Bruno Ricci sindaco: Lucantoni, no al Bacheca Ter Boccoli e Calvo non ammettono la bocciatura

Stefano Lucantoni

Toni duri in questi ultimi giorni tra le fila del centro destra in cui a scontrarsi sono quelli che scongiurano il Bacheca ter e quelli che, invece, sono ancora legati affettivamente e politicamente al sindaco uscente.

In questa diatriba il primo a dichiararsi contro le scelte di Bacheca è stato Stefano Lucantoni, leader del movimento civico Santa Marinella 4.0 che, sulla candidatura di Bruno Ricci, fortemente voluta da Bacheca e dal suo gruppo politico commenta: “La situazione in cui versano Santa Marinella e Santa Severa, sotto gli occhi di tutti, è il risultato di un decennio in cui Bacheca e le sue amicizie, leggiamo negli articoli Massimiliano Calvo, Roberto Boccoli, Bruno Ricci, hanno già dimostrato tutta la loro incapacità gestionale. Hanno avuto il tempo, il modo e l’opportunità  per risollevare le sorti del comune ed invece l’hanno portato a questo punto – e continua – queste persone darebbero vita ad un Bacheca ter che, a nostro sommesso giudizio, è da evitare come la peste perché incarna quel passato che non ha futuro e quel presente che non soddisfa”.

Ma le affermazioni di Lucantoni non passano inosservate e suscitano il disappunto dei fedelissimi di Bacheca, Boccoli e Calvo, coordinatori di “Movimento Civico”, i quali, in un comunicato, augurano stizziti al leader di Santa Marinella 4.0, una buona campagna elettorale, riponendo la loro personale fiducia nella scelta degli elettori.

“A giudicare dalle dichiarazioni di Lucantoni sulla stampa abbiamo constatato che il nostro appello a mettere da parte i personalismi non è stato recepito – scrivono i bachechiani – questa mania di protagonismo ed ergersi a paladini del buon governo e a mettersi sul piedistallo ci piacerebbe sapere da dove deriva. E soprattutto a cosa porta. Noi siamo del parere, come sempre, che saranno i cittadini a giudicare da chi vogliono essere rappresentati. Lucantoni, con le sue dichiarazioni, dimostra di non saper condividere programmi e idee per il futuro, ma solo la capacità di avere pregiudizi su chi ha collaborato all’interno della pubblica amministrazione negli ultimi anni”.

Proprio quest’ultimi, infatti, in un precedente comunicato, lasciavano intendere di essere in cerca di qualche altro gruppo che volesse aderire al loro progetto politico per le future amministrative e per questo, oggi affermano: “Abbiamo proposto dei tavoli di confronto appositamente per cercare di evitare “lotte interne” che interessano a nessuno. Ma è evidente, a questo punto, che la loro lista non è interessata nemmeno a confrontarsi per il bene di Santa Marinella. Ribadiamo che il nostro movimento è invece aperto al confronto con chi vorrà condividere idee e programmi e non abbia pregiudizi personali”. 

Dunque un centro destra ancora ostaggio delle diatribe interne dove il maggior ostacolo è rappresentato proprio da Roberto Bacheca e da chi persegue la sua stessa politica, che, come si legge continuamente sui social, non è stata accolta, né per il territorio di Santa Marinella, né per quello della Regione Lazio visto che, come più volte ha ribadito il PD, il sindaco uscente ha conquistato un  numero irrisorio di preferenze.