LIBERI E UGUALI” APPOGGERÀ “IL PAESE CHE VORREI” A livello regionale pieno appoggio al Presidente Zingaretti e ai candidati della nostra lista. Per Santa Marinella dissenso sulla candidatura di Pietro Tidei a cui preferiscono il candidato de” il Paese che Vorrei” Lorenzo Casella.

Santa Marinella.

Santa Marinella.

Continuano a nascere nuove alleanze politiche in previsione della tornata elettorale del comune di Santa Marinella: “In questi giorni si è tenuta una riunione tra gli iscritti, i militanti e i simpatizzanti delle sigle che formano la lista “Liberi e Uguali”, capitanata a livello nazionale da Pietro Grasso, per organizzare e coordinare anche qui a Santa Marinella le attività per la prossima tornata elettorale, sia regionale che nazionale”. “Come stabilito dall’assemblea regionale tenutasi il 12.01.2018, – continuano –  Liberi e Uguali appoggerà Nicola Zingaretti alla presidenza della Regione Lazio e si è deciso, di supportare i candidati della lista “LeU” in tutto e per tutto, promuovendo i candidati sul territorio. Inevitabilmente, considerato anche l’imminente appuntamento cittadino, si è analizzata la situazione per quanto riguarda le prossime amministrative, che riguarderanno la carica di Sindaco e la nomina del nuovo Consiglio comunale di Santa Marinella. Diversamente da quanto accaduto in regione, i partecipanti alla riunione hanno manifestato all’unanimità il più totale dissenso per la candidatura avanzata dal Partito Democratico cittadino di Pietro Tidei a Sindaco”. “Contrariamente alla figura di Zingaretti, – proseguono –  ritenuto personaggio in grado di accogliere le diverse istanze e inclusivo nei confronti delle differenti forze che compongono la coalizione, Pietro Tidei è stato giudicato estremamente divisivo e in contrasto con lo spirito e i valori che costituiscono l’esperienza appena iniziata di “Liberi e Uguali”. Si è, invece, identificato nel percorso intrapreso dall’associazione “Il Paese che Vorrei” la realtà più vicina alle istanze e alle aspettative dei simpatizzanti di “LeU”. “Il Paese che Vorrei” per noi rappresenta a livello territoriale quello che a livello nazionale sta cercando di realizzare “Liberi e Uguali”. Anzi l’associazione è andata ben oltre riuscendo ad avvicinare realtà che a livello nazionale hanno interrotto il dialogo, come a esempio Rifondazione comunista e molte altre realtà che appartengono alla così detta società civile, al mondo associativo e a gruppi e singole persone indipendenti che danno a questa esperienza respiro più ampio e plurale. Anche la scelta del candidato sindaco Lorenzo Casella è stata valutata la più consona alle aspettative del gruppo di “LeU”. Tutto ciò discusso, auspichiamo che già il 4 marzo si possano raccogliere i frutti di quanto seminato. Sollecitiamo, però, la dirigenza regionale e nazionale – concludono –  ad adoperarsi sin da subito per gettare le basi per la costituzione di un vero e proprio soggetto politico unitario del centro sinistra, iniziando già dal giorno successivo a quello del voto, a progettare una nuova stagione costituente per “Liberi e Uguali”.