In evidenza

Speciali

I più letti

Notizie

Processione Passione di Cristo: torna la tradizione con l’associazione Insieme per divertirci.

È di qualche ora fa l’annuncio ufficiale dell’ Associazione Insieme per divertirci, organizzatrice del Presepe Vivente negli ultimi anni, di voler riproporre la storica processione della Passione di Cristo, nativa nel Rione Valdambrini.

La data presunta sarà quella del 20 Aprile 2019, giorno concordato anche con Don Salvatore per non distogliere i fedeli dalla partecipazione alla Via Crucis e prevede la partecipazione anche dell’amministrazione Comunale, come si legge nella nota in cui si fa riferimento all’accordo assunto anche con il Sindaco Tidei.

A parlare sui social sono proprio i volontari che dichiarano: ” L’intento principale è quello di far rivivere tale rappresentazione, ripartendo da zero, per poi mantenerla viva negli anni, come simbolo e tradizione. Insieme al Parroco è stato concordato, essendo comunque una cosa molto impegnativa, di istituire subito una serie di incontri (tavoli di lavoro), con cui confrontarci e sentire proposte/idee/consigli specialmente da chi negli anni passati era tra gli organizzatori.”

Il primo incontro si terrà martedì 22 Gennaio alle 20.30 e poi a seguire per tutti i Martedi alla stessa ora. Sono invitati tutti a partecipare e a collaborare insieme, associazioni, cittadini, catechisti, parroci, suore, gruppi parrocchiani.

Scuole amiche Unicef visitano la Camera dei Deputati

Alcuni alunni di terza media sez: 3^ B e 3^ M dell’Ist.Comprensivo1 SCUOLA AMICA “Plesso Regina Elena” di Civitavecchia, sono stati accolti e guidati alla Camera dei Deputati dal Deputato del territorio Alessandro Battilocchio il quale da anni collabora con il Comitato di Civitavecchia con le Scuole Amiche UNICEF per sensibilizzare in particolare su un percorso di studio per meglio approfondire la conoscenza della Costituzione Italiana. Già da Parlamentare Europeo Battilocchio si rese disponibile alle richieste degli alunni avanzate attraverso il Comitato di Civitavecchia, diversi i viaggi a Bruxelles a cui partecipò anche il già Presidente del Comitato Provinciale UNICEF Avvocato Claudio URCIUOLI e alla responsabile del Comitato di Civitavecchia che ha sempre organizzato questi eventi, gli alunni parteciparono con interesse ed entusiasmo ai lavori del Parlamento Europeo (vedi link) http://www.civonline.it/articolo/la-galice-con-lunicef-alla-volta-di-bruxelles .
Prima della conclusione dell’anno scolastico molti altri alunni sono già in lista per visitare la Camera dei Deputati e assistere ai lavori parlamentari. Riteniamo importante la partecipazione attiva dei giovani, come scritto negli l’artt. 12 – 13 della Convenzione ONU sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, per meglio conoscere anche il funzionamento di alcune istituzioni.

Comitato UNICEF Civitavecchia
www.unicef.it/civitavecchia

Santa Marinella: appartamento sequestrato alla malavita come sede per le associazioni Ieri il Presidente della Regione Zingaretti ha consegnato le chiavi

Il Sindaco di Santa Marinella On. Pietro Tidei, in una intervista rilasciata a TeleSantaMarinella, ha reso noto l’importante evento che si è tenutosi questa mattina, venerdì 18 gennaio presso lo storico Palazzo degli Esami di Trastevere, sede di We Gil: Nicola Zingaretti ha donato ai comuni dove sono ubicati, alcuni immobili sequestrati alla malavita organizzata.

Santa Marinella ha ricevuto così in dote, un appartamento di circa 100 mq. sito in Via delle Orchidee che è stato assegnato al comitato cittadino della CRI con l’incarico di usarlo come presidio e di metterlo a disposizione delle associazioni di volontariato della città.

Tidei, con l’occasione ha anche parlato dei prossimi lavori al cimitero comunale per dotarlo di 100 nuovi loculi: un primo passo verso il superamento dell’annoso problema di spazi a disposizione per le sepolture nella struttura.

Il Segnalibro: la Patria di Fernando Aramburu

Il primo libro di cui vorrei parlarvi in questo nuovo anno è Patria, di Fernando Aramburu, appena terminato.

Sono stata invogliata alla lettura di questo libro da diversi giudizi positivi e da ciò che ne ha scritto il Premio Nobel peruviano Mario Vargas Llosa, riportato sulla copertina del romanzo: “Da molto tempo non leggevo un romanzo così persuasivo, commovente e così brillantemente concepito.”

Cosa su cui mi sono trovata perfettamente d’accordo. Ma procediamo con ordine, di cosa tratta questo romanzo?

È la storia di due famiglie che vivono nei Paesi Baschi, in cui il capofamiglia di una verrà ucciso in un attentato dell’ ETA, nelle cui fila milita il primogenito dell’altra. Due famiglie che erano molto amiche e che vengono distrutte dalla tragedia. Da quel momento niente sarà più come prima.

Il tutto è raccontato sotto ogni aspetto: emotivo, familiare, sociale, un affresco di un periodo decisivo della storia del popolo basco, carico di pathos, di poesia, di vita quotidiana e di grandi eventi.

Non c’è giudizio politico né pregiudizio da parte dell’autore; Aramburu si pone quasi come uno spettatore e lascia raccontare le vite dei suoi personaggi da essi stessi. Questa intensa storia famigliare viene narrata, attraverso brevi paragrafi (cosa che facilita anche la lettura), incentrati sui protagonisti che la animano. Sette, in tutto: in una famiglia c’è il Txato, che perderà la vita nell’attentato, la moglie Bittori, i figli Xavier e Nerea, nell’altra troviamo Joxian e la moglie Miren insieme ai figli Joxe Mari, affiliato all’ETA, Arantxa e Gorka. Ognuno con le proprie caratteristiche, così credibile, così ben caratterizzato che sembra di essere cresciuti in queste due famiglie. Riusciamo a comprendere come possa essere cresciuto il fanatismo in Joxe Mari e a capire le difficoltà di Xavier e Nerea  sul superamento del loro lutto.

Le figure femminili sono quelle che più ho apprezzato: sono loro che hanno il ruolo da protagoniste e che segnano, nel bene e nel male, l’evolversi

dei fatti. Sono entrambe, innanzitutto, donne tutte di un pezzo, forti, autoritarie, accomunate, anche se in maniera diversa, dal dolore e dalla tragedia, donne che non piangono, ruvide, poco inclini ai sentimentalismi. Ciò non vuol dire che non siano attraversate da grandi emozioni, solo non sono propense a mostrarle davanti agli altri. Sono donne che non si lasciano piegare dalle avversità, neanche l’assassinio del marito per Bittori o l’incarcerazione del figlio per quanto riguarda Miren. Al contrario: proprio questi eventi dolorosi diventano un motivo per vivere, per darsi coraggio, per lottare.

Miren più dell’altra per me è stato il personaggio più difficile da comprendere, con cui mi sono arrabbiata per quasi tutta la narrazione ma che mi ha fatto molto riflettere.

Se cerchiamo una figura di donna più equilibrata, più dolce e tenera ma non per questo meno combattiva e determinata, la troviamo in Arantxa, figlia di Miren, colpita in età adulta da un ictus che la riduce su una sedia a rotelle, senza poter parlare, quasi paralizzata ma ancora aggrappata ad una gran voglia di vivere. Impossibile non amare il suo personaggio.

C’è una frase che vorrei riportare:

Chiedere perdono richiede più coraggio che sparare, che azionare una bomba. Quelle sono cose che possono fare tutti. Basta essere giovane, ingenuo e avere il sangue caldo.

Già, chiedere perdono , non è facile, soprattutto quando si raggiunge, dopo anni di riflessione, l’amara consapevolezza di avere commesso tragici errori, irreparabili. Qui non si parla di vincitori e di vinti ma di umanità e coscienza.

Aramburu descrive perfettamente il dramma che unisce e separa queste due famiglie soffermandosi sul dolore dei sopravvissuti, su come la loro vita cambi, sulle loro diverse reazioni e lo fa con equilibrio e pacatezza, denunciando, attraverso i suoi personaggi, l’inganno di ideologie che diffondono l’odio e la violenza, non risparmiando, tuttavia, pagine di denuncia contro le vergognose torture alle quali lo Stato democratico sottopone i sospetti.

E lo fa con grande abilità, trasportandoci direttamente nella sua storia. Presa dalla lettura, mi è sembrato proprio di trovarmi lì, in Euskadi, anche grazie ai termini in lingua basca che si trovano nel racconto (utile il piccolo glossario che si trova nelle ultime pagine). La storia la vivrete, non la leggerete e basta. Continui salti temporali che invece di confonderci ci rende ancora più appassionante e irrinunciabile scoprire cosa ne sarà dei personaggi dopo la tragedia.

Un capolavoro, premiato con lo Strega Europeo nel 2018, che consiglio a tutti.

Eleonora Ortolani

Scuole: arriva l’open day all’Istituto comprensivo Piazzale della Gioventù 1

Open day a s.Marinella

di Flavia Pennesi

Anche quest’anno l’istituto comprensivo “Piazzale della Gioventù 1” apre le porte a genitori e studenti per dare l’opportunità ai bambini e ai ragazzi di capire come funzionano le scuole primaria e secondaria di primo grado.
Sabato 19 gennaio,dalle 9.00 alle 12.00, presso tutti i plessi dell’istituto sono in programma attività ideate,non solo dagli insegnanti,ma anche dagli alunni che lavorano da mesi per organizzare laboratori pluridisciplinari volti ad introdurre i ragazzi in un contesto scolastico nuovo accogliendo anche i più timorosi e preparandoli al futuro passaggio di grado.La scuola dei ragazzi spiegata dai ragazzi!
Saranno presenti inoltre, la dirigente e il corpo docenti a disposizione per qualsiasi chiarimento.
La giornata dell OpenDay,consolidata ormai da diversi anni, punta a far si che la scuola sia sempre più accogliente,attiva e partecipata da famiglie e ragazzi per coltivare sogni, idee e progetti già dai banchi di scuola .
Vi aspetta quindi un programma molto ricco e coinvolgente e un piccolo buffet di accoglienza.
PARTECIPATE NUMEROSI!!

UNICEF/Siria: morti 15 bambini a causa del freddo e della mancanza di cure mediche, 13 di loro avevano meno di un anno.

Per i nostri lettoti la dichiarazione di Geert Cappelaere, Direttore regionale dell’UNICEF in Medio Oriente e in NordAfrica
15 gennaio 2019 – “Le gelide temperature e le dure condizioni di vita a Rukban, al confine sud occidentale della Siria con la Giordania, stanno sempre più mettendo a rischio le vite dei bambini. In solo un mese, almeno 8 bambini – la maggior parte con meno di 4 mesi e il più piccolo nato da solo un’ora – sono morti.
A Rukban, dove l’80% delle circa 45.000 persone sono donne e bambini, il freddo intenso e la mancanza di cure mediche per le madri prima e durante il parto e per i neonati, hanno acuito le già difficili condizioni di vita per i bambini e le loro famiglie.
Allo stesso tempo, nella Siria orientale, le dure violenze ad Hajin nell’area di Deir-Ez-Zor hanno causato lo sfollamento di circa 10.000 persone dallo scorso dicembre. Le famiglie alla ricerca di un luogo sicuro devono affrontare diverse difficoltà nel lasciare la zona di conflitto e rimangono al freddo in attesa per giorni senza rifugi o aiuti di base. Stando alle informazioni disponibili, il viaggio difficile e pericoloso avrebbe causato la morte di 7 bambini – molti con meno di un anno di vita.
Le vite dei bambini continuano ad essere troncate da condizioni di salute che potrebbero essere prevenibili o curabili. Non ci sono scuse perché questo continui a succedere nel 21° secolo. La tragica perdita di vite causata dall’uomo deve fine adesso.
Senza servizi di assistenza sanitaria solidi e accessibili, protezione e rifugi, molti altri bambini moriranno giorno dopo giorno a Rukban, Deir-Ez-Zor e in ogni altro luogo in Siria. La storia ci giudicherà per queste morti che avrebbero potute essere evitate.
L’UNICEF chiede a tutte le parti in conflitto e tutti coloro che esercitano un’influenza su di loro di garantire passaggi sicuri a tutte le famiglie alla ricerca di un luogo sicuro fuori dalle aree di scontro e di facilitare l’accesso all’assistenza medica salvavita per i bambini ad Hajin e ovunque in Siria.
I bisogni di assistenza a Rukban sono più che urgenti, sono estremamente gravi e iniziano a diventare una questione di vita o di morte.
Ancora una volta, l’UNICEF chiede a tutte le parti di facilitare urgentemente l’arrivo di un convoglio umanitario a Rukban, che comprenda cliniche sanitarie mobili per distribuire aiuti e servizi salvavita.
Non è sicuramente troppo da chiedere quando le vite di decine di migliaia di bambini – bambini – ne dipendono.”

UNICEF ITALIA

Lo Stendhal in Europa con l’Erasmus

Sono oltre duecento gli studenti coinvolti nei nuovi progetti Erasmus al via in questi giorni allo Stendhal. L’Istituto cittadino, che oramai da quattro anni promuove le mobilità dei suoi studenti in tutta Europa, è infatti pronto a partire per una nuove avventure. La prima “The future is real” che vede coinvolti studenti olandesi e spagnoli è incentrata sulle strategie didattiche che comprendono l’uso di tecnologie d’avanguardia, la seconda “Comparisons of career choice theoretical” vede, al centro del lavoro degli studenti, una riflessione sull’orientamento e le scelte professionali e coinvolge scuole spagnole e tedesche. La terza infine “Sport and diversity” propone attraverso lo sport e attività ludico-culturali il superamento di ogni diversità e vede la partecipazione di ben 5 nazioni Francia, Grecia, Polonia, Malta e Bulgaria. “E’ sempre una esperienza importantissima per gli studenti viaggiare e conoscere altre realtà. Non è solo importante per la lingua, e devo dire che nel corso di questi anni abbiamo potuto verificare dei progressi significativi da parte degli studenti nella conoscenza delle lingue straniere, ma anche dal punto di vista di crescita personale e delle relazioni amicali” Spiega la Dirigente Scolastica professoressa Stefania Tinti “in questi anni i nostri studenti hanno stretto amicizie con ragazzi di tutta Europa, con il progetto VETTEN si sono aperte le porte per alcuni ragazzi che sono andati all’estero a lavorare durante la stagione estiva. E’ un’ esperienza formativa anche per i docenti e per la scuola nel suo insieme, abbiamo conosciuto nuovi stili di insegnamento, nuovi modi di strutturare la didattica, i docenti hanno riportato idee e innovazioni all’interno dell’Istituto e la ricaduta è stata un miglioramento complessivo della qualità della scuola” conclude la DS Tinti.

Festa di Sant’Antonio Abate: Comitato, Rione Quartaccia e Comune pronti per la benedizione degli animali.

Come da tradizione, anche quest’anno il Comitato organizzatore ed il Rione Quartaccia aspettano tutti i cittadini per la festa di Sant’ Antonio Abate.

Con il coinvolgimento del Comune di Santa Marinella sono in programma due giornate, il 17 gennaio ed il 20. A partire dalle 17.30 del 17 infatti, si assisterà all’accensione del Sacro Fuoco a cui seguirà la solenne messa nella chiesa dell’omonimo Santo. Terminata la celebrazione religiosa sarà poi la volta degli amici più fidati dell’uomo, gli animali. A loro sarà dedicata la benedizione di Don Salvatore Rizzo e verrà consegnato un omaggio a tutti i partecipanti. Come ogni tradizione che si rispetti non mancherà la convivialità intorno al fuoco e dopo la benedizione ed una simbolica processione, sarà la volta del momento culinario con pasta per tutti. Domenica 20 gennaio, dopo la messa delle 11.00 seguirà una salutare colazione con salsicce alla brace.
Commenta la Consigliera Chegia: ” Tutto ciò che è la tradizione del nostro territorio va omaggiato e l’ amministrazione comunale ha l’obbligo di tenere viva la partecipazione, soprattutto quando si tratta del lavoro volontario dei Rioni.
Ringrazio il comitato della Quartaccia ed i giovani del Rione che come tutti gli anni, nonostante il clima ostile di Gennaio nn ci fanno mancare la tanto attesa benedizione dei nostri animali.

Invito tutta la cittadinanza a partecipare e condividere delle piacevoli giornate con i rionali della Quartaccia – conclude la Chegia – in regalo per tutti gli animali che saranno benedetti delle targhette dove si potrà incidere il proprio nome”

Ricordiamo che, qualora il tempo non permettesse di stare all’aperto, la festa sarà posticipata alla domenica successiva.

Basket femminile: doppia vittoria per la serie B e per le under 18

Per la serie B, inizia bene il 2019 il team di coach Precetti, che riprende la propria corsa superando l’ostica Bull Latina per 53 a 43. Un impegno non facile, contro un’avversaria volitiva, appaiata in classifica (pur con 2 partite in più). Sono proprio le pontine ad iniziare meglio, dominando la parte iniziale del 1° quarto di gioco e imponendo un parziale di 10-2 alla squadra di casa, che appare un po’ legata e troppo imprecisa. Ma nella 2^ metà della frazione, dopo un time out, le tirreniche ritrovano velocità di esecuzione, concentrazione difensiva e un miglioramento nelle percentuali realizzative, imponendo a loro volta un netto 12-0 e chiudendo la frazione sul +4. Nel 2° quarto si assiste una fase equilibrata del match, con buone difese e squadre che restano sostanzialmente appaiate, con qualche momento in cui la Bull si porta avanti di 1 per poi essere riscavalcata dal SMB, grazie anche ai tiri dall’arco di Del Vecchio e Cardinali. Dopo l’intervallo lungo, però, è il SMB che allunga sulle ospiti, grazie a una solida difesa che concede poco e a un attacco che tiene una buona media realizzativa, con diverse incursioni al ferro di Miranda. Nell’ultimo quarto, le pontine provano l’assalto finale alzando la difesa e il pressing, ma le santamarinellesi rintuzzano gli sforzi delle avversarie, tenendole a distanza e consolidando il distacco acquisito.

Una prova “di sostanza” delle giocatrici di coach Precetti, che dopo la lunga sosta natalizia, nonostante le assenze e la non ottimale condizione di alcune atlete, hanno saputo gestire bene lo sviluppo della partita e avere la meglio su una valida Bull Basket. Oltre ai punti a referto sopra indicati, segnaliamo i 13 rimbalzi della Veinberga e le buone percentuali al tiro della Del Vecchio (3/5 da 2, 3/6 da 3).
Non ci sarà tempo di riposare perché, già martedì 15 sera, un’altra difficile sfida attende le nostre ragazze, che andranno a Frascati per il recupero dell’ultima di andata… giornate toste!

In chiusura un cenno anche per le giovani under 18 del S.Marinella Basket, che sabato scorso, hanno espugnato il campo dell’ ELITE BASKET ROMA con il punteggio di 61 a 55. Brave ragazze, avanti così!

Ciclocross: Michele Feltre (MTB Cicli Montanini) è Campione d’Italia Eccezionale risultato per l'atleta che porta un podio tricolore in casa MTB

Meglio di così proprio non poteva iniziare il 2019 della Mtb Santa Marinella-Cicli Montanini che ha colto un risultato di straordinario valore ai Campionati Italiani di Ciclocross all’Idroscalo di Milano nella giornata del 12 gennaio con una maglia tricolore sulle spalle di Michele Feltre tra i master 7 e due terzi posti ad appannaggio di Libero Ruggiero tra i master 2 e Gianfranco Mariuzzo tra i master 5.

(altro…)

Perla del Tirreno: interrogazione di Casella e Fiorucci Il rimborso dell'IVA alla società appaltante solleva forti perplessità nell'opposizione

Il lido “La Perla del Tirreno”, unico amministrato direttamente dall’ente comunale, è spesso al centro dell’interesse pubblico, sia quando esso viene messo in aggiudicazione annuale, sia quando si stilano bilanci sulla sua gestione o sui possibili usi che se ne possono fare.

In queste ore è balzato agli occhi di una parte dell’opposizione una determinazione per il rimborso di 54.000 euro alla società che l’ha avuto in appalto: Lorenzo Casella e Francesco Fiorucci hanno depositato un’interrogazione per chiedere spiegazioni sulla questione che a loro appare poco chiara

“Con una determinazione datata il 31 dicembre 2018 – specificano in un documento congiunto – , il Comune decide di restituire alla Società che ha gestito lo stabilimento balneare “la Perla del Tirreno”, la somma di circa 54.000 euro. Perché?

(altro…)

Castello Santa Severa: Zingaretti entusiata dei risultati del 2018

Concluso il 2018, passate le prime ore del nuovo anno, al castello di Santa Severa si tirano le prime somme. Sono stati più di 25.000 i visitatori del “Villaggio di Babbo Natale” allestito dall’8 dicembre al 6 gennaio 2019. Oltre 40.000, invece, le presenze al Castello che ha visto anche triplicare, rispetto allo scorso anno, gli ingressi al sistema museale ospitato da complesso monumentale, con l’ostello affacciato sul mare che ha fatto segnare quasi sempre il tutto esaurito.

I numeri del “Villaggio di Babbo Natale”, progetto promosso dalla Regione Lazio e realizzato dalla Seven produzioni con il supporto di Metalux e Polyscenica e Thun, con la supervisione organizzativa diLAZIOcrea in collaborazione con Comune di Santa Marinella, MiBAC e Coopculture, arrivano dopo il bilancio lusinghiero della stagione estiva, con 12.000 spettatori agli eventi che hanno animato il Castello. Questi i dati resi ufficiali oltre le dichiarazioni del Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, che afferma:

“Il successo del villaggio di Babbo Natale è l’ulteriore conferma della forza di un progetto su cui questa amministrazione ha puntato sin dall’inizio e che ha restituito ai cittadini un bene pubblico trasformandolo in una risorsa per il territorio. Nel Castello abbiamo realizzato nuove aree museali, uno degli ostelli più belli del mondo, l’Innovation lab e abbiamo organizzato eventi pensati per tutti. L’altra scommessa era consolidare la presenza del pubblico in un luogo che, proprio per la sua collocazione eccezionale, poteva soffrire dei flussi legati all’andamento delle stagioni. I numeri del villaggio di Babbo Natale dimostrano che, anche in questo caso, abbiamo fatto la scelta giusta”.

Il “Villaggio di Babbo Natale” è stato un grande successo di pubblico – si legge nel suo comunicato – con tanti eventi dedicati ai più piccini, una pista di pattinaggio, artisti di strada, giocolieri e spettacoli di luci, che hanno richiesto il coinvolgimento, nell’organizzazione, di oltre 150 persone. Inoltre, un mercatino natalizio ha offerto oggetti artigianali, dolciumi e street food preparato con prodotti tipici, tra le luci e le installazioni che hanno animato a festa cortili e piazze del castello“.

Le attività del Castello di Santa Severa proseguono: per tutto il mese di gennaio sarà possibile visitare la mostra “Un nuovo Lazio”, dedicata ad oggetti per la casa realizzati da designer e produttori. Sono oltre trenta gli espositori appartenenti all’alto artigianato, alle PMI e alle nuove start up che presentano una vetrina di oggetti “speciali” ispirati al territorio e alla sua ricchezza storico artistica, realizzati in perfetto equilibrio fra tradizione e contemporaneità. La mostra è visitabile con il biglietto del museo.

Il dato conferma infatti che nel 2018 sono stati circa 50.000 i visitatori delle nuove aree museali allestite nel complesso monumentale e dell’Innovation lab, o che hanno soggiornato presso l’ostello affacciato sul mare, tutte strutture aperte dalla Regione Lazio nella primavera dello scorso anno, ai quali vanno aggiunte le presenze di coloro che vanno al castello senza visitare gli spazi museali.

Tutti i progetti realizzati al Castello di S. Severa sono promossi dalla Regione Lazio, in collaborazione con LAZIOcrea, Comune di Santa Marinella, MiBAC e Coopculture.

Santa Marinella – Tolfa: al Castello ospite il Premier di Malta Joseph Muscat Ad aprire le porte del borgo Battilocchio accompagnato da Landi, Andrea Bianchi, Emanuele Minghella e Danilo Grossi

Inizio del nuovo anno all’insegna della collaborazione e reciproca amicizia tra il Comune di Santa Marinella e quello di Tolfa che questa mattina hanno accolto il Premier del Governo maltese Joseph Muscat, in una visita informale nei nostri territori.

Alla presenza dell’Onorevole Alessandro Battilocchio, da anni impegnato per favorire i rapporti con Malta ed in particolare con l’Isola di Gozo, la delegazione maltese è stata accolta al Castello di Santa Severa accompagnata dal Sindaco di Tolfa Luigi Landi.

A fare gli onori di casa il Vice Sindaco Andrea Bianchi e l’Assessore alle attività produttive Emanuele Minghella, accompagnati da Danilo Grossi per LazioCREA.

Parole di ringraziamento da parte del Sindaco Landi che ha sottolineato l’importanza della coesione tra territori nella visione unitaria delle peculiarità delle terre del Lazio con la speranza che l’amicizia con il governo maltese diventi una priorità della Regione Lazio.

Il Vice Sindaco Bianchi: “porto i saluti del Sindaco Tidei e con onore l’amministrazione comunale accoglie il Premier Muscat mostrando la bellezza del nostro Castello di Santa Severa che racchiude in se secoli di storia del nostro popolo, baciato dal mare della costa Tirrenica.

“Sono sicuro – prosegue Bianchi – che questo sia solo l’inizio di un progetto che vedrà il mare di Santa Marinella e Santa Severa e le splendide colline Tolfetane esportare le proprie tradizioni, i prodotti e le doti culturali e professionali dei nostri concittadini”.

La giornata è proseguita con la visita del complesso monumentale del Castello, la delegazione, accompagnata dall’assessore Minghella, ha potuto ammirare l’impegno e la dedizione della Regione Lazio, di Lazio Crea e del Comune di Santa Marinella nel riportare alla luce un maniero unico nelle sue caratteristiche che rappresenta il punto centrale della storia e delle tradizioni del mondo di Pirgy.  A raccontare la storia legata al maniero le guide multilingue di CoopCulture, società che gestisce i servizi museali per il Comune di Santa Marinella, a cui si deve la nascita della libreria del mare, all’interno del Castello.

Il Segnalibro: storie di perseveranza, fatica, vanagloria e speranza con la racchetta in mano "Odio il tennis, lo odio con tutto il mio cuore, eppure continuo..."

Uno dei più grandi campioni di tennis di sempre, André Agassi, numero uno del mondo per numerosi anni, racconta in “OPEN” al giornalista premio Pulitzer J. R. Moehringer la sua vita di atleta e di uomo, di 21 anni di carriera piena di alti e bassi, piena di imprese memorabili e di cadute paurose.

Un viaggio come un pugno nello stomaco che racconta il vero lato umano che si trova a fronteggiare uno sportivo professionista.

Non una semplice autobiografia, bensì un analisi di tutta la psicologia che racchiude il tennis. Il continuo relazionarsi con sé stessi, col proprio io, cercando di superare e sopportare le responsabilità dell’essere campioni, miti, insuperabili.

Scritto in modo diretto, il racconto ti porta a sentire Agassi dall’inizio alla fine, a credere nella sua volontà ferrea di essere una persona normale, nella sua timidezza e insicurezza, nella sofferenza fisica perenne, nella solitudine assoluta provata nelle interminabili sedute di allenamento a cui lo costringeva un padre troppo ossessivo, un padre-padrone capace di inventare un “drago sputapalle” nel campo costruito dietro casa che lo costringeva a colpire 2500 palle al giorno.

Quello che emerge assoluto è che anche dopo le peggiori sconfitte possono poi arrivare belle vittorie e che gli alti e bassi vanno trattati da ognuno di noi per tirar fuori il meglio in ogni difficoltà.

Le pagine scorrono velocemente, gli aneddoti divertenti, emozionanti.

La sfilata dei vari personaggi che Agassi descrive è entusiasmante, i vari Becker, Connors, Borg, Sampras, Federer in una veste diversa, più complice e spontanea.

Un Agassi con i capelli lunghi e ossigenati, l’orecchino e i look da punk che il mondo austero del tennis di allora vedeva come un bambino viziato senza prospettive.

La storia con l’ex moglie Brooke Shields e il ritratto degli incontri con il suo vero grande amore Steffy Graf, altra grande campionessa mondiale, momenti davvero speciali e raccontati con straordinaria franchezza e onestà.

Moehrenger azzecca uno stile perfetto, con un ritmo magistrale per un pubblico il più ampio possibile, non solo amante del tennis, abile a trovare le parole adatte dall’inizio alla fine.

Storia di perseveranza e fatica, di vanagloria, di successi e insuccessi, storia di dubbi e debolezze, ma soprattutto di speranze.

Speranze di avere sempre un altro punto a disposizione, un altro game, un altro set.

Speranze di riuscire a trovare la via giusta senza compromessi,combattendo fino all’ultima palla della vita senza rimpianti, cercando l’impossibile e oltre,fino alla cima dei nostri sogni,convivendo con le nostre paure senza nascondersi mai.

M.P.

Maratona Telethon 2018: L’Associazione Il Sole porta i cuori di cioccolata nel Magico Castello di Babbo Natale.

Anche quest’anno è arrivata la maratona Telethon che lancia la campagna “Presente 2018” , cuori di cioccolato, prodotti in esclusiva da Caffarel per Telethon, in cambio di un’offerta minima alla ricerca. Una campagna 2018 che rappresenta la forza della coralità , come si legge nell’edizione del Sole24ore del 14 dicembre scorso (ripr.ris.), un lavoro che permette di portare fuori dal buio malattie terribilmente insidiose”

 Anche Santa Marinella ha dato il suo contributo grazie ai volontari dell’Associazione di ragazzi disabili “Il Sole” che hanno portato i cuori di cioccolato nel Magico Castello di Babbo Natale, all’interno del Castello di Santa Severa, tra luci musica e tanti bambini golosi.

“I cuori a sostegno della ricerca hanno conquistato tutti, grandi e piccini  – commentano i volontari – e nell’atmosfera natalizia del Castello hanno rappresentato l’importanza dell’impegno delle realtà locali a sostegno della ricerca contro tutte le malattie rare. Nonostante la giornata di freddo – proseguono – in moltissimi hanno visitato lo stand che ci è stato dedicato, i nostri ragazzi hanno trascorso una giornata di condivisione e di felicità tra cioccolato, luminarie e Babbo Natale, donando, insieme ai cuori di cioccolato i loro migliori sorrisi”

Un grazie di cuore va ad Anna Battaglini – concludono – la responsabile territoriale Telethon, per la stima nei nostri confronti ed all’Assessore Emanuele Minghella che si è impegnato affinchè  i cuori della ricerca fossero presenti al Castello di Santa Severa.

“Christmas Traditions in the World” : La Perla del Tirreno pronta ad ospitare le Ambasciate di Moldova,Palestina, Romania, Slovenia e Ucraina.

Vetrine allestite a tema, luci, colori e sapori internazionali, il mood del Natale 2018 a Santa Marinella è la tradizione, ma stavolta quella internazionale.

I commercianti locali hanno aderito con soddisfazione alla proposta lanciata dall’Amministrazione Comunale allestendo le proprie vetrine con addobbi a tema che si ispirano alle varie Nazioni nel mondo. Un tono di colore e di internazionalità per le strade di Santa Marinella e Santa Severa, illuminate dalle luminarie puntualmente accese l’8 dicembre e movimentate da un ricco calendario di Eventi.

Ad onorare tali tradizioni saranno le delegazioni le delegazioni delle ambasciate di Moldova, Palestina, Romania, Slovenia ed Ucraina che saranno in visita presso la città di Santa Marinella e la frazione di Santa Severa, mercoledì 19 Dicembre.

Nella stessa giornata, dopo una prima parte istituzionale, dalle ore 15:30 presso la “Manica Lunga” del Castello di Santa Severa, i cittadini potranno godere di spettacoli folkloristici dei paesi ospitati che con le loro rappresentazione illustreranno le proprie tradizioni Natalizie.

“L’austerità determinata dalla situazione di dissesto finanziario dell’Ente non deve farci dimenticare che  per crescere in termini economici e di turismo – commenta il Sindaco Tidei – bisogna ampliare i propri orizzonti  uscendo dal guscio e creando rapporti nazionali ed internazionali con altri paesi.” “Noi – continua il Sindaco – nonostante il momento particolare che sta vivendo l’Ente , ce l’abbiamo messa tutta per offrire un po’ di serenità e dei momenti di allegria per ritrovarci tutti insieme e per risvegliare quel senso di comunità che probabilmente si stava perdendo. Colgo l’occasione per ringraziare  i nostri main sponsor , ENEL, ACEA, Europa Musica e  tutte quelle associazioni e volontari che , gratuitamente, si sono fatti promotori di molti eventi e si sono resi disponibili a collaborare per offrire alla cittadinanza un Natale ricco di eventi.

Tanta la soddisfazione del Consigliere D’Emilio, delegato al turismo, che invita tutti a partecipare agli eventi in programma ricordando anche l’appuntamento del 23  dicembre al Teatro Odescalchi che ospiterà Cheryl Porter, la cantante Gospel Statunitense celebre in Italia per i suoi duetti con Paolo Conte, Katia Ricciarelli, Tito Puente, Mariah Carey, Amii Stewart e tanti altri.

Unicef augura a tutti Buon Natale: La Pigotta compie 20 anni

Con l’arrivo del Natale non poteva mancare l’impegno di Unicef che sul territorio di Santa Marinella e Santa Severa deve tutto alla sua portavoce Pina Tarantino, del Comitato di Civitavecchia.  Quest’anno le Pigotte compiono 20 anni, questo il loro appello:

ADOTTATEMI, per questo Natale, torno ancora una volta tra  voi,  sono la bambola di pezza dell’UNICEF che salva i bambini più vulnerabili. Nei prossimi giorni, grazie all’impegno di centinaia di volontari dell’UNICEF, potete ADOTTARMI in tante  piazze  o presso i Comitati provinciali dell’UNICEF. A Civitavecchia  sabato 22 dicembre  dalle ore 16 alle ore 18 , sarò  disponibile per  voi  presso il  Comitato UNICEF  in Via Giusti, 22 e prima di Natale farà visita anche nelle Piazze di Santa Marinella.

 ADOTTAMI   il tuo  contributo  di  20  euro si trasformerà in vaccini, alimenti terapeutici e assistenza per tanti bambini nel mondo”.

“In questo speciale anniversario, un pensiero particolare va a Jo Garceau, una nostra volontaria che ci ha lasciato da poco e che nel 1998 ha creato la prima Pigotta, ispirandosi alle bambole di pezza che la nonna confezionava per lei e le sue sorelle per Natale. Vorremmo che questo Natale tantissimi nonni e genitori regalassero con lo stesso amore una Pigotta ai loro figli e nipoti, salvando così le vite di milioni di bambini nel mondo”, ha aggiunto Francesco Samengo, Presidente dell’UNICEF Italia.

A partire da quest’anno, la Pigotta avrà un nuovo sito www.pigotta.it che conterrà al suo interno anche lo store dove, per la prima volta, sarà possibile scegliere la Pigotta che si vuole adottare.

“Avrà pure un cuore di pezza. Ma ogni anno salva migliaia di bambini”.

 

Bambino Gesù: un problema articolato che interessa tutta la città Si muove la politica per cercare di scongiurare la chiusura: idee in contrasto però tra le varie forze politiche

Il Bambino Gesù di Santa Marinella è in questi giorni al centro delle preoccupazioni di molti cittadini e di alcuni rappresentanti politici: la fondazione omonima ha deciso di chiudere la struttura che da quasi cento anni è un centro d’eccellenza importante per la città.

L’ospedale Bambino Gesù di Santa Marinella è oggi, in realtà, una piccola struttura poliambulatoriale con poche camere a disposizione, ormai fortemente specializzata, e forse, anche per queste sue caratteristiche, è divenuto un investimento difficile da sostenere per la sola fondazione che lo amministra.

La struttura è ovviamente convenzionata con la ASL ed è possibile eseguire una serie di esami e controlli sanitari direttamente presso il presidio cittadino, permettendo così ad altre strutture analoghe di essere meno ingolfate da richieste e garantendo comunque un servizio pubblico più consono a una popolazione in costante crescita, seppur lenta.

Secondo l’assessore Renzo Barbazza, così come riportato dal blog del giornalista Cristiano Degni: “Il Bambino Gesù è una struttura privata convenzionata con la Regione Lazio. In quanto tale ha la libertà e l’autonomia per decidere cosa fare e non fare, visto che risponde unicamente al Vaticano per le sue progettualità. La Regione può intervenire fino ad un certo punto. Ho avuto due incontri con i vertici del Bambino Gesù a Roma per conoscere i loro intenti e mi è stata confermata la loro volontà di ridurre progressivamente le loro attività fino alla chiusura nell’arco di tre anni. L’amministrazione per intervenire in merito,d’accordo con la ASL Rm4, ha proposto di trasferire gli ambulatori di Via Valdambrini al Bambino Gesù, in affitto, proprio per garantire una continuità storica con una realtà sanitaria a cui la città è fortemente legata da molti anni. Siamo in attesa che il Bambino Gesù ci dia una risposta accettabile e congrua con le esigenze di Santa Marinella e del nostro territorio”.

Il massimo che si è ottenuto è stato rimandare la chiusura al 2021: troppo poco per buona parte delle opposizioni, soprattutto per la variegata compagine di destra.

La Lega, per mano di Roberta Felici, è la prima ad alzare la voce dando una risposta a Barbazza: “Non ci accontenteremo di un assessore che ci dice di aver avuto due incontri con i vertici dell’Ospedale e di aver trattato per far si che, se proprio deve chiudere il polo, “ci si metta la Asl di Valdambrini”. Non ci aspettiamo una risposta burocratica del tipo “non è nostra competenza e non possiamo far nulla”. Ci aspettiamo una risposta POLITICA. Perché la politica a questo serve, a uscire dalle logiche dei vantaggi economici ed organizzativi”. 

Strada diversa quella intrapresa da Fratelli d’Italia, tramite Chiara Colosimo, che in Consiglio Regionale ha presentato una mozione incentrata su quanto siano fondate queste voci; mentre Cuori, tramite l’intervento di Roberta Angelilli, pone l’accento sui problemi che il trasferimento degli uffici della ASL da Via Valdambrini a Lungomare Marconi comporterebbe ai lavoratori, che non sono stati interpellati.

Un problema questo in realtà non indifferente, anche per quanto concerne una questione toccata finora solo di straforo: l’indotto. L’ospedale pediatrico e gli uffici della ASL hanno creato un’economia attorno alle loro strutture, diversa e diversamente distribuita. La chiusura del nosocomio comporterebbe sicuramente un problema per quelle aziende che ruotano attorno alla media degenza, mentre lo spostamento della ASL comporterebbe problemi per un quartiere come quello di Valdambrini, che attorno al movimento generato dagli uffici dell’azienda aveva puntato.