Archeologia

Santa Marinella e la sua storia….un viaggio alla scoperta degli antichi ponti della Via Aurelia

 

 

Foto 1
Foto 1

Lungo il tratto stradale dell’attuale Via Aurelia, si conservano resti imponenti di antichi ponti di epoca romana a testimonianza dell’antico tracciato viario che dirigendosi verso Centumcellae congiungeva Pyrgi a Punicum e Castrum Novum (fig.1).

La via Aurelia trae il nome dal suo fondatore, probabilmente Caio Aurelio Cotta, censore nel 241. Estendendosi lungo il territorio costiero dell’Etruria, ricalcava nel suo  tratto iniziale l’antica strada che collegava Roma a Caere. La via ebbe all’inizio funzioni strettamente strategiche e militari, in seguito alla conquista dei territori etruschi,  per il controllo del versante tirrenico settentrionale fino a Vada Volaterrana, alla foce del Cecina. Divenne poi un’importante arteria di collegamento tra Roma e le province della Gallia e della Spagna. La Via Aurelia  usciva dal circuito delle mura Aureliane attraverso due diramazioni: la prima, detta Aurelia Vetus partiva da  Porta San Pancrazio sul Gianicolo, mentre la seconda, denominata  Aurelia Nova,usciva dalla porta Aurelia presso Ponte Elio. La Vetus era probabilmente una via strettamente litoranea, mentre la Nova, dopo aver seguito il tracciato della Vetus fino a Malagrotta, si diramava in direzione del porto di Pyrgi. Da qui fino a Civitavecchia probabilmente il tracciato della Vetus e della Nova riprendeva a coincidere. (altro…)

Archeologia: Secondiano, Veriano e Marcelliano martiri di Castrum Novum

 Castrum Novum
Castrum Novum

Secondiano, Veriano e Marcelliano

martiri di Castrum Novum

di Alessandra Squaglia

Castrum Novum,colonia romana dedotta nel III secolo a.C. e situata nel territorio di Santa Marinella, in corrispondenza all’attuale Casale Alibrandi lungo la Via Aurelia presso Torre Chiaruccia,oltre ai preziosi dati di scavo desunti dalle campagne archeologiche condotte a partire dal 2010 dal Museo del Mare e della Navigazione Antica e dalle Università di Lille e Amiens, ha restituito all’interesse degli studiosi una complessa questione agiografica riguardante i santi Secondiano, Veriano e Marcelliano, considerati dalle fonti antiche martiri dell’antica città romana. (altro…)

Gruppo Archeologico del Territorio Cerite, grandi risultati in quindici anni.

SANTA MARINELLA – E’ in programma oggi pomeriggio alle 16, presso la sala Flaminia Odescalchi, il convegno per festeggiare il 15° anno di attività del Gruppo Archeologico del Territorio Cerite, che da tre lustri opera nei comuni di Santa Marinella, Cerveteri, Ladispoli e Fiumicino con grandi risultati per la ricerca, la tutela e la valorizzazione dei beni culturali. In occasione dell’incontro, saranno presentate le “res gestae” raccolte in un volume di 160 pagine che ripercorre la storia dell’associazione con testi, numerose foto e documenti. (altro…)