Isola pedonale: scontro tra giunta e esercenti. Progetto sperimentale inizia col piede sbagliato

L’Isola pedonale a Santa Marinella è da sempre motivo di scontri tra esercenti, organizzatori e politici. Anche quest’anno la chiusura al traffico del triangolo tra Via della Conciliazione, Viale Roma e Piazza Trieste ha suscitato parecchi malumori.

La giunta comunale sabato 4 agosto ha reso pubblica un’ordinanza del sindaco che concedeva la chiusura al traffico dell’area generalmente adibita al mercato del giovedì, partendo dalla richiesta dei negozianti di Via della Conciliazione che, inizialmente avevano proposto la pedonalizzazione solo della loro stradina.

Gli altri esercenti si sono ritrovati inclusi in un progetto di cui non conoscevano esattamente i termini: dalla delibera, si evinceva che i titolari delle attività commerciali erano responsabili per la gestione del traffico, per il controllo degli accessi all’area e avrebbero dovuto obbligatoriamente impiegare il proprio personale per gestire queste attività.

La reazione non si è fatta attendere e alcuni esercenti hanno sollevato parecchi dubbi: dallo scarso preavviso alla cittadinanza (l’ordinanza era esecutiva dalla sera stessa di sabato, senza l’abituale affissione dei divieti di sosta), al mancato coordinamento con gli esercenti dell’area di Piazza Trieste, alla fattibilità legale di attribuire a camerieri e negozianti gli oneri di gestione del traffico e la responsabilità civile di qualcosa piovuta dall’alto.

Sebbene il consigliere Maura Chegia si affrettava a spiegare che era stato stilato un accordo, non presente nell’ordinanza, per fare in modo che i varchi venissero presieduti dalla Pro Pyrgi il sabato stesso, in realtà l’isola pedonale non è stata realmente realizzata. Solo la domenica, la protezione civile è riuscita ad ottemperare alla chiusura, fino alla mezza notte.

Il sindaco Pietro Tidei, ha dato una risposta piccata alla reazione dei negozianti, alcuni dei quali hanno provveduto a depositare un esposto denuncia sulla vicenda.

Spiega il sindaco: “Non era necessario scomodare il Prefetto, i VVFF di Roma, la Questura e quanti in indirizzo nell’esposto ricevuto dai commercianti di Piazza Trieste per un progetto, quello dell’isola pedonale, in fase sperimentale per soli altri 3 weekend.[…] Quando a Civitavecchia ho introdotto lo stesso provvedimento, la novità non ha trovato immediato accoglimento, specialmente dalla categoria realmente beneficiaria, quella degli operatori commerciali che, a distanza di un anno, mi hanno chiesto di prolungare il periodo di chiusura al traffico. 

Dobbiamo guardare in avanti ricordando che la civiltà si misura in passi e non con il numero delle automobili, per questo motivo siamo intenzionati a portare avanti a Santa Marinella, il progetto delle isole pedonali da estendere possibilmente anche in altre aree cittadine”.

“Ciò detto, – conclude il sindaco – oltre alla mia disponibilità ad un incontro, posso confermare che la gestione della sicurezza in piazza Trieste sarà garantita dai volontari della Protezione Civile e dalla Polizia Locale nonostante la carenza di organico e senza onere per i commercianti.

Colgo l’occasione per richiamare la categoria al rispetto delle norme per l’occupazione di suolo pubblico nonché al pagamento dell’imposta C.O.S.A.P. dovuta, ricordando che si tratta di un beneficio e non di un diritto”.