Arte e Cultura

Fiori Santa Marinella, Minghella: voglia di rinascere. Sarà di nuovo Perla in fiore


Più di duemila consegne nell’ultimo weekend da parte dei floricoltori e della protezione civile. In poche ore tutte le case dei santamarinellesi si sono riempite di colorati e profumati fiori dei nostri produttori locali.

Viole, fresie, calle, campanule, margherite, astromelie, bocche di leone, confezionate con l’olivo benedetto da Don Salvatore hanno reso la domenica delle Palme ancora più speciale, seppur accolta dai balconi di casa.

L’amministrazione comunale, in collaborazione con l’Associazione Promozione e Sviluppo Santa Marinella, sta cercando di dar voce a questa iniziativa schierandosi al fianco dei floricoltori locali.

Commenta l’assessore Minghella: “In questa domenica delle palme appena trascorsa ho visto così tanti post nei social sulla bellezza dei fiori di Santa Marinella che mi preme dover dire che questa bellezza l’abbiamo avuta sempre davanti agli occhi ma troppe volte l’abbiamo accantonata vivendo solo del ricordo di un tempo che fu, che vedeva la nostra città il paese dei fiori. Ebbene, ci siamo accorti forse che quel tempo lo è ancora? Ci è successo come i bambini, che riscoprono la bellezza di un vecchio giocattolo e che magari funziona ancora benissimo”

“Dall’altra parte ho visto anche dei floricoltori – continua l’assessore alle attività produttive – che hanno avuto il coraggio di gridare di nuovo, di far sentire la loro voce, di chiedere aiuto, nonostante la grande umiltà e serietà che hanno avuto in questi anni, tirando avanti l’azienda con sacrificio e caparbietà, soffrendo senza lamentarsi con nessuno. “

“Dunque la mia riflessione – conclude –  che spero sia condivisa da tutti, è quella che entrambe la parti debbano ricostruire qualcosa. La fiducia nel nostro paese, il rispetto per le attività locali, la voglia di ripartire facendo rete. Non volendo parlare personalmente vi dico: avete una cosa che tante comunità non hanno, lo spirito di solidarietà e su questo spero che ripartiremo tutti.

L’amministrazione comunale sarà ben lieta di fungere da trade union, soprattutto ora che abbiamo un gruppo di promozione e sviluppo del territorio che funziona. Mi piacerebbe a settembre, o quando i floricoltori vorranno, organizzare la nostra prima fiera, una “Perla in fiore” che duri sempre.

Santa Marinella: il volontariato illumina la perla con il tricolore. Panico intona l’inno d’Italia

Continua l’impegno delle associazioni di volontariato per dare un segno di vicinanza alla popolazione italiana che sta attraversando una profonda crisi economica e sociale.

L’iniziativa, che conclude le tante in atto durante questa prima settimana di emergenza, è stata ideata da Bruno Bruni, dal Nucleo Sommozzatori, dalla Croce Rossa e dalla Misericordia. Ieri sera la spiaggia della Perla del Tirreno si è illuminata con il tricolore. Un’immagine che forse non siamo abituati a vedere e che ci lascia commossi. Per chi è rimasto sveglio, poi, c’è stata l’esibizione del tenore Christian Panico che ha intonato l’inno di Mameli, in segno di speranza in un sabato sera in cui i tg sono bollettini di guerra.

Le associazioni: “Abbiamo voluto regalare questo momento ai nostri cittadini che in questa settimana hanno fatto i conti con le tante restrizioni. Un modo per far capire che il futuro è ciò che facciamo adesso e adesso, voi state a casa, noi faremo il possibile. E continuano ” Grazie a Bruno Bruni, inossidabile, che oltre ad aver avuto l’idea, ha messo a disposizione gli strumenti per realizzarla. Grazie a Christian ed infine grazie alle forze dell’ordine per l’estrema fiducia che ripongono in noi.

Commercio Santa Marinella. Minghella: i fiori dell’Etruria Meridionale. Soddisfatta Valentina Fantozzi

Santa Marinella, città del fiore. Così negli anni cinquanta veniva descritta la nostra città. Un’attività che nel tempo ha subito crisi sempre più profonde, ha visto famiglie sottoposte a sacrifici enormi per non chiudere, tanti non ce l’hanno fatta e hanno lasciato i loro terreni incolti. Oggi i produttori più tenaci continuano nella tradizione familiare tramandata da padre in figlio, controllano il meteo, temono le alluvioni e le trombe d’aria, difendono le loro aziende, la sveglia sempre impostata alle tre del mattino per i mercati generali. Ma al coronavirus, anche i reduci, non erano proprio pronti e così, con la Pasqua alle porte ed in piena fioritura, hanno visto sfumare gli sforzi di un intero inverno. Tutto il raccolto invenduto. Lacrime amare.
Ma loro sono santamarinellesi, hanno il cuore grande e per questo hanno trasformato le loro lacrime in sorrisi.


Emanuele Minghella, assessore alle attività produttive e sviluppo territoriale: “L’iniziativa è nata con Valentina Fantozzi, su impulso dei produttori, proprio in questi giorni di isolamento in cui tante aziende stavano buttando al macero la propria produzione. Dovevamo fare qualcosa, sia come Comune che come associazione di promozione e sviluppo del territorio. Abbiamo quindi trasformato l’impulso in qualcosa che potesse innanzitutto risvegliare le coscienze ed attirare l’attenzione dei cittadini su questa attività, dai più dimenticata. Oggi poi, con possibilità ancora maggiori in virtù del patto dell’Etruria meridionale che abbiamo siglato con i Comuni di Cerveteri, Tolfa e Allumiere, cerchiamo di risollevare questo settore affinché riprenda fiato ed ottenga i giusti onori che merita. Grazie all’aiuto del volontariato abbiamo riempito la nostra città di fiori ma, ancor più importante, abbiamo esportato il nostro prodotto nell’Etruria meridionale. Ringrazio i sindaci Landi, Pascucci e Pasquini perché oggi hanno ricevuto i nostri fiori gratuitamente, domani contribuiranno,con noi, alla ricrescita di questo settore.

Valentina Fantozzi: “Abbiamo recuperato, in pochissimi giorni il valore della cultura più antica che abbiamo la Floricoltura, ancora prima che esistesse il comune qui si cresceva studiando le piante, manipolando la genetica creando nuove specie floreali qui a Santa Marinella la cultura era il Fiore.
La natura si difende con lentezza per adattarsi ai cambiamenti e diventare immortale“, scriveva Stefano Mancuso.
In questo stato di emergenza, la necessità ha messo all’opera i nostri Floricoltori ad unirsi ed a trovare soluzioni per rendere immortale la nostra Storia.
Prima di programmare ogni azione hanno pensato ai nostri cari defunti alle famiglie più bisognose, il rispetto per il nostro passato ed il rispetto per i più umili.
Adesso possiamo andare avanti con fiducia insieme al nostro territorio, l’Etruria meridionale”.

L’INIZIATIVA DI PROMOZIONE E SVILUPPO SANTA MARINELLA
Il progetto si chiama “Sosteniamo la nostra Floricoltura”, e vede la collaborazione delle associazioni di volontariato di protezione civile che hanno raccolto presso i floricoltori tutti i raccolti invenduti.
I primi a riceverli sono stati i cari defunti, grazie ai volontari che, con il cimitero chiuso al pubblico, hanno deposto per ogni concittadino sepolto, un omaggio; successivamente sono stati consegnati alle famiglie più bisognose che vengono seguite dal centro operativo comunale ed infine a tutte le persone che si sono recate a fare la spesa, trovando dei mazzi all’ingresso dei supermercati (gratuiti fino ad esaurimento).
Il Presidente: “Con questo gesto vogliamo dare voce al livello nazionale alla categoria che come tante
è in difficoltà, la Floricoltura è la nostra Storia difendiamola”
Abbinato all’iniziativa anche un concorso che si realizza in pochi semplici passi
1 fare una foto dei fiori ricevuti
2 postarla sulla pagina Verde Santa Marinella e Promozione e sviluppo Santa Marinella Santa Severa
3 aggiungere al vostro post degli hashtag #fioridisantanarinella #fiori #confagricoltura #cia #coldiretti #mercatodeifiori #santamarinella #visitsantamarinella #visitetruriameridionale #civitavecchia #cerveteri #tolfa #allumiere #italia #insiemepossiamofarlo

LE AZIENDE DONATRICI
Antonello D’Ascenzo
Massimo Pistola
Giancarlo Fiorucci
Fabrizio D’Ascenzo
Alberto Giganti
Luigi Ninfa

L’iniziativa è stata inoltre condivisa da Greenline Redazione, un sito web nazionale di casa e giardinaggio che ha promosso e condiviso lo spirito solidaristico.
Un sentito ringraziamento da parte di tutti va ai volontari del Nucleo Sommozzatori, della Misericordia e della Croce Rossa, a Raffaella D’Ovidio con il suo progetto “ La Ginestra Bianca”, Antonio Floris, che cura la pagina Facebook Verde Santa Marinella, i quali stanno dando aiuto per la gestione del concorso ed infine, il doveroso grazie a chi ha donato un sorriso.

Giornata mondiale della poesia: la dedica di Passerani a Santa Marinella

Nella giornata mondiale della poesia non poteva mancare il nostro scrittore Massimiliano Passerani. Annullata la serata della Compagnia dei volti di questa sera, che vedeva interpretata la raccolta di racconti ” Ogni volto sopra di me … sospiri” , il giovane scrittore ha voluto comunque unirsi allo spirito di tanti altri artisti locali lasciando una dedica per la nostra bella città che oggi accoglie l’arrivo della primavera senza corse sulla spiaggia o per le campagne.

“Mentre il sole scende e va via,
siamo lontani, ancora ,dentro e fuori.
Lontani da figli e madri.
Da emozioni e schizzi di felicità.

La Perla traballa e si raddrizza
nel male che colpisce a tradimento.
I suoi figli impauriti e stanchi
combattono una guerra senza senso.

Le spiagge,le amicizie e le passioni
devono purtroppo star lontane,
sembra un circo senza giochi né speranze.
Eppure questo serve per sognare
un domani diverso e colorato.

Colorato come noi possiamo fare,
Pieno di fiori, turisti e belle cose.
Pieno di gente serena e generosa
che per diletto scende in riva al mare.

Questo serve per battere il nemico,
un nemico bastardo e velenoso.
Eppure quando mi affaccio in finestra e vedo i canti e gli occhi della gente,
sono ancora convinto di qualcosa.

Superate ogni litigio e discussione,
chiamate chi dovete e amate.
Questo momento resterà scolpito
Di quando un sogno e una nazione
hanno battuto il virus con l’amore. MASSIMILIANO PASSERANI

Anche per lui un sentito grazie, come per tutti gli artisti che stanno contribuendo a tenere vivo il nostro paese, nonostante l’isolamento forzato.

Santa Marinella: un cuore che batte oltre il virus

Santa Marinella in questi giorni di isolamento ha riscoperto la comunità. Come? Con le tante iniziative che molti cittadini hanno “inventato” dalle loro case, attraverso il cellulare, utilizzando il social.
Tutti sono scesi in campo, sin dal primo giorno in cui proprio il Sindaco si è dichiarato positivo al covid, gli amministratori comunali e parte dei dipendenti hanno dovuto rispettare l’isolamento fiduciario, i primi servizi sono venuti a mancare.

Ci auguriamo, dunque, che tutta l’amministrazione torni presto in servizio ed al Sindaco, una pronta guarigione.

Se volessimo compilare una lista di ciò che è stato, non basterebbe di certo questa pagina di telesantamarinella, ma sicuramente qualcosa la possiamo appuntare sul nostro block notes.
Numero 1. MEDICI ED INFERMIERI. FORZE DELL’ORDINE: Non abbiamo un ospedale nella nostra città, ma quanti di noi abitano nello stesso condominio con un’infermiera del San Paolo o con il medico, l’anestesista, il radiologo? E quanti di noi sanno che al piano di sotto abita il carabiniere arrivato da poco alla Caserma di Santa Marinella, o a quella di Civitavecchia? A loro va il primo infinito grazie.
Numero 2. IL VOLONTARIATO: come sempre, d’altronde. Il nostro volontariato c’è, c’è sempre stato ed è il nostro fiore all’occhiello. Uomini che indossano ognuno i propri colori, dati dalla sintesi del colore della solidarietà e del senso del servizio per la propria città. Proprio ieri, oltre al normale servizio di pattugliamento del territorio, due diverse iniziative sono state organizzate per raccogliere fondi per l’acquisto di materiale medico, che comincia a scarseggiare. Voto? Ogni cifra sarebbe troppo poco.

Numero 3. LE IMPRESE: Tutte, quelle che hanno dovuto chiudere, quelle che stanno assicurando gli approvvigionamenti. I FIORAI che stanno donando i loro raccolti in questi giorni di inizio primavera, il momento più redditizio dell’anno. Si, perché tra poco ci sarebbero stati i matrimoni, le comunioni, le cresime. E invece no, le chiese sono chiuse, la Parrocchia del Carmelo prega in diretta da Facebook, i bambini fanno i picnic in giardino, i genitori diventano insegnanti ed i nonni sono pieni di ricordi, di qualcosa che tanto tempo fa, è già avvenuta. I Ristoranti, pronti a banchettare per le feste citate, hanno tirato giù la saracinesca: “confidiamo nel turismo di ferragosto, dicono!”

Intanto qualcuno scrive che è ora di realizzare una vera e propria unione commercianti, Valentina Fantozzi lo sta già facendo. Uno, fra tutti, non si è perso d’animo, BRUNO BRUNI, il primo ad attivare la consegna di pizza a domicilio ed a mettere delle casse su un camion per portare un po’ di musica tra le strade vuote. Voto? Eccellente, hanno capito tutti la tragica situazione e hanno cercato di pensare subito al futuro.


Numero 4. I MUSICISTI ED I CANTANTI: la lista è lunga. Loro sono stai i nostri flashmob social. Perché abbiamo esposto il tricolore sui nostri balconi ma non abbiamo ballato cosi tanto. Noi abbiamo i nostri VIP. Loro ci hanno riempito il cuore di gioia. SERGIO E TIZIANO BASILIDI hanno raggiunto oltre 60 mila visualizzazioni e sapete come? Parlando di un paese che aspetta di tornare al mare. Il mare della Perla del Tirreno. CHRISTIAN PANICO il tenore che ha cantato dalle colline di Belvedere ed il cui canto è arrivato fino al Porticciolo. I nostri musicisti: FABIO DE PAULIS, FABIO MANCIN, MANOLA BARBIERI e gli allievi delle loro scuole. Li abbiamo sentiti suonare, con gli occhi lucidi e con lo spirito tipico degli insegnanti. E così, tra una nota e l’altra ecco spuntare FABIO GASPARRI, che con il karaoke ha cresciuto centinaia di giovani nell’unico pub della città. Lui ha fatto qualcosa in più, lui ha scritto la nostra canzone. Politici, cittadini, colleghi l’hanno già decretata la canzone di Santa Marinella, con sua sorella Severa, Santa pure lei; e poi … anche ALESSIO DE PERSIO è tornato ad imitare ed ALESSANDRO FIORUCCI ha prestato la sua voce per dirci di stare a casa. Mio caro VIRUS, “beccati questa”. Voto? direi che in questo caso possono anche montarsi la testa, sono stati super!


Numero 5. I CITTADINI: primi fra tutti quelli che hanno donato il sangue e che lo faranno nei prossimi giorni. Poi, c’è chi ha capito che bisognava seguire subito le regole e chi invece, proprio non ci voleva credere alla gravità del fatto. Alla fine, dopo più di 10 giorni di isolamento,con intervento in piu riprese del Sindaco che ha dovuto vietare tanti comportamenti abituali, stiamo cominciando a capire che bisogna stare a casa. Ultimi questa mattina i runners, furiosi per il divieto di attività fisica all’aperto, ma c’è anche chi non può andare al Cimitero e un divieto di abbraccio spirituale fa male allo stesso modo, ma si resiste. Voto? meglio di no, lo rimandiamo a quando tutto sarà finito. Continuiamo a fare il nostro dovere.
Ebbene, queste sono le cose che abbiamo segnato nel nostro block notes, continuate a segnalarci questi gesti, verrà il giorno che torneremo ad incontrarci in piazza e ne parleremo, tutti insieme.
Santa Marinella Resta A Casa.

Alessandra De Antoniis

Senato della Repubblica, 6 febbraio 2020. Convegno “Elettromagnetismo e avanzamento tecnologico”.
Roberto Angeletti rappresenta Santa Marinella.

Si è tenuto a Roma, lo scorso 6 febbraio presso il Senato della Repubblica un importante convegno organizzato da “POLAB”, sul tema dell’elettromagnetismo con particolare riferimento all’innovazione ed applicazione del “5g”.Tra i relatori uno dei maggiori esperti di elettromagnetismo, responsabile di POLAB, Dott.Alfio Turco.

Il convegno incentrato sui nuovi scenari tecnologici disegnati dal 5G, in relazione alle novità che la normativa tecnica di settore introduce nel tema della pianificazione che i Comuni possono mettere in atto, ha visto la partecipazione di numerosi esperti del settore , docenti universitari, tecnici e di una forte rappresentanza dell’attuale Governo con la presenza di Sergio Costa (Min.Ambiente), Pierpaolo Sileri (Vice Min.della Salute), Mirella Liuzzi (Sottosegr.Sviluppo Economico) e dell’Istituzione Europea con Massimo Castaldo (Vice Pres.Parlamento Europeo).

A rappresentare il Comune di Santa Marinella il Consigliere Angeletti, delegato all’Innovazione Tecnologica che commenta:” La nostra presenza a questo convegno insieme ai tanti colleghi dei comuni Italiani è fondamentale.

I Comuni – prosegue Angeletti – ricoprono un ruolo decisivo per la realizzazione e l’ammodernamento delle reti poiché devono  offrire un miglioramento nella  qualità dei servizi garantendo però la salute dei cittadini. Il convegno a cui abbiamo partecipato con il dirigente comunale Arch.Claudio Gentili, fornisce,  con interventi illustri,  una seria valutazione scientifica, senza speculazioni strumentali,  su una tematica nuova e di imminente diffusione , il “5g”. Sono diverse le Amministrazioni Comunali – conclude Angeletti – che hanno vietato la sperimentazione di questa nuova tecnologia. Da parte nostra non mancherà la partecipazione a tutte le occasioni di dibattito, formazione per operare sul nostro territorio la scelta migliore

Mtb Santa Marinella-Cicli Montanini: Lorenzo Borgi subito a podio nella prova inaugurale del Trttico Laziale

E’ stata una domenica ricca di buoni risultati per la Mtb Santa Marinella-Cicli Montanini che ha preso parte alla gara inaugurale del 27°Trittico Laziale (nel quartiere romano di Castel di Leva) che ha coinciso con la prima gara stagionale in mountain bike per il team altolaziale valida anche come prima prova di Campionato Regionale CSI Lazio. Nella gara capitolina, il miglior risultato è arrivato da Lorenzo Borgi che è salito sul secondo gradino del podio nella sua categoria master 6, a coronamento della giornata sono arrivati anche i piazzamenti di Gabriele Faccenda (7°M2), Mauro Gori (6°M6), Claudio Albanese (7°M6), Claudio Savioli (5°M7), Federico Forti (16°M3), Massimiliano Chiavacci (13°M4) e Giuseppe Cherubini (20°M5). “I nostri atleti hanno subito dimostrato impegno – ha affermato il presidente Stefano Carnesecchi – in una competizione prestigiosa come il Trittico Laziale che rimane tra gli obiettivi primari di questo inizio di stagione”.

Giorno del ricordo – Assessore Gaetani agli alunni: se vi sentite cittadini liberi è perché altri hanno lottato per la libertà.

Celebrata questa mattina la giornata del ricordo con la deposizione di una corona d’alloro al Parco Martiri delle Foibe. Presenti le associazioni di volontariato, la autorità militari, Don Salvatore Rizzo, rappresentanti del consiglio comunale di maggioranza e di minoranza. A memoria delle vittime degli italiani infoibati è intervenuto l’assessore Roberta Gaetani che ha esortato i giovani presenti a ricordare le tristi vicende occorse ai cittadini di Istria e Dalmazia, colpevoli solo di essere italiani. ” Cari ragazzi – ha esordito la Gaetani – la nascita della Repubblica, i fondamenti delle democrazia ci ricordano che è necessario confrontarsi e condividere, collaborare. Se oggi ci sentiamo cittadini liberi d’Europa è perché prima di noi qualcuno ha lottato per questa libertà, ed è per questo che oggi commemoriamo questo “ricordo” senza dimenticarle tremende atrocità che si sono consumate negli inghiottiti carsici della Venezia Giulia. Significative anche le parole di Don Salvatore Rizzo che si è soffermato sull’importanza della preghiera di Dio nel momento del dolore e della morte.

La cerimonia, aperta con l’inno d’Italia, si è conclusa con la deposizione delle corona da parte delle volontarie della Croce Rossa e della Misericordia.

Rigorosamente “black couture” gli outfit progettati e realizzati su misura dall’atelier Franco Ciambella per Tosca al Festival di Sanremo

Sanremo, criticato e amato dai telespettatori italiani rimane sempre un appuntamento che fa parlare di sé, dalla musica alla moda.

Se tanti sono stati gli “sfottò” sugli outfit, di certo non è il caso di Tosca, vestita dallo stilista Civitavecchia Franco Ciambella, che ieri sera ha interpretato, insieme alla cantante Silvia Perez Cruz, ” Piazza Grande” di Lucio Dalla.

Questa la sua ispirazione: “Franco Ciambella interpreta in una visione transizionale, come un archivio di memorie, dei capi che nella loro essenzialità di forma  e  colore nero, rappresentano non solo il mediterraneo tradizionale  ma anche una dimensione intima strettamente legata al testo del brano “Ho amato tutto” scritto da Pietro Cantarelli, che Tosca interpreterà durante la settantesima edizione della kermesse sanremese. Gonne lunghe realizzate con tagli a ruota in doppia georgette o multistrati di pois d’esprit coordinate a camicie maschili dove per ognuna il recupero di femminilità è dato da un elemento costruttivo: che sia il taglio a kimono della manica associato ad colletto all’italiana, che sia un volant montato insieme ad un collo alla coreana, che sia una camicia maschile “vedo non vedo “, il fashion-designer non tradisce la voglia di minimalismo ed eleganza proprie di capi iconici senza tempo, connettendo il passato al presente.”

Aquae Tauri in Biblioteca: un volume in onore di Salvatore Bastianelli Cento immagini inedite faranno da cornice all’evento

Aquae Tauri

Un nuovo appuntamento culturale con l’archeologia organizzato Biblioteca Civica Capotosti di Santa Marinella è in programma venerdì 15 novembre alle ore 16.30.

L’esposizione di cento fotografie inedite farà da cornice alla presentazione del secondo quaderno su Aquae Turi dedicato a Salvatore Bastianelli e scritto a quattro mani da Odoardo Toti e Glauco Stracci.

La dottoressa Cristina Perini, direttrice della biblioteca, introdurrà l’evento.

 

Gli scatti, fino ad oggi sconosciuti, alcuni databili al 1913, sono stati casualmente ritrovati dagli eredi di Bastianelli e donati agli autori del volume.

 

Salvatore Bastianelli (1885-1975) fu un precursore della moderna archeologia e per i suoi meriti fu fregiato del titolo di Ispettore Onorario alla Soprintendenza e Cavaliere del Regno d’Italia. Fondò e fu il primo direttore del Museo Civico di Civitavecchia, oggi diventato Museo Nazionale, salvandone i reperti durante il bombardamento del 1944. Produsse vari studi pubblicati dall’Istituto di Studi Etruschi, dall’Accademia dei Lincei e dall’Istituto di Studi Romani, che ancora oggi sono un punto di riferimento nel settore. Fu amico degli archeologi Pietro Romanelli, Raniero Mengarelli e Massimo Pallottino.

 

Bastianelli, per conto dell’allora Soprintendenza ai Monumenti e Scavi diresse, negli anni antecedenti al 1942, importanti scavi nel territorio tra cui le Terme Taurine di Civitavecchia e la Castellina di Santa Marinella.

 

Il volume è edito dalla Società Storica Civitavecchiese con il patrocinio del Comune di Civitavecchia e della Soprintendenza Archeologia delle Belle Arti e del Paesaggio per l’area metropolitana di Roma, la provincia di Viterbo e l’Etruria meridionale ed è già stato inserito nel Corpus Inscriptiones Latinarum come riferimento bibliografico.

 

La partecipazione è libera.

Piro: intervista a un rapper di Santa Marinella

Dario Piroli è un ragazzo di Santa Marinella, classe 1994, e nei suoi venticinque anni ha maturato due grandi passioni: la cucina e la musica. La prima è appagata dalla sua professione di chef qualificato; la seconda trova sfogo calcando il palco.

In arte “Piro”, lo abbiamo incontrato, per parlare di lui, dei suoi progetti e del prossimo evento a cui parteciperà, proprio nella sua città, il 25 luglio al Santa Young Music Festival che, nelle ultime settimane sta dando la possibilità a giovani artisti del comprensorio di far ascoltare, in piazza, di cosa sono capaci.

Ciao Dario, anzi Piro, la prima domanda è di rito: realizzi i tuoi brani, scrivi i tuoi testi e li porti sul palco, ma questa tua passione come nasce?

Penso che sia innata: scrivo quello che vivo, ma soprattutto, mi diverto.

Il tuo genere…

Rap, pop… spero abbastanza orecchiabile per tutti…

E il sound?

Per il sound mi affido a mio cugino, Michele Manca

Il tuo primo brano è stato pubblicato da poco: secondo te, quale accoglienza gli riserverà la tua citta, Santa Marinella?

Spero buona… su Spotify, il brano ha già raggiunto le 3.000 stream nella prima settimana e su YouTube ha superato le 2.000 visualizzazioni in un mese. Essendo un giovane emergente, per me questi sono già dei traguardi.

Un verso scritto di tuo pugno che ti rappresenta…

“Resto per la strada un cane abbandonato”, tratto dal testo di “Scrivo”…

…e una canzone di altri che avresti voluto scrivere tu?

Ce ne sono tante: sceglierne una sarebbe riduttivo, ma il testo di “A te” di Jovanotti mi è particolarmente caro.

Che genere di musica ascolti?

Ovviamente, al primo posto c’è il rap, ma ascolto tutti i generi: dipende anche dallo stato d’animo del momento…

Musica e cucina: quali sono le tue passioni oltre a queste?

Viaggiare: è una delle mie più grandi passioni, al punto che mi sono fatto tatuare un aereo sul petto, proprio a sottolineare l’importanza che ha per me il viaggio e il viaggiare.

Quali sono i gli obiettivi che ti sei prefissato?

Per ora il mio obbiettivo è divertirmi con quello che faccio, ma penso anche a migliorarmi, con lo studio.

Come nascono i tuoi testi?

Di notte: penso a quello che vissuto e mi ispiro per scrivere le parole dei miei pezzi.

Dei tuoi brani quali consideri il tuo cavallo di battaglia?

Per ora ho pubblicato un solo brano, quindi direi che va considerato quello per ora: “La guerra dei sensi” accompagnata da una produzione e ascoltata su Internet.

Qual è la tua prossima uscita?

Con mio cugino Michele Manca, che è anche il mio principale collaboratore, stiamo lavorando su svariati pezzi, ma non so ancora quale sarà il prossimo che pubblicheremo. Sperò, però, che ci sia una nuova uscita a breve…

Che effetto fa salire sul palco?

Provo un’emozione fortissima che mi fa alzare al massimo l’adrenalina.

Visto che il tuo brano s’intitola “La guerra dei sensi”, riesci a descriverla con una sola frase?

Parla della delusione di una storia finita e la consapevolezza di non rivivere più determinati momenti con una persona.

Quando l’hai scritta?

Tanto tempo fa: avevo diciannove anni.

Quando potremo vederti dal vivo sul palco?

Giovedì 25 luglio, a partire dalle 21:30, mi esibirò a Piazza Trieste, qui a Santa Marinella, per il Santa Young Music Festival, insieme ad altri artisti della mia città e volevo invitare tutti a venire per supportare la nostra musica, ascoltandola. Spero che venga più gente possibile.

Grazie, Piro, e ci uniamo al tuo invito alla nuova serata di questa iniziativa estiva rivolta ad artisti emergenti come te.

Ciclo venerdi del racconto: in biblioteca con il regista Dario Albertini

Continua il successo della rassegna “ i venerdì del racconto” a cura dell’assessore alla cultura Ivana della Portella. Questo weekend, con l’arrivo della Primavera riparte nella Biblioteca di Santa Marinella la terza sessione di SMART, dedicati questa volta, al Cinema e ai registi del territorio, che con il loro sguardo hanno raccontato la Città di Santa Marinella e la realtà italiana, presente e passata.
“Gli incontri quindicinali – fa sapere Della Portella – oltre alla visione parziale o totale delle pellicole, costituiranno un fondamentale momento di approfondimento e confronto con i registi, gli attori, gli esperti. L’inizio della rassegna è alle ore 17:00. Il prossimo Venerdì 26 Aprile un appuntamento da non mancare:
Il cinema racconta i giovani, con Manuel, di Dario Albertini.

Alla proiezione saranno presenti, oltre al regista Dario Abertini, anche il regista Peter Del Monte e l’attrice Francesca Antonelli.

Passione di Cristo: Santa Marinella si prepara per il ritorno della storica rappresentazione

Tanti anni sono passati dall’ultima volta che la passione di Cristo andò in scena, un sogno che venne solo chiuso in un cassetto e mai tramontato. Ad aprire lo scrigno l’associazione Insieme per divertirci con la complicità della Compagnia Percuoco, sotto la direzione di Settimio Guredda e la collaborazione delle storiche Anna e Donatella. Domani sera alle ore 21.30 lo spettacolo inizierà al Parco di Via della Libertà, luogo che a Natale ha ospitato il Presepe vivente e che stavolta vedrà gli Apostoli nell’ultima cena. Il Cristo sarà poi condotto dai Sommi Sacerdoti, da Pilato e da Erode i cui templi sono stati edificati nell’area ex fungo. Dopo la condanna il popolo, la Maddalena e le Marie accompagneranno il Messia alla crocifissione che si svolgerà nel suggestivo promontorio del Porticciolo. Mesi e mesi di incessante lavoro tra i volontari per un evento che vedrà più di 120 figuranti, tutti cittadini di Santa Marinella. Ore di sartoria ci sono volute per restaurare alcuni dei vecchi abiti e farne di nuovi, grazie alle abili sarte capitanate da Irene Pierozzi. Oltre ai volontari ed alle associazioni, numerosi anche gli sponsor che si sono messi a disposizione per le strutture, service e materiale vario con la complicità dell’amministrazione comunale che ha concesso il patrocinio gratuito all’evento.
Dunque domani sarà il nuovo debutto e tutti i cittadini sono invitati a partecipare. Si ricorda, per l’occasione, che le vie del centro storico saranno chiuse al traffico a partire dalle ore 20.00, si raccomanda la massima collaborazione.

Partigiani Italiani: la biblioteca accoglie il congresso fondativo ANPI

La storica Associazione Nazionale Partigiani d’Italia venerdì in biblioteca comunale inaugurerà la sezione locale. Il 2 marzo scorso la commissione provinciale ha accolto la richiesta avanzata da un folto gruppo di cittadini, mirata all’apertura di una sezione locale dell”ANPI – Associazione Nazionale Partigiani d’Italia” anche a Santa Marinella.
La volontà di procedere in questa direzione nasce dalla necessità di dare risposta alla preoccupante deriva democratica alla quale stiamo assistendo, sgomenti, negli ultimi tempi. L’ANPI, da sempre, ha fatto della difesa dei valori costituzionali e dell’antifascismo la propria missione. opporsi a ogni forma di discriminazione, sia essa di razza, di sesso, religione o pensiero, costituisce un principio fondante della nostra società. rivendicare il diritto alla partecipazione, al pluralismo, all’informazione e chiedere il rispetto della giustizia sociale, rimane un dovere al quale non possiamo sottrarci. La negazione di questi diritti, invece, troppo spesso viene vissuta come un destino ineluttabile.
L’inclusione nel diritto di tutti è l’unica garanzia al diritto stesso e la lotta degli “esclusi” garantisce soprattutto che gli “inclusi” di oggi rimangano tali anche domani. I diritti non sono mai una conquista storica definitiva ed in Italia, questo, lo abbiamo imparato a nostre spese.
Tornare a lottare per un futuro migliore è l’unica via.
“L’istituzione di una sezione ANPI a S. Marinella rappresenta quindi un’importante traguardo culturale e politico, nel senso più alto del termine” scrive il comitato promotore che fa sapere:
“Il prossimo 5 aprile, alla presenza di rappresentanti provinciali e delle istituzioni locali, nella biblioteca A. Capotosti via Aurelia 310 ore 16,30 si terrà il congresso fondativo. Tutti i cittadini interessati o simpatizzanti dell’associazione, sono invitati a partecipare”

Terme in fiore arriva al castello di Santa Severa. Tutto pronto per la VI edizione

Dal 6 al 7 aprile approda a Santa Severa per la sua VI edizione, “Terme in Fiore”, la mostra mercato nazionale d’eccellenza, dedicata al giardinaggio e al mondo del vivaismo. L’evento è ospitato dal Castello di Santa Severa, spazio della Regione Lazio gestito daLAZIOcrea in collaborazione con Comune di Santa Marinella, MiBAC e Coopculture. Riaperto in maniera permanente oltre due anni fa dalla Regione Lazio il Castello è meravigliosamente tornato alla vita con l’apertura di un ostello al suo interno (inaugurato a fine aprile 2018 dal Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti,) e con i nuovi allestimenti museali e l’arrivo della fibra che ha permesso di dotare di wifi l’intero complesso si è consolidato il ruolo di questo antico (XI secolo d.C.) e spettacolare sito monumentale quale polo culturale e turistico di riferimento per abitanti della zona e visitatori di tutte le età.
E anche questa volta “Terme in fiore” non mancherà di offrire “chicche” e rarità: parteciperanno produttori di piante insolite e rare, produttori artigianali e alimentari di eccellenza scelti tra i migliori del panorama italiano. Inoltre, sabato 6 aprile saranno premiati i veterani della Floricoltura di Santa Marinella che con la loro passione e professionalità hanno reso famosa in Italia e nel mondo la cittadina. Inaugurazione della mostra alle 9,30 di sabato con le autorità. Alle 10.30 Conferenza sui veterani della Floricoltura e consegna delle onoreficenze- La mostra rimane aperta entrambe le giornate dalle 9.30 alle 19. La vendita biglietti termina alle ore 18.00 di ciascun giorno.
Prezzo dei biglietti d’ingresso: Intero 5,00 euro, con la speciale promozione “grandi eventi” si potrà acquistare al prezzo ridotto di €5 anche il biglietto di ingresso al complesso monumentale. Gratuito minori di 12 anni, abbonamento per 2 giorni 8.00 euro.
I cani possono entrare al guinzaglio

Amici di Flavia onlus sostengono “Marzapane”, il libro di Vittorio Rombolà.

Domenica 24 Marzo, alle ore 17.00 appuntamento imperdibile con l’associazione “Amici di Flavia Onlus” che aspettano tutti i sostenitori al Porto Riva di Traiano per conoscere il nuovo scritto di Vittorio Rombola’, dal titolo Marzapane. “Un libro che vuole dar voce all’attività di tanti maestri del bene con la speranza che attraverso il racconto si possano creare degli esempi per i più giovani” questo il commento di Michele La Ginestra, autore della prefazione. Tanta emozione per Silvia, Igor e tutti i giovani amici di Flavia che commentano:”crediamo fortemente nei giovani e nella loro apertura all’altro se guidati e stimolati. Proprio in merito a questo tema quest’anno in collaborazione con la dirigente scolastica Velia Ceccarelli abbiamo indetto il concorso ‘Solidarieta in arte’, occasione di confronto e riflessione sul tema della solidarietà.
Invitiamo tutti, giovani e adulti, a partecipare a questa presentazione”
Seguirà aperitivo sulla splendida cornice del porticciolo turistico di Riva di Traiano.

“L’amore che accoglie le tempeste della mente” San Valentino con Massimiliano Passerani

Dal libro Ogni Volto sopra di me, il nostro scrittore Massimiliano Passerani ha voluto rendere omaggio al giorno degli innamorati donandoci anche la bellissima immagine opera del disegnatore Walter Cherubini.

Quello di Passerani e l’amore maschile, che accoglie e dà equilibrio all’amore di donna, sempre smisurato, in ogni sua forma…. ed è proprio lei, la donna, a celebrarlo

Mi guardò cosí…così dolcemente e ruotó la testa…altrove…
Si vedeva da un milione di cose che era arrivato oltre ogni soglia conosciuta,ma io lo toccai…
Ancora…per vedere se era vero.
Si…era vero…e lui era davanti a me.
Lo avevo sognato sempre…e sempre era qua,sempre era nelle mie mani.
Che studiava l’orizzonte,in maniera cosí intensa che mi sembrò avesse intravisto un forziere con mille tesori su quel promontorio lontano.
Chissà…
Forse era così.
Forse lui era magico.Sì,magico.
Lo toccai e lui mi sorrise..ancora.
Aveva vestiti diversi ma gli stessi colori..dell’anima.
Mi riempiva ogni giornata.
Mi accoglieva nelle tempeste della mia mente.
Come mai,non lo so…Non l’ho mai saputo.
Brividi..
Decisi che era così…e basta.
Eppure,c’era un piovoso temporale.
E l’arcobaleno in lontananza.
….
Mi piace ascoltare che scrive…pensai.
….
E leggere mentre parla….
Questo mi sconvolge…o mi salva.
Lo so….

L’appuntamento con lo scrittore è il 19 Febbraio alle 17.30 alla Libreria Mondadori di Civitavecchia.

Santa Marinella: cerimonia al Parco Martiri delle Foibe

È stata una cerimonia molto partecipata quella di stamattina, in occasione delle vittime delle Foibe.

“Il Giorno del ricordo è una solennità civile nazionale italiana, celebrata il 10 febbraio di ogni anno. Istituita con la legge 30 marzo 2004 n. 92, che vuole conservare e rinnovare «la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo degli istriani, dei fiumani e dei dalmati italiani dalle loro terre durante la seconda guerra mondiale e nell’immediato secondo dopoguerra (1943-1945), e della più complessa vicenda del confine orientale” commenta il Sindaco Tidei che, dopo l’inno d’Italia, ha parlato alla presenza delle Autorità civili militari e religiose presenti, non senza ricordare l’importanza dell’uguaglianza tra i popoli e la condanna a tutte le persecuzioni razziali, nel nome di una civiltà democratica e fondata sul lavoro.

Tante le bandiere tricolore sventolate alla presenza di quasi l’intero consiglio comunale. Un momento di raccoglimento che ha visto maggioranza e opposizione raccolte in un minuto di silenzio mentre i ragazzi della Stella Polare hanno offerto un mazzo di fiori con il tricolore a memoria dei nostri infoibati e la comunità, con Don Salvatore, ha recitato l’eterno riposo. Intervenuta anche Roberta Felici nella lettura di un estratto di uno scritto del Professor Pranzetti in cui si descrive l’attrocità dei corpi gettati nelle cavità carsiche. ” Siamo qui oggi – ha commentato la Felici – non per fare polemiche ma per ricordare popoli che sono stati martorizzati”.

Al termine della cerimonia il Sindaco ha anche ringraziato Don Salvatore per il suo impegno nella comunità di Santa Marinella, consegnandogli una targa in omaggio sei suoi 45 anni di sacerdozio di cui 25 nella nostra parrocchia.

UNICEF/Safer Internet Day: nel mondo il 70,6% dei giovani tra i 15 e i 24 anni è online, in Italia sono il 90,2%; importante prevenire cyberbullismo e pericoli online.

L’UNICEF ricorda oggi –Safer Internet Day – i pericoli online di violenza, cyberbullismo e molestie digitali; il 70,6% dei giovani tra i 15 e i 24 anni sono online a livello globale e questo richiede azioni concordate per affrontare e prevenire la violenza contro i giovani e i bambini online. In Italia il 90,2% dei giovani tra i 15 e i 24 anni sono online, in particolare le ragazze sono l’89,8% e i ragazzi il 90,6%.
Su 80 paesi presi in esame, quelli con i giovani tra i 15 e i 24 anni meno connessi sono: Nigeria con il 4,6%, Bangladesh 11,8%, Pakistan 18,5%, Zimbabwe 25% e Kenya con il 29,7%. Al lato opposto, i paesi con i giovani tra i 15 e i 24 anni più connessi sono: Finlandia, Islanda, Lussemburgo, Malta e Slovenia con il 100%, Il Regno Unito e la Corea del Sud 99,8%. Il Portogallo e la Germania registrano il 99%, la Spagna 98%, la Francia il 97% e gli Stati Uniti l’85,2%.
Internet deve essere uno strumento a disposizione dei giovani, a prescindere dal loro livello di reddito. Secondo l’ITU/Unione Internazionale delle Telecomunicazioni, mentre nei paesi più ricchi il 94% dei giovani tra i 15 ei 24 anni è online, nei paesi più poveri risulta connesso più del 65% dei giovani. Si tratta di un passo avanti rispetto al ritmo di utilizzo di Internet da parte della popolazione a livello generale. Nel mondo, metà del totale della popolazione, a prescindere dall’età, è online.
Questa crescita della popolazione online però comporta sempre più rischi. Secondo i dati UNESCO sulla prevalenza del cyberbullismo nei paesi ad alto reddito, la percentuale di bambini e adolescenti colpiti dal cyberbullismo varia tra i 5% e il 21%, le ragazze sembrano avere maggiori probabilità di subire cyberbullismo rispetto ai ragazzi.
L’appello realizzato in occasione del Safer Internet Day è stato lanciato a seguito di un sondaggio tra i giovani, che in 5 settimane ha ricevuto più di 1 milione di risposte da più di 160 paesi e suggerimenti attraverso l’iniziativa svolta in tutto il mondo #ENDviolence Youth Talks, condotta da studenti. I giovani hanno fornito risposte interessanti su ciò che loro e i loro genitori, insegnanti e politici possono fare per tenerli al sicuro – la gentilezza è spiccata come una delle azioni più potenti per prevenire il bullismo e il cyberbullismo.
“Abbiamo ascoltato i bambini e i giovani del mondo e ciò che dicono è chiaro: Internet deve diventare un luogo pieno di gentilezza. Per questo, per il Safer Internet Day, l’UNICEF sta invitando tutti, giovani e adulti, ad essere gentili online, chiedendo un’azione più ampia per rendere Internet un posto più sicuro per ognuno. “A distanza di quasi due anni dall’entrata in vigore della legge sul contrasto del cyberbullismo (L.71/17), approvata in via definitiva dal Parlamento italiano il 17 maggio 2017, l’UNICEF Italia ne auspica una piena attuazione soprattutto in materia di prevenzione. Prevenire gli atti di bullismo online è la nostra sfida più importante e impegnativa. In particolare, l’UNICEF Italia chiede che venga implementato il Piano di azione per il contrasto e la prevenzione del cyberbullismo, previsto dall’art. 3 della stessa legge”, ha dichiarato Francesco Samengo, Presidente dell’UNICEF Italia.
Il cyberbullismo può causare profonde ferite perché può rapidamente raggiungere un’audience molto estesa e può rimanere accessibile online a tempo indeterminato, “seguendo” virtualmente le vittime online per tutta la vita. Bullismo e cyberbullismo si alimentano a vicenda, formando un continuum nel comportamento dannoso. Le vittime di cyberbullismo hanno più probabilità di utilizzare alcool, droghe e saltare la scuola rispetto agli altri studenti. Hanno anche maggiori probabilità di conseguire voti più scarsi, avere bassa autostima e problemi di salute. In situazioni estreme, il cyberbullismo ha portato al suicidio. Nel giorno del Safer Internet Day, l’UNICEF ricorda a tutti che la gentilezza – sia online che offline – è una responsabilità di ognuno di noi.
Per celebrare il 30° anniversario dell’adozione della Convenzione sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, l’UNICEF chiede una rinnovata e urgente cooperazione per mettere i diritti dei bambini al centro delle politiche digitali. “30 anni dopo l’adozione della Convenzione sui diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza e la creazione del World Wide Web, è tempo per i governi, le famiglie, il settore accademico e privato di mettere i bambini e i giovani al centro delle politiche digitali,” ha sottolineato il Presidente Samengo – “Proteggendoli da ciò che di peggio Internet può offrire e espandendo l’accesso al meglio, possiamo aiutare a cambiare positivamente per sempre l’equilibrio.”

In Italia- Sempre in tema di prevenzione, l’UNICEF Italia ha dedicato una particolare attenzione al tema del bullismo e del cyberbullismo elaborando uno specifico kit didattico per le scuole dal titolo “Non perdiamoci di vista” (www.unicef.it/scuola). Attraverso questo Kit l’UNICEF Italia vuole accrescere la consapevolezza dei rischi legati a bullismo e al cyberbullismo con la realizzazione di percorsi educativi che consentano ai ragazzi di sviluppare empatia e solidarietà attraverso una riflessione sul modo in cui costruiscono e vivono le loro relazioni.
L’UNICEF Italia ha anche realizzato – insieme a UNICEF Malesia, Digi e Telenor Group – una guida per genitori su come parlare di Internet ai figli https://www.unicef.it/Allegati/Parlare_ai_bambini_di_Internet.pdf

L’UNICEF Italia insieme all’Associazione CamMiNo (https://www.cammino.org/), sta avviando il progetto “Legalità”, nelle scuole secondarie di secondo grado di 7 città italiane, con un focus sul cyberbullismo e la sicurezza in rete. Il progetto prevede lezioni interattive con i ragazzi e le ragazze, per approfondire gli aspetti giuridici, psicologici, pedagogici e tecnico-informatici del cyberbullismo e della sicurezza in rete. Sarà inoltre dedicato un momento alla simulazione di un procedimento penale minorile relativo a un possibile comportamento improprio in rete.
Per maggiori informazioni: www.unicef.it

Castello di Santa Severa – Sala “Innovation Lab” – iniziano oggi le tre giornate in occasione della “Giornata Mondiale della Radio”. 

Radioamatori di tutta Italia, istituti di ricerca, esperti, professori universitari si sono riuniti a Santa Severa in questo appuntamento annuale patrocinato dalla Presidenza della Regione Lazio, dal CLUB UNESCO di Latina, dal MIBAC, Lazio CREA con una madrina d’eccezione, Elettra Marconi.

Convegni, proiezioni, sperimentazioni e applicazioni con l’utilizzo della realtà aumentata sono stati il fulcro di questa prima giornata che ha riscontrato ampia partecipazione nonché la presenza di alcune classi degli Istituti Scolastici Carducci di Santa Marinella, Nautico di Civitavecchia ed Enrico Fermi di Roma.

TIDEI – Una giornata ricca di eventi ed una presenza altamente qualificata – Ricercatori, Dirigenti Ministeriali, Scienziati e tecnici di alto livello. Ringrazio tutti gli studenti che hanno preso parte a questa iniziativa che ha varcato i confini italiani approdando in Spagna con un protocollo d’intesa firmato dalla Città della Scienza G.Marconi di Santa Marinella, la Fondazione Titanic ed altre realtà del settore.

Un evento di caratura internazionale ed un primo passo verso un progetto ambizioso, quello di Torre Chiaruccia e della Città della Scienza che ci auguriamo possa diventare, nel breve tempo un polo di Scienza e di Tecnologia, attrazione per gli esperti e per gli studenti che spesso non sono a conoscenza che, quello smartphone che tengono costantemente in mano nasce dagli esperimenti sulle micro-onde che Guglielmo Marconi condusse proprio a Torre Chiaruccia.

Altre due giornate ricche di eventi che si svolgeranno tra il castello di Santa Severa ed il Sito di Torre Chiaruccia. Vi invito a partecipare ed a visionare il programma della manifestazione disponibile sul sito Istituzionale del Comune di Santa Marinella, sul Sito del Castello di Santa Severa e dei Radio Amatori ARI di Civitavecchia e dell’Alto Lazio ai quali, insieme al Delegato Prof.Livio Spinelli rivolgo, a nome di tutta l’Amministrazione un sentito ringraziamento per l’impegno profuso in questo importante evento.

Un ulteriore ringraziamento va a Kenwood Italia e CineFantasy per le attrezzature messe a disposizione del pubblico per le applicazioni Radio e di Realtà Aumentata.