scuola e famiglie cosicché le decisioni prese in consiglio d’Istituto siano effettivamente il frutto di una condivisione. E’ nostro intento  – dichiarano – collaborare con tutti i membri del Consiglio per garantire servizi utili e progetti finalizzati al benessere degli alunni, gestendo in maniera trasparente  le risorse a disposizione”

Ma oltre alle proposte  – concludono – vorremmo lanciare un messaggio: una scuola che funziona è nell’interesse del nostri figli, una scuola condivisa è frutto dell’impegno di tutti. Facciamo in modo che io speriamo che me la cavo sia solo il nome della lista e non il futuro dei nostri figli”.

Maltempo e pericolo pini: operazione sicurezza in Piazza Trieste

Ad annunciare la possibilità di un vero e proprio pericolo per l’incolumità pubblica dei pini a Piazza Trieste sono stati, in un comunicato congiunto, il Vice Sindaco Bianchi ed i consiglieri Iachini e Chegia. Il Maltempo di questi giorni, infatti, le forti raffiche di vento e le piogge sembrano aver modificato l’assetto dei Pini a Piazza Trieste, sito che finalmente rappresenta il centro storico cittadino, punto di ritrovo per eventi e manifestazioni oltre all’elevata concentrazione di esercizi pubblici. La delegata al centro storico commenta : “ i recenti accadimenti di Terracina devono essere un monito per tutti gli Amministratori, noi compresi. Dobbiamo prevenire eventi come quelli in un sito che di fatto è luogo di ritrovo e di eventi”

Sullo stesso argomento inoltre è intervenuto il vice sindaco che, sin dalla sua proclamazione ha deciso di dedicarsi ai rifiuti, all’igiene ed al verde: “ Piazza Trieste è anche luogo di attività produttive che nel corso del tempo, grazie anche alla presenza dei Dehors, hanno incrementato il flusso di gente e di eventi pubblici.

Insieme all’Assessore Minghella ed ai Consiglieri Iachini e Chegia – commenta Bianchi –  è stato realizzato un primo sopralluogo sul posto per verificare le preoccupazioni espresse dagli abitanti della zona e da molti cittadini. Per concludere, interviene Iachini “abbiamo costituito una commissione di esperti, con il nostro agronomo comunale, per valutare eventuali interventi da realizzare immediatamente. Vogliamo sicuramente tutelare il  verde pubblico ma prima di tutto assicurare l’incolumità e la sicurezza dei nostri cittadini”