Giorno: 8 Marzo 2018

Bacheca: “campagna elettorale avvincente e faticosa anche se il risultato non è quello sperato” Il candidato dello Scarpone di Pirozzi tira le somme delle sue quasi 4.000 preferenze regionali

Roberto Bacheca

La reazione di Roberto Bacheca alla sconfitta elettorale arriva in queste ore con un breve e conciso comunicato stampa che apre, in realtà, nuove prospettive politiche all’ex sindaco di Santa Marinella. Anche per Bacheca la priorità è la prossima tornata elettorale, quella per la poltrona di Via Rucellai. L’unico dubbio è quale sarà il suo ruolo, visto che non potrà ricandidarsi a quella carica.

Bacheca analizza il voto che lo ha visto sconfitto: “Nonostante tutto credo sia un ottimo punto di partenza – scrive. Le quasi 4.000 preferenze prese in una lista di fatto “inesistente”, mi riempiono di orgoglio e ci indicano la volontà di continuare il nostro percorso, che è sempre quello di tutelare il territorio e risolvere i problemi quotidiani dei cittadini. 
Il dato di Santa Marinella è esattamente ciò che mi aspettavo. Tengo presente infatti, che non sono stato supportato da parte di alcuni esponenti della maggioranza uscente e che quindi in settimana decideremo di conseguenza come relazionarci per le imminenti elezioni comunali”. 

Egli interpreta dunque il risultato come una conferma a veder proseguire il proprio percorso politico nel territorio, ma, almeno per il momento non specifica come.

Bacheca conclude dichiarando che “in politica si può vincere e si può perdere, l’importante è essere coerenti con se stessi e con il proprio credo “politico” ed è ciò che abbiamo dimostrato”.

Castello di Santa Severa: conferenza sulla Necropoli di Cerveteri – storia e archeologia del culto dei morti.

Tomba a camera n.290, dipinta, nella necropoli del Laghetto 

Sabato 10 marzo alle ore 17.00  presso la sala del Nostromo al Castello di Santa Severa, si terrà una conferenza intitolata “Le necropoli di Cerveteri: storia e archeologia del culto dei morti” a cura di Flavio Enei, direttore del Museo del mare e della navigazione antica.

La conferenza si inserisce nell’ambito del programma culturale febbraio-aprile del Gruppo Archeologico del Territorio Cerite.  Il Gruppo Archeologico del Territorio Cerite ( Gatc)  è un’associazione volontaristica di cittadini impegnati per la tutela e la valorizzazione dei beni culturali, con particolare riferimento al patrimonio storico-archeologico dell’antico territorio Cerite.  Si avvale del contributo di archeologi, filologi, storici, architetti e storici dell’arte e si propone di divulgare la conoscenza della storia del comprensorio, attivandosi per permettere la partecipazione diretta dei cittadini alle iniziative di salvaguardia, studio e recupero funzionale delle testimonianze del passato.

La conferenza sarà incentrata sul  popolo etrusco che ancora oggi affascina per la sua provenienza enigmatica e per la lingua ancora da decifrare e sull’’area archeologica  della necropoli della Banditaccia che  è una delle più estese al mondo con una superficie in grado di ospitare circa duemila tombe. Il luogo, situato su una sommità tufacea a nord di Cerveteri, dedicato esclusivamente al culto dei morti  fu costruito dagli Etruschi per seppellire in quel luogo i propri defunti. L’area archeologica è una delle più estese al mondo con una superficie in grado di ospitare circa duemila tombe.