Cronaca

Incidente mortale a Santa Severa: Vigili e Carabinieri rintracciano la targa dell’automobilista

Tragico incidente questa mattina al km 54 della Via Aurelia quando, intorno alle 10.40, un ciclista è stato investito da un’auto che percorreva la statale all’altezza del Grottini, a Santa Severa, in direzione Civitavecchia Roma. Dopo l’investimento, purtroppo, l’uomo ha perso la vita, mentre l’autovettura coinvolta nel sinistro si dava alla fuga, rendendosi colpevole di omissione di soccorso, condotta che il codice della strada identifica come reato penale, al quale, si aggiunge il dolo del comportamento omissivo.

Scattati immediatamente le indagini, condotte dai Carabinieri di Santa Severa, solo poche ore fa, grazie alla visura delle telecamere presso il Comando della Polizia Locale di Santa Marinella: i militari e gli agenti, grazie ad un lavoro congiunto capillare, anche alla presenza del comandante della Stazione di Santa Marinella, sono riusciti a rintracciare il proprietario del veicolo. Proprio in queste ore infatti i Carabinieri hanno raggiunto l’individuo che dovrà rispondere alla polizia giudiziaria sull’utilizzo del veicolo personalmente o affidato ad altro conducente.

Giungono, in questa occasione, parole di stima e di ringraziamento da parte del Sindaco Pietro Tidei nei riguardi degli agenti di Piazza Gentilucci e dei Carabinieri, per la qualità e la celerità nella conduzione delle indagini, nell’estrapolazione delle immagini registrate dalle telecamere di videosorveglianza e per il ritrovamento dell’ipotetico autore del fatto.

Ricci di mare: maxi sequestro di 8.000 esemplari. Multati quattro pugliesi

La pesca di frodo dei ricci di mare non accenna a fermarsi: la scorsa notte le Fiamme Gialle di Civitavecchia hanno fermato sulla costa di Santa Marinella quattro sub con ben 8000 echinodermi. Oltre al sequestro delle attrezzature è scattata una maxi multa da 12.000 euro.

Le Fiamme Gialle del Reparto Operativo Aeronavale di Civitavecchia hanno condotto una articolata operazione di contrasto al bracconaggio ittico, impedendo ad un gruppo di pescatori di frodo pugliesi, in trasferta nel litorale a nord di Roma, a Santa Marinella, di portare a termine un vero e proprio “saccheggio” di risorse ittiche, con annessa alterazione del delicato ecosistema marino.

I Finanzieri, nel corso di tre distinti interventi notturni, al termine di mirati appostamenti, hanno sorpreso quattro bracconieri ittici intenti a fare razzia di ricci di mare – risorse biologiche fondamentali per la salute del mare, grazie alla loro elevata capacità filtrante – che stanno progressivamente sparendo dai nostri litorali a causa della pesca indiscriminata ad opera di soggetti sprovvisti di autorizzazioni.

L’operazione si è conclusa con il sequestro di circa mezza tonnellata del preziosi echinodermi – pari a oltre 8.000 esemplari – che immessi illecitamente sul mercato avrebbero fruttato ricavi “in nero” per circa 15.000 Euro.

Poiché gli esemplari sequestrati risultavano ancora vitali, le Fiamme Gialle li restituivano al mare, ripristinando lo stato dei luoghi ed evitando dannose conseguenze per l’ecosistema marino.

Veniva anche sequestrata tutta l’attrezzatura da pesca adoperata dai pescatori di frodo, ai quali sono state comminate sanzioni amministrative per ben 12.000 Euro.

La brillante operazione di servizio conferma il fondamentale ruolo della Guardia di Finanza a tutela del Bene Comune dell’Ambiente, a salvaguardia degli interessi della collettività ed a tutela degli onesti operatori della pesca e degli imprenditori ittici, fortemente danneggiati da tutte le forme di bracconaggio ittico e di abusivismo commerciale, che alterano le regole del mercato.

Pesca di frodo: sequestrati 3000 ricci di mare a Santa Marinella

Eccezionale sequestro di ricci di mare davanti alla costa di Santa Marinella: la Guardia di Finanza del ROAN, in collaborazione con i militari della Capitaneria di Porto di Civitavecchia, hanno fermato due persone e sottratto oltre 3000 echinodermi.
L’operazione, frutto di una indagine congiunta e di un appostamento sul luogo, ha colto in flagrante due cittadini pugliesi mentre caricavano i ricci sulla propria automobile.
Non è assolutamente raro che pescatori subacquei di frodo, provenienti in particolare dalla Puglia, vengano arrestati sulla costa tirrenica intenti nella pesca massiccia dei ricci.
Per fortuna i militari hanno potuto rigettare gli echinodermi in mare, in quanto ancora vitali.
Ai due sub sono state comminate multe per complessivi 6.000 euro ed è stata sequestrata loro tutta l’attrezzatura.
Il contrasto alla pesca abusiva dei ricci di mare oltre il quantitativo previsto, pari a 50 esemplari, va di pari passo con la lotta al loro commercio abusivo in spregio alle normative sanitarie previste per la detenzione, il trasporto e alla conseguente evasione fiscale. La zona, ricca di echinodermi e per tale motivo di particolare pregio ambientale e marino, è spesso oggetto di diverse forme di aggressione che la consolidata collaborazione tra le Fiamme Gialle di Civitavecchia e la locale Capitaneria di Porto continuano a scoraggiare mediante una costante opera di prevenzione e repressione sul litorale costiero, a tutela dell’ambiente marino e al contrasto alla pesca di frodo, nello specifico alla raccolta incontrollata di ricci di mare

Treni fermi: investimento a Santa Severa

Dalle 10 di questa mattina la circolazione ferroviaria fra Civitavecchia e Maccarese/Fregene è sospesa per l’investimento di una persona a Santa Severa.

Questa la nota diramata dalla sala operativa RFI news infomobilità. L’incidente sta creando forti rallentamenti e ritardi lungo la linea Roma-Civitavecchia.

Dalle prime notizie risulta che Regionale partito da Santa Marinella alle 9:50 sia tutt’ora fermo nel piccolo scalo, mentre il treno successivo è stato cancellato.

Ritardi e rallentamenti sono previsti anche per i treni provenienti da Roma.

Sul posto l’autorità giudiziaria sta compiendo le attività di rito.

I treni Regionali per il momento saranno attestati nelle stazioni di Ladispoli e Civitavecchia e sarà predisposto un servizio di collegamento tramite bus navette, tra le due località.

Sentenza Vannini: l’assessore Minghella invita ad abbassare le serrande dei negozi

Città e cittadini indignati, delusi, amareggiati, tutti si sentono vicini alla Famiglia Vannini, vittima di una sentenza ingiusta che ha visto ridotta la pena a soli 5 anni dell’assassino del giovane Marco, ragazzo di Ladispoli. L’indignazione si è dilagata nei comuni limitrofi quello dove è avvenuta la tragedia ed il motto #noninmionome# ha riempito le cronache nazionali. Anche Santa Marinella aderirà al gesto di solidarietà, a lanciare l’appello l’assessore alle attività produttive Emanuele Minghella che, in una nota, invita tutti i commercianti a tenere chiuse le serrande della proprie attività questa sera alle ore 18.00

“Spero di vedere negozi chiusi stasera – commenta Minghella – spero che Santa Marinella si unisca a Cerveteri Bracciano, Ladispoli e le altre città che protestano contro una sentenza che non riconosce l’importanza della vita, che umilia il nostro paese, che accresce negli italiani l’incertezza sulla giustizia e sul riconoscimento della pena.

All’appello lanciato sui social molte sono state le adesioni ed il sostegno all’iniziativa da parte dei santamarinellesi.

#noninmionome#

UNICEF/Siria: morti 15 bambini a causa del freddo e della mancanza di cure mediche, 13 di loro avevano meno di un anno.

Per i nostri lettoti la dichiarazione di Geert Cappelaere, Direttore regionale dell’UNICEF in Medio Oriente e in NordAfrica
15 gennaio 2019 – “Le gelide temperature e le dure condizioni di vita a Rukban, al confine sud occidentale della Siria con la Giordania, stanno sempre più mettendo a rischio le vite dei bambini. In solo un mese, almeno 8 bambini – la maggior parte con meno di 4 mesi e il più piccolo nato da solo un’ora – sono morti.
A Rukban, dove l’80% delle circa 45.000 persone sono donne e bambini, il freddo intenso e la mancanza di cure mediche per le madri prima e durante il parto e per i neonati, hanno acuito le già difficili condizioni di vita per i bambini e le loro famiglie.
Allo stesso tempo, nella Siria orientale, le dure violenze ad Hajin nell’area di Deir-Ez-Zor hanno causato lo sfollamento di circa 10.000 persone dallo scorso dicembre. Le famiglie alla ricerca di un luogo sicuro devono affrontare diverse difficoltà nel lasciare la zona di conflitto e rimangono al freddo in attesa per giorni senza rifugi o aiuti di base. Stando alle informazioni disponibili, il viaggio difficile e pericoloso avrebbe causato la morte di 7 bambini – molti con meno di un anno di vita.
Le vite dei bambini continuano ad essere troncate da condizioni di salute che potrebbero essere prevenibili o curabili. Non ci sono scuse perché questo continui a succedere nel 21° secolo. La tragica perdita di vite causata dall’uomo deve fine adesso.
Senza servizi di assistenza sanitaria solidi e accessibili, protezione e rifugi, molti altri bambini moriranno giorno dopo giorno a Rukban, Deir-Ez-Zor e in ogni altro luogo in Siria. La storia ci giudicherà per queste morti che avrebbero potute essere evitate.
L’UNICEF chiede a tutte le parti in conflitto e tutti coloro che esercitano un’influenza su di loro di garantire passaggi sicuri a tutte le famiglie alla ricerca di un luogo sicuro fuori dalle aree di scontro e di facilitare l’accesso all’assistenza medica salvavita per i bambini ad Hajin e ovunque in Siria.
I bisogni di assistenza a Rukban sono più che urgenti, sono estremamente gravi e iniziano a diventare una questione di vita o di morte.
Ancora una volta, l’UNICEF chiede a tutte le parti di facilitare urgentemente l’arrivo di un convoglio umanitario a Rukban, che comprenda cliniche sanitarie mobili per distribuire aiuti e servizi salvavita.
Non è sicuramente troppo da chiedere quando le vite di decine di migliaia di bambini – bambini – ne dipendono.”

UNICEF ITALIA

Castello Santa Severa: Zingaretti entusiata dei risultati del 2018

Concluso il 2018, passate le prime ore del nuovo anno, al castello di Santa Severa si tirano le prime somme. Sono stati più di 25.000 i visitatori del “Villaggio di Babbo Natale” allestito dall’8 dicembre al 6 gennaio 2019. Oltre 40.000, invece, le presenze al Castello che ha visto anche triplicare, rispetto allo scorso anno, gli ingressi al sistema museale ospitato da complesso monumentale, con l’ostello affacciato sul mare che ha fatto segnare quasi sempre il tutto esaurito.

I numeri del “Villaggio di Babbo Natale”, progetto promosso dalla Regione Lazio e realizzato dalla Seven produzioni con il supporto di Metalux e Polyscenica e Thun, con la supervisione organizzativa diLAZIOcrea in collaborazione con Comune di Santa Marinella, MiBAC e Coopculture, arrivano dopo il bilancio lusinghiero della stagione estiva, con 12.000 spettatori agli eventi che hanno animato il Castello. Questi i dati resi ufficiali oltre le dichiarazioni del Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, che afferma:

“Il successo del villaggio di Babbo Natale è l’ulteriore conferma della forza di un progetto su cui questa amministrazione ha puntato sin dall’inizio e che ha restituito ai cittadini un bene pubblico trasformandolo in una risorsa per il territorio. Nel Castello abbiamo realizzato nuove aree museali, uno degli ostelli più belli del mondo, l’Innovation lab e abbiamo organizzato eventi pensati per tutti. L’altra scommessa era consolidare la presenza del pubblico in un luogo che, proprio per la sua collocazione eccezionale, poteva soffrire dei flussi legati all’andamento delle stagioni. I numeri del villaggio di Babbo Natale dimostrano che, anche in questo caso, abbiamo fatto la scelta giusta”.

Il “Villaggio di Babbo Natale” è stato un grande successo di pubblico – si legge nel suo comunicato – con tanti eventi dedicati ai più piccini, una pista di pattinaggio, artisti di strada, giocolieri e spettacoli di luci, che hanno richiesto il coinvolgimento, nell’organizzazione, di oltre 150 persone. Inoltre, un mercatino natalizio ha offerto oggetti artigianali, dolciumi e street food preparato con prodotti tipici, tra le luci e le installazioni che hanno animato a festa cortili e piazze del castello“.

Le attività del Castello di Santa Severa proseguono: per tutto il mese di gennaio sarà possibile visitare la mostra “Un nuovo Lazio”, dedicata ad oggetti per la casa realizzati da designer e produttori. Sono oltre trenta gli espositori appartenenti all’alto artigianato, alle PMI e alle nuove start up che presentano una vetrina di oggetti “speciali” ispirati al territorio e alla sua ricchezza storico artistica, realizzati in perfetto equilibrio fra tradizione e contemporaneità. La mostra è visitabile con il biglietto del museo.

Il dato conferma infatti che nel 2018 sono stati circa 50.000 i visitatori delle nuove aree museali allestite nel complesso monumentale e dell’Innovation lab, o che hanno soggiornato presso l’ostello affacciato sul mare, tutte strutture aperte dalla Regione Lazio nella primavera dello scorso anno, ai quali vanno aggiunte le presenze di coloro che vanno al castello senza visitare gli spazi museali.

Tutti i progetti realizzati al Castello di S. Severa sono promossi dalla Regione Lazio, in collaborazione con LAZIOcrea, Comune di Santa Marinella, MiBAC e Coopculture.

Maltempo e pericolo pini: operazione sicurezza in Piazza Trieste

Ad annunciare la possibilità di un vero e proprio pericolo per l’incolumità pubblica dei pini a Piazza Trieste sono stati, in un comunicato congiunto, il Vice Sindaco Bianchi ed i consiglieri Iachini e Chegia. Il Maltempo di questi giorni, infatti, le forti raffiche di vento e le piogge sembrano aver modificato l’assetto dei Pini a Piazza Trieste, sito che finalmente rappresenta il centro storico cittadino, punto di ritrovo per eventi e manifestazioni oltre all’elevata concentrazione di esercizi pubblici. La delegata al centro storico commenta : “ i recenti accadimenti di Terracina devono essere un monito per tutti gli Amministratori, noi compresi. Dobbiamo prevenire eventi come quelli in un sito che di fatto è luogo di ritrovo e di eventi”

Sullo stesso argomento inoltre è intervenuto il vice sindaco che, sin dalla sua proclamazione ha deciso di dedicarsi ai rifiuti, all’igiene ed al verde: “ Piazza Trieste è anche luogo di attività produttive che nel corso del tempo, grazie anche alla presenza dei Dehors, hanno incrementato il flusso di gente e di eventi pubblici.

Insieme all’Assessore Minghella ed ai Consiglieri Iachini e Chegia – commenta Bianchi –  è stato realizzato un primo sopralluogo sul posto per verificare le preoccupazioni espresse dagli abitanti della zona e da molti cittadini. Per concludere, interviene Iachini “abbiamo costituito una commissione di esperti, con il nostro agronomo comunale, per valutare eventuali interventi da realizzare immediatamente. Vogliamo sicuramente tutelare il  verde pubblico ma prima di tutto assicurare l’incolumità e la sicurezza dei nostri cittadini”

 

 

Santa Marinella emergenza maltempo: distrutto la Stabilimento Little Paradise Gravi i danni al Porto Odescalchi ed alle Palafitte. Domani scuole aperte, ma COC attivo.

Palafitte distrutte (2018) – Foto di Marco Tempio

Già dal primo bollettino meteo di giovedì sera si preannunciava un weekend difficile per le nostre coste e per l’intera provincia di Roma. Raffiche di vento miste a pioggia non sono mancate, unite ad un mareggiata mai verificatasi prima, ingenti i danni soprattutto negli arenili, agli stabilimenti balneari e al porto Odescalchi, dove da giorni si lavora incessantemente per garantire la sicurezza ed arginare i danneggiamenti provocati dall’alta marea tanto che la Porto Romano ha lanciato diversi appelli ai proprietari delle barche.

Emergenza che ancora in queste ora sta affrontando il COC comunale istituito sabato scorso dal Vice Sindaco Bianchi presso il Comando della Polizia Locale, composto dalle forze dell’ordine, dagli uffici comunali e dalle associazioni di volontariato facenti parte del piano di emergenza comunale. Da una prima conta dei danni, ciò che fa più male è il duro colpo inflitto alle storiche palafitte del lungomare, luogo simbolo dell’estate santamarinellese. Alcune infatti sono state completamente divelte e trascinate via dalla marea, come anche lo stabilimento Little Paradise, che risulta smantellato almeno per metà tra il pontile e la tettoia ed ancora la tempesta non ha finito di imperversare sul litorale nord.

Agli effetti di questa dura mareggiata si aggiungono i venti di burrasca che hanno colpito diversi alberi del territorio oltre ai cartelli stradali rendendo la viabilità tuttora compromessa, gravi i danni anche al Parco Martiri delle Foibe dove l’intera copertura in acciaio realizzata dall’Associazione Stella Polare è stata strappata dal suolo.

Dopo l’ordinanza del Sindaco Tidei che ha visto la chiusura in via precauzionale delle scuole cittadine, domani si torna fra i banchi ma il Centro Operativo Comunale continuerà a monitorare la situazione durante l’intera nottata, con la speranza che la perturbazione lasci le nostre spiagge.

Intanto, già da giorni, l’Amministrazione comunale ha incaricato, in via d’urgenza, alcune ditte per la pulizia immediata dei fossi, lavori che in queste ore concitate non si sono fermati nonostante il maltempo stante la pericolosità del nostro territorio da anni soggetto ad alluvioni nei mesi di ottobre e novembre.

Le autorità raccomandando la massima prudenza, soprattutto alla guida.

Un incendio devasta la Quartaccia nella notte: in fiamme le serre vicine al cimitero Distrutti cinque ettari di terreno: le fiamme domate alle 4 del mattino

Incendio alla Quartaccia

Nella notte un imponente incendio è scoppiato a Santa Marinella, nel Rione Quartaccia, a ridosso del cimitero cittadino: le fiamme, particolarmente alte, hanno devastato una vasta area e le serre lì vicine.

Tempestivo l’intervento dei Vigili del Fuoco e della protezione civile, ma ci sono volute ore per domare le fiamme a causa del forte vento, estinte non prima delle 4:00 del mattino: cinque ettari di sterpaglie e macchia mediterranea sono andati distrutti.
Imponenti anche i soccorsi: tre mezzi dei Vigili del Fuoco, sia della compagnia di Civitavecchia che di quella di Bracciano, che hanno impedito che l’incendio si propagasse ad alcune abitazioni presenti in zona. I vigili sono riusciti a trarre in salvo anche una coppia di cani che si trovavano all’interno di un’area privata recintata interessata dalle fiamme.
Il forte vento ha reso impegnativo l’opera dei soccorsi al punto che alcune scintille hanno raggiunto le chiome delle palme presenti all’interno di una villa in prossimità della costa, per cui è stato necessario anche l’intervento dell’autoscala per mettere in sicurezza le piante e l’edificio.
Ben altri due casi a Civitavecchia hanno costretto una squadra dei Vigili del Fuoco a spostarsi per intervenire nella città vicina e poi a ritornare a Santa Marinella per tornare a supportare i colleghi rimasti.
Oltre ai Vigili del Fuoco, sono intervenuti con un mezzo fuoristrada, la Pro Pyrgi e, a scopo precauzionale, un equipaggio del 118.

Incidente sulla Via Aurelia: muore un motociclista di Santa Marinella Lo stesso tratto di strada dove questa estate è stata investita una donna

Nel primo pomeriggio di oggi un altro grave incidente si è verificato sulla via Aurelia: un uomo di Santa Marinella, R.G. di 44 anni, ha perso la vita scontrandosi alla guida del proprio scooter contro un furgone.

L’incidente è avvenuto in direzione Roma nel tratto antistante il supermercato Elite, poco dopo l’incrocio con viale Roma: questa estate, non lontano, una giovane donna venne investita di notte sulle strisce durante l’attraversamento.
Le dinamiche non sono ancora note, ma sembrerebbe che l’impatto sia avvenuto mentre il furgone che occupava la corsia di destra compiva una svolta a sinistra per appropinquarsi all’ingresso in un cancello. Lo scooter avrebbe colpito così il mezzo impegnato nella manovra di svolta.
Intervenuti sul posto i soccorsi, hanno potuto constatare il decesso del motociclista: la via Aurelia è stata interrotta e la circolazione è fortemente rallentata.

Incendio a Piazza Civitavecchia: distrutta la cucina di un ristorante

Un incendio è scoppiato in un noto ristorante di Santa Marinella.

Nel pomeriggio di oggi, nella cucina de L’Oste alla brace di Piazza Civitavecchia, probabilmente per cause accidentali, si è propagato un incendio.

Prontamente intervenuti i Vigili del Fuoco, hanno estinto le fiamme, impedito alle stesse di propagarsi al resto del locale e hanno messo in sicurezza l’intera area. La cucina è rimasta seriamente danneggiata, ma il resto del locale si è salvato.

Per fortuna non ci sono stati feriti. Sul posto anche i Carabinieri e a scopo precauzionale un’autoambulanza del 118.

Esplosione in via dei gladioli

Nella notte di oggi 6 settembre, alle ore 2:05, si è verificata un’esplosione in un appartamento del residence in via dei gladioli 1, a Santa Marinella.
Immediatamente allertato il 118 dai vicini, si sono recati sul posto i soccorsi: presenti oltre ai Vigili del Fuoco, autoambulanze della Misericordia e i Carabinieri.

È presto per ipotizzare le cause, sebbene, dall’odore nell’area prospiciente si percepisca un forte odore di gas.

Ingenti i danni: sono due appartamenti d’angolo ad essere stati coinvolti.
Una testimone oculare avrebbe visto da una finestra, un uomo tentare di spegnere le fiamme pochi istanti prima dell’esplosione.

I Vigili del Fuoco hanno estinto le fiamme sviluppatesi a seguito dell’esplosione, impedito alle stesse di propagarsi agli appartamenti adiacenti e recuperato il corpo privo di vita dell’uomo:
sessantatrenne, viveva da solo nell’appartamento.

La casa posta sotto sequestro dall’autorità competente, è rimasta danneggiata sia dalle fiamme che dall’esplosione che ha causato il crollo di alcune tramezzature. Inoltre l’evento ha seriamente danneggiato anche l’appartamento adiacente a quello dove è avvenuta la deflagrazione, per cui sono entrambe inagibili. A scopo precauzionale è stato interdetto l’utilizzo anche degli appartamenti sottostanti ai civici 20 e 19.

Non vi sono stati feriti o altre persone coinvolte.

Incidente a Santa Severa: muore un giovane centauro di Ladispoli

In poche ore tre gravi incidenti lungo la via Aurelia, a Santa Marinella, Santa Severa e a La Toscana

A poche ore uno dall’altro si è verificato un terzo incidente lungo la via Aurelia, questa volta a Santa Severa all’altezza di Grottini. Dai primi accertamenti, due giovani di Ladispoli, a bordo di uno scooter, a causa dell’alta velocità, si sono scontrati con una Panda che li precedeva.

Nell’impatto, A.L., di 38 anni, ha perso la vita e l’altro ragazzo è stato portato in elisoccorso presso l’ospedale Gemelli di Roma in gravi condizioni. Al volante dell’utilitaria, una giovane donna di Santa Marinella, che è stata trasportata per controlli presso il San Paolo di Civitavecchia e dimessa questa mattina, all’alba.
Il giorno prima un’altra tragedia aveva macchiato le strade della città: un anziano, alla guida sempre di una Panda, aveva investito sulle strisce pedonali all’altezza dell’incrocio con Viale Roma, una giovane mamma che stava attraversando la strada accompagnata dalla madre e dal figlio in passeggino.

L’impatto violento aveva costretto i soccorritori ad effettuare una rianimazione della ragazza che, una volta stabilizzata, è stata trasporta d’urgenza con l’elisoccorso anch’essa presso il Gemelli di Roma.
Sebbene nelle ultime ore si siano succedute informazioni contrastanti, non risulta che la ragazza sia deceduta.

Un altro grave incidente, pochi giorni fa, ha visto coinvolto un altro motociclista, all’altezza della Toscana, tra Santa Marinella e Santa Severa. In quel caso, un’auto che stava effettuando un’inversione ad U sull’Aurelia aveva colpito in pieno il centauro.
In tutti i casi i soccorsi sono stati tempestivi, mobilitando oltre alle autoambulanze, anche Vigili del Fuoco e Protezione Civile. Intervenuti anche le altre forze dell’ordine.

In città, i tratti di strada teatro di questi gravi incidenti, non sono nuovi a fatti simili: si tratta di zone ad alto rischio, costituite da rettilinei che passano in aree urbane o vicino a luoghi di interesse turistico che nel periodo estivo attraggono molte persone. Di notte, sono però particolarmente buie o con scarsa illuminazione, dove non di rado automobilisti e motociclisti mantengono comportamenti a rischio.

In passato i tratti interessati erano presieduti da strumenti elettronici di rilevamento, come i Photored e gli Autovelox, in seguito rimossi dopo alcune sentenze a sfavore dell’ente comunale. Ciò non toglie che le aree in questione sono particolarmente pericolose e prive di forme di dissuasione per limitare la velocità ed incrementare l’attenzione di chi è al volante.

È morto Vincenzo Cacciaglia

Avv. Vincenzo Cacciaglia, presidente Fondazione Cariciv

La redazione di TeleSantaMarinella.TV e il direttivo dell’Associazione Santa Marinella SWAM si uniscono al cordoglio per la morte dell’Avv. Vincenzo Cacciaglia, presidente della Fondazionce Cassa di Risparmio di Civitavecchia. Una grave perdita per il territorio, che per anni Vincenzo Cacciaglia ha cercato di migliorare grazie alle iniziative della Fondazione. Tutti noi porgiamo le più sentite condoglianze all’amica Francesca e a tutta la famiglia.

Amministrazione: Tidei alle prese con i primi tagli. Emergenza cimitero

Dopo solo un giorno dal suo insediamento e dopo essersi confrontato con il Commissario Straordinario per il passaggio delle dovute consegne, il Sindaco Tidei ha subito fatto chiarezza sulla situazione finanziaria del Comune e sulle tante emergenze che andranno risolte nel più breve tempo possibile. Debiti senza contratto, riorganizzazione del personale della Multiservizi, sfratto ai servizi sociali, dirigenti a contratto a casa ed emergenza cimitero, questo il primo elenco.
“ La situazione di disastro che ho trovato nelle finanze comunali non ci consentirà di poter confermare il contratto ai dirigenti che sono stati assunti attraverso la procedura e con le prerogative previste dall’articolo 110 del Testo unico sugli Enti Locali, così come tutti i contratti a tempo determinato. Questo fatto – prosegue – lega al palo la macchina amministrativa, privandoci di poterci avvalere di professionalità particolari, alla bisogna, che non sono reperibili tra il personale di ruolo. E’ sintomatico come tutte queste inefficienze e difficoltà escano fuori soltanto dopo il nostro insediamento e non siano trapelate mai durante l’attività, durata circa sette mesi, del Commissario Straordinario incaricato dal Prefetto di Roma”. Questo il duro commento del neo Sindaco Pietro Tidei che fa inoltre sapere: “Tra le tante emergenze è scoppiata anche quella cimiteriale; il dirigente mi ha informato che non abbiamo disponibilità di loculi per procedere all’inumazione delle salme degli aventi diritto alla sepoltura nel Cimitero cittadino. Oltre ad essere una grave crisi, – aggiunge- questo fatto apporta un danno all’immagine della città ed è un’offesa al sentimento popolare di pietà verso i nostri defunti al quale ci impegniamo a porre rimedio con la massima urgenza”.
La situazione finanziaria, infatti, versa in una situazione di dissesto economico che, dalle parole scambiate tra il Sindaco e il Commissario straordinario, non lascia scampo all’intervento della magistratura della corte dei conti. I disagi si stanno riscontrando anche per quanto riguarda la smaltimento dei nostri rifiuti in discariche autorizzate finora mai pagate, oltre al debito nei confronti della Gesam che – dichiara il Sindaco – “ammontano a circa 2.5 milioni di euro”.
“La mattina del prossimo 4 luglio l’ufficiale giudiziario restituirà il possesso dei locali dove attualmente svolge l’attività l’ufficio dei servizi sociali comunali al legittimo proprietario – continua il Pietro Tidei – e questo è un settore della vita cittadina che non può fermarsi un attimo e per questa ragione, fermo il fatto che cerchiamo da subito di trovare una soluzione per gestire questo rischio improvvido, sto predisponendo l’accoglienza degli uffici nei locali della Multiservizi”.
E infine conclude: “Il tema finanziario è caldissimo, ci sono problemi gravi da affrontare e situazioni che non devono ripercuotersi su una macchina amministrativa che oggi, giorno del mio insediamento ufficiale a via Rucellai, ho trovato demoralizzata e sfiduciata. Ho confermato per i prossimi 15 giorni e solo per quelli le attuali posizioni organizzative. Provvederò ad una rotazione generale del personale e ridistribuirò le posizioni organizzative sulla base dei vari incarichi e soprattutto delle singole competenze acquisite e dimostrate. Con la Multiservizi cercherò di internalizzare alcuni servizi in modo da rendere più consistenti le entrate della Società, subito dopo la nomina del nuovo Amministratore Unico”.

Fiamme a Prato del Mare: in fumo due ettari di terreno Messe in sicurezza le abitazioni vicine. Intervenuta anche la Protezione Civile

Se le piogge spaventano in autunno e inverno, il fuoco è una delle principali preoccupazioni nel periodo estivo, soprattutto nelle nostre località turistiche circondate da boschi e campagna: giugno non si è smentito, sfortunatamente, coinvolgendo le squadre dei vigili del fuoco del comprensorio da giorni in operazioni antincendio.

Dopo aver domato le fiamme di un vasto incendio di sterpaglie, domenica sera a Santa Severa, nei pressi dell’autostrada, con la collaborazione della locale protezione civile, oggi i vigili del fuoco della compagnia di Civitavecchia sono intervenuti a Santa Marinella in zona Prato del Mare per spegnerne un altro simile.

Le fiamme probabilmente originatesi in prossimità di alcuni rifiuti, a causa  del forte vento si sono immediatamente propagate alle sterpaglie circostanti. I vigili, prontamente intervenuti,le hanno estinte, mettendo in sicurezza l’area e impedendo alle stesse di propagarsi ad alcune abitazioni vicine.

Circa due ettari l’area interessata dal fuoco: sul posto anche un’autobotte proveniente dalla sede di Cerveteri dei vigili del fuoco e un modulo della ProPyrgi.

In questi giorni, tutto il litorale è stato interessato da eventi simili: spesso, questi incendi sono frutto di incuria e di comportamenti pericolosi e rischiosi, come quello che l’anno scorso ha devastato il fosso di Maria Morgana a Santa Marinella, coinvolgendo l’autostrada Roma Civitavecchia costringendo all’intervento un Canadair e due elicotteri, per poterlo estinguere.

Anche quest’anno la nostra redazione invita tutti i cittadini a porre attenzione alle proprie azioni, a non accendere fiamme libere nei propri terreni e, in caso di incendio, di chiamare immediatamente il numero di emergenza dei vigili del fuoco, 115, o il 1515, per le emergenze ambientali, oppure il numero verde della Protezione Civile, 803 555.

“Nessuno è speciale, nessuno è diverso, tutti siamo unici” – Giornata Mondiale dell’autismo L'Istituto Comprensivo Piazzale della Gioventù festeggia la giornata dell'autismo

In occasione della Giornata Mondiale dell’Autismo del 2 aprile scorso,l’Istituto comprensivo “Piazzale della Gioventù, 1” organizza una serie di iniziative per sensibilizzare studenti e famiglie sul tema dell’inclusione. Alunni, genitori e personale della scuola, infatti, verranno  coinvolti in moltissime attività con l’unico scopo quello di diffondere un messaggio fondamentale nella nostra quotidianità e cioè che “nessuno è speciale, nessuno è diverso, ma tutti siamo unici”

Le attività in programma vedono coinvolte le classi primarie e secondarie, grazie all’impegno delle docenti Cinzia Decina, per l’infanzia e la primaria e Monica Trenti per la secondaria oltre alla presenza sempre costante della Preside Velia Ceccarelli.

Dunque l’appuntamento è per domani quando, in tutti i plessi di Santa Marinella, prenderanno il via diverse attività, dalle 8.00 alle 12.00, per dare la possibilità a tutti i bambini di avvicinarsi all’autismo, attraverso la visione di alcuni video e l’attivazione di alcuni laboratori. Alle ore 11.30 i bambini usciranno insieme ai loro insegnanti nel cortile del plesso di appartenenza e lanceranno dei palloncini celesti e blu, simbolo di speranza, con un loro messaggio attaccato al filo, un messaggio di amore verso tutti.  

Ma le iniziative dureranno tutto il mese di aprile, per le classi quinte, ad esempio, nella settimana dal 16 al 20 aprile e con un calendario specifico, alcuni alunni della classe I A della scuola Secondaria, coordinati dalla Prof.ssa Sebastiana Illuminato, presenteranno “Le 10 cose che ogni bambino con autismo vorrebbe che tu sapessi”, tratto dall’omonimo libro. 

Per la Scuola Secondaria di  primo grado, per le classi prime e seconde, gli alunni della classe I A coordinati dalla Prof.ssa Sebastiana Illuminato,dal 9 al 13 aprile, secondo un calendario già definito, esporranno “Le 10 cose che ogni bambino con autismo vorrebbe che tu sapessi” sulla base delle loro esperienze personali. 

Per le classi terze  è prevista la visione del  film documentario  “Life Animated” nella settimana dal 4 al 6 aprile.           

Concludono le insegnanti: “siamo molto soddisfatte del lavoro fin qui svolto con i ragazzi e per questo invitiamo tutte le famiglie, gli  altri insegnanti, i ragazzi  e tutti i cittadini di Santa Marinella, a partecipare all’anteprima della presentazione del film documentario “TOMMY E GLI ALTRI” di Gianluca Nicoletti, il 18 aprile presso il Cinema Buonarroti di Civitavecchia. Maggiori info presso la segreteria della scuola. 

Gara Rifiuti: la GESAM prima in graduatoria, si aggiudica il bando Ottiene l'aggiudicazione provvisoria fino alla verifica dei requisiti

La gara per la gestione della raccolta dei rifiuti porta a porta sta per volgere al termine. Questa mattina alle 11.00 in biblioteca è stata convocata l’ottava seduta pubblica in cui la commissione ha dato lettura della graduatoria dei progetti tecnici ed aperto le offerte economiche.

Proprio in questa fase, infatti, il codice dei contratti prevede l’approvazione, da parte della commissione, della proposta di aggiudicazione a chi, sommando al punteggio ottenuto dalla valutazione del progetto tecnico, la percentuale di ribasso offerto, presenta l’offerta economicamente più vantaggiosa per il comune di Santa Marinella; offerta che prevede sia i servizi tecnici previsti nel bando di gara ad un prezzo conveniente sia prestazioni aggiuntive, cosiddette migliorative.

E dunque, alla luce di quanto sopra, sembrerebbe essere la GESAM srl la concorrente ad aver avuto la meglio in termini di competitività. Ora sarà compito del RUP, Arch. Maia, procedere alla verifica dei requisiti per contrarre con la pubblica amministrazione e cioè, principalmente, i certificati antimafia, i casellari e carichi pendenti di tutti i soci, la regolarità contributiva e fiscale e qualsiasi altro procedimento dichiarato presso l’Autorità Nazionale Anticorruzione.

Ecco le informazioni più significative.

LA GARA: il bando risale al Febbraio 2017 con scadenza affissione il 10/04/2017.

LA COMMISSIONE DI GARA: Ing. Paolo Maria De Felice (Presidente), Ing. Ernesto Cipriani, Ing. Paolo Boitani, Ing. Giuseppe Sappa, Ing. Monica Pasca – membri esperti.

LE PARTECIPANTI AMMESSE: AVR spa (Roma) – Impresa San Galli Giancarlo & C. srl (Monza) – CNS Consorzio Nazionale Servizi (Bologna) – ATI costituenda Tekno Service srl (Torino) – Ecosud srl (Agrigento) – Consorzio Formula Ambiente Soc. Coop. Sociale (Forli Cesena) – Gesam srl (Roma) – Diodoro Ecologia srl (Teramo) – Sarim srl (Salerno) – ATI costituenda Ecotrasporto srl di Paoletti Ecologia srl (Fiumicino- Grosseto).

I PROGETTI TECNICI: il miglior progetto tecnico presentato è quello della GESAM srl che totalizza il punteggio di 70 punti, secondo classificato con 65,26 la ATI Ecotrasporti Paoletti, terzo arrivato il Consorzio Formula Ambiente con il punteggio di 65,05. A seguire la ATI AVR Impresa Sangalli, la Diodoro Ecologia srl, il CNS Consorzio Nazionale Servizi, la Ecosud srl ed infine la SARIM srl.

LE OFFERTE ECONOMICHE: l’offerta economica più bassa è quella presentata dalla Soc. Formula Ambiente con un ribasso dello 0,31%, a seguire la Ecotrasporti Paoletti con un ribasso dello 0,41 %. Lo 0,69% lo ha offerto la Sarim mentre la Gesam si attesta allo 0.99%. Sulla base della formula applicata per il calcolo del punteggio, che viene stabilito in base ad un rapporto proporzionale tra il prezzo a base d’asta, il miglior prezzo offerto e la singola offerta, è stata la Gesam ad aggiudicarsi il primo posto in graduatoria dato dalla somma del punteggio di 70 ottenuto nel progetto tecnico e 28,9 per l’offerta economica, posizionandosi prima su tutte. Seconda classificata la ATI formata da Ecotrasporti Paoletti e, a seguire, la Formula Ambiente.

DURATA E COSTO DELL’APPALTO: l’appalto durerà 7 anni ad un canone annuo lordo di 4 milioni e 300 mila euro

Pusher in manette a Ladispoli: cocaina per un valore di mercato di circa 80mila euro. Brillante operazione dei Carabinieri di Ladispoli

Immagini di repertorio

Continuano le operazione della Comando Compagnia Carabinieri. Questa volta, nell’ambito dei controlli del territorio, sono scattate le manette per un pusher di Ladispoli. Il 49enne è stato arrestato con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

L’operazione, ad opera dei militari dell’arma, scaturisce da una serie di controlli sull’individuo e notandolo assumere, in diverse occasioni, atteggiamenti sospetti, hanno ritenuto opportuno estendere gli accertamenti con una perquisizione nel suo domicilio. Le verifiche hanno portato al sequestro di 450 grammi di cocaina e di un bilancino di precisione. Dai primi accertamenti la sostanza stupefacente è apparsa di primissima qualità e sul mercato avrebbe potuto fruttare oltre 80mila euro.

Per il 49enne la serata si è conclusa nel carcere di Civitavecchia.

Le indagini proseguono per verificare i canali di approvvigionamento dello stupefacente e le eventuali piazze di vendita.