Alfredo De Antoniis

Campagna elettorale in partenza: centro destra spaccato in cinque Primi scontri tra candidati. De Antoniis: “Ricci non rappresenta tutto il centro destra”

La campagna elettorale è ufficialmente iniziata: il 12 sono state presentate tutte le liste che appoggiano ben otto candidati sindaco. Un numero quasi da record con circa 270 candidati consiglieri.

Dei tanti nomi circolati in questi mesi, di alcuni c’era ormai certezza: in primo luogo, Pietro Tidei, appoggiato da una coalizione di liste di sinistra con capocordata il PD; Francesco Settanni, candidato per il Movimento 5 Stelle, rigorosamente solista;  anche Lorenzo Casella concorre da solo con la lista “Il paese che vorrei”, altra formazione che si posiziona a sinistra.

Il centro destra santamarinellese si presenta alle elezioni molto diviso: Carlo Pisacane, primo ex vicesindaco dell’amministrazione Bacheca 2.0, si candida con una sua lista civica; anche Roberto Marongiu, dopo la sua ultima esperienza da consigliere di maggioranza, ha deciso di candidarsi alla massima carica cittadina, facendosi appoggiare da due liste civiche. Giampiero Rossanese, in passato presidente del consiglio comunale con la prima giunta Bacheca, si presenta con la lista “No slogan”.

Gli occhi cadono sullo spaccamento dei partiti dell’arco costituzionale rappresentati in città: la volontà di Forza Italia di appoggiare Bruno Ricci, nipote del responsabile locale del partito, ha visto la rottura con Fratelli d’Italia e la decisione dell’intero gruppo della Lega di rinunciare addirittura al simbolo, recuperato all’ultimo momento da alcuni transfughi dell’amministrazione uscente.

Bruno Ricci

Fratelli d’Italia e Cuori Santa Marinellesi hanno così deciso di candidare Alfredo De Antoniis, ex responsabile cittadino di Noi con Salvini prima e della Lega poi, contro la candidatura di Ricci, considerata come emanazione dell’ultima giunta Bacheca da cui tutti gli altri candidati vogliono tenere le distanze.

Lo scontro tra Ricci e De Antoniis inizia anche già ad evidenziarsi: il primo comunicato del candidato di Forza Italia ha visto una repentina risposta dell’altro in cui si sottolineava come Ricci esagerasse a considerarsi il candidato del centro destra. Effettivamente la situazione attuale vede ben cinque candidati dell’area.

“Nelle nostre liste non ci sono palazzinari – specifica Bruno Ricci -, ci sono solo  santamarinellesi  che con passione e senso civico si mettono a disposizione della collettività, determinati su come procedere, con le idee chiare e soprattutto  sono già una squadra affiatata, perché da soli non si vince mai, pronti a dare battaglia, per migliorare la città in cui viviamo con le nostre famiglie, per lasciare un segno, tracciare insieme un percorso verso un futuro più luminoso,  una cittadina  migliore in eredità  ai nostri figli”.

Ma De Antoniis risponde: “Bruno Ricci rappresenta solo una parte del centro destra, costituita in prevalenza da ex amministratori e frutto di scelte lontane dalla città: può non avere candidati residenti fuori Santa Marinella, ma la sua candidatura è frutto di decisioni prese altrove e che non hanno, in alcun modo, voluto comprendere il sentire comune dei cittadini della nostra città, pur essendo noto e forte il desiderio di cambiamento”.

Ora gli occhi sono puntati sui programmi e sulle conferenze e riunioni di apertura della campagna, previste in queste ore e, per quanto riguarda i partiti parlamentari, ai personaggi che presenzieranno: Tidei, per ora, ha ottenuto la presenza del presidente della Regione Lazio Zingaretti, mentre per De Antoniis sarà presente una parte importante di Fratelli d’Italia e Cuori Italiani, Forza Italia e la ricostruita Lega, orfana dell’intero gruppo locale, avrà gli auguri di Claudio Durigon, deputato proprio del partito salviniano. 

Afredo De Antoniis candidato sindaco, ma non con la Lega: “Una scelta di coerenza” Il nome di Bruno Ricci spacca il centro destra: anche Fratelli d’Italia non lo appoggerà

Alfredo De Antoniis

La decisione più o meno pubblica di candidare Bruno Ricci come sindaco del centro destra riunito ha creato una vera e propria spaccatura all’interno dei movimenti politici dell’area, ottenendo l’effetto contrario.

Sabato  5 maggio, Alfredo De Antoniis ha rotto gli indugi e si è formalmente candidato sindaco per un gruppo di liste civiche: la novità è nella rottura con la Lega, di cui era segretario cittadino dai tempi di Noi con Salvini.

“Sulla candidatura di Bruno Ricci – spiega De Antoniis – abbiamo espresso più volte delle perplessità, non per il candidato in se, ma per quello che poi c’è attorno”.

“Noi negli ultimi anni – conclude – abbiamo criticato la giunta Bacheca in maniera anche aspra, ma sempre in modo costruttivo e oggi non ci possiamo trovare in una coalizione di centro destra che sia la riproposizione dell’amministrazione Bacheca. Abbiamo fatto, quindi una scelta di coerenza”.

Oltre all’abbandono da parte di De Antoniis del partito di Salvini, che a questo punto dovrà in fretta e furia reinventarsi da capo a poche settimane dal voto, anche Fratelli d’Italia sembra indirizzato a preferire uno dei suoi: Marco Valerio Verni, da sempre attivo in città per il partito della Meloni. A darne notizia Il Messaggero di sabato.

Insieme a loro due, il nome di Ricci non sembra aver convinto ne Roberto Marongiu ne l’ex vicesindaco Pisacane. Quest’ultimo, proprio nel week-end si è impegnato nel raccogliere le firme per la sua candidatura autonoma.

Alla fine, Forza Italia si ritrova nuovamente sola con l’appoggio, pare, de L’Ancora di Eugenio Fratturato e di alcune liste vicinissime all’ex sindaco Roberto Bacheca che, si vocifera, dopo l’avventura regionale con lo Scarpone di Pirozzi, tenterà quella comunale proprio con la Lega di Salvini. Scelta che ha lasciato perplessi alcuni degli attivisti di vecchia data che non scordano le recenti elezioni regionali, dove la candidatura del sindaco di Amatrice è stata vista come un tentativo di togliere voti, proprio al centro destra.

In conclusione, le forze politiche dell’area si sono ribellate: uniti sì, ma non a tutti i costi.

Ricci è troppo vicino alle passate amministrazioni e nessuno si vuole ritrovare collegato con la giunta Bacheca 2.0, considerata come quella che ha lasciato un’eredità troppo pesante da continuare a far sopravvivere, ad esclusione di coloro che sono convinti abbia fatto un ottimo lavoro.

Bilancio: tutti contro la giunta dopo il parere contrario dei revisori Tra diffide e girate di spalle, lo scontro iniziato tra Tidei e Minghella si fa caldo coinvolgendo tutti

Il Consigliere delegato al Bilancio e Tributi Emanuele Minghella

Lo scontro tra Emanuele Minghella e Pietro Tidei sorto dalla lettera aperta pubblicata sui giornali dal consigliere santamarinellese non cenna a scemare e, anzi, si arricchisce di nuovi attori in quella che sembra essere diventata la diatriba dell’estate della Perla del Tirreno.

Questa mattina, i primi a spalleggiare a spada tratta Minghella sono stati proprio i membri della giunta comunale di Santa Marinella che tramite un comunicato stampa ufficiale si sono detti stupefatti dell’attacco al consigliere delegato al bilancio, definito “terrorismo mediatico” esercitato dal PD tramite gli organi di stampa.

“Non ci siamo mai nascosti, in special modo in questo ultimo periodo, sulle difficoltà che il nostro Comune sta attraversando dal punto di vista finanziario – affermano – ma gli attacchi del Pd, oltre ad essere demagogici e pretestuosi, raccontano una situazione che non corrisponde alla realtà”.

“I servizi primari ed essenziali sono e saranno sempre garantiti, la macchina amministrativa continua e continuerà a lavorare affinché questa fase venga presto superata, attraverso una forte azione di recupero dell’evasione già programmata, attraverso scelte amministrative e politiche mirate al contenimento interno della spesa e attraverso nuove formule di recupero crediti, che ci consentiranno di mantenere invariate le imposte locali”.

Niente nuove tasse, dunque, garantiscono da Via Rucellai.

Di rimando però il PD contrattacca con la pubblicazione di un comunicato dove si parla nuovamente di bilancio, questa volta appoggiandosi sull’ultimo documento prodotto dai revisori dei conti comunali e diffuso ai consiglieri: “Dettagliato il parere n.32 dei revisori dove si prende atto che  l’anticipazione di tesoreria e la consequenziale situazione di cassa abbiano assunto criticità strutturali. Inoltre fa notare come le utenze di acqua, energia elettrica, carburante, gas ecc.. vengano fornite senza il preventivo impegno di spesa in quanto carente del visto contabile. Afferma che la gestione di cassa si trova in disequilibrio e per finire afferma che l’ente non ha capacità di riscossione dei crediti residui e dei crediti derivanti dalla gestione di competenza”.

“Se si persiste su questa linea inoltreremo già da martedì dettagliato esposto alla corte dei conti, ci rivolgeremo al prefetto e contestualmente chiederemo un ispezione del MEF”. E confidano nelle pronte dimissioni di tutta la giunta, ideando perfino un hashtag: #liberasantamarinella.

Il PD locale viene spalleggiato e anticipato negli intenti dai consiglieri Fronti e Ferullo: “È naufragato anche l’ultimo tentativo di salvare la ciurma, con azioni bocciate da tutti gli organi di controllo e indirizzo amministrativo, la delibera degli equilibri di bilancio, prima volta a memoria d’uomo, ha incassato il parere negativo dei Revisori dei Conti.

Non poteva essere altrimenti, una delibera che non garantisce l’equilibrio finanziario ed è in contrasto con la relazione fatta dallo stesso Minghella un mese prima e che ci porterà dritti dritti al dissesto finanziario”.

Alfredo de Antoniis (NCS Santa Marinella)

Infine c’è chi gira le spalle pubblicamente: Noi con Salvini Santa Marinella prende formalmente le distanze dalla giunta e da chi tra i consiglieri lunedì voterà il bilancio.

“Se oggi le spese hanno superato le entrate – scrivono – è perché il padrone di casa (il Sindaco, n.d.r.) non ha saputo gestire le uscite, oltre che i suoi inquilini di palazzo incoscienti, hanno fatto progetti per oltre un milione di euro, progetti faraonici e non, che non sono stati e mai saranno realizzati, distruggendo altresì le poche strutture funzionanti che avevamo nel paese”.

“Oggi davanti alla resa dei conti da buon fuggitivo quale è, e noi lo conosciamo bene, lascia parlare gli altri, mentre lui aspetta che arrivi il 31 luglio, sperando che Minghella ci metta la faccia e risolva questo problema della non candidabilità per i prossimi 10 anni a chi si fa responsabile di mandare un comune a vocazione turistica in default”.

Anche NCS fa un appello ai consiglieri di maggioranza di “dimostrare di voler bene alla città”.

Come si concluderà lo scontro? Il momento dell’incontro si avvicina: il fatidico lunedì 31 luglio alle 14:30 presso via dei Gladioli, luogo ormai preposto ai consigli comunali, non avendo, tra l’altro, la nostra città neanche una sala consiliare.

Noi con Salvini: Ziccheri e De Antoniis contro l’hotspot a Civitavecchia De Antoniis: “il territorio subisce già lo SPRAR: questo è troppo!”

La notizia del rischio che il porto di Civitavecchia venga usato come hotspot per la crisi dei migranti, sta suscitando dure prese di posizione da più parti e non solo nella città che ospiterà la struttura, ma anche nel resto del comprensorio, notoriamente a vocazione turistica.

Non è effettivamente ancora stato confermato con certezza che i migranti giungeranno, ne quale sarà il loro effettivo numero, ma soprattutto i partiti di destra si sono detti pronti ad alzare di scudi.

Alfredo de Antoniis (NCS Santa Marinella)

Francesco Ziccheri, coordinatore regionale di Noi con Salvini interviene con durezza sulla scelta dell’hotspot al porto di Civitavecchia che definisce devastante per tutto il comprensorio. Sulla vicenda anche Alfredo De Antoniis, coordinatore NCS di Santa Marinella, che afferma: “Siamo pronti allo scontro pur di salvaguardare il nostro territorio. Non possiamo e non dobbiamo essere più succubi di queste scelte: se vorranno imporlo (l’hotspot, n.d.r.), faremo la nostra parte! Questo territorio paga già un alto prezzo con il Programma SPRAR, da noi fortemente osteggiato: ora basta!”.

Ziccheri, in una nota stampa, dichiara: “Dopo che il governo Gentiloni e il PD hanno finto di voler affrontare la questione migranti, ci troviamo davanti a una catastrofe imminente, sia a livello economico che sociale. Come si può pensare, infatti, di far diventare uno dei più importanti porti crocieristici italiani in una tendopoli con migliaia di arrivi annui? Ci attiveremo per contrastare questa scelta fin da subito”.

“Annuncio – prosegue Ziccheri – il mio pieno appoggio ai militanti di Santa Marinella e dei comuni limitrofi, soprattutto Civitavecchia, coinvolti nella questione”.

http://www.terzobinario.it/wp-content/uploads/2014/12/antonio-cozzolino.jpg
Antonio Cozzolino, Sindaco di Civitavecchia

Sulla stessa lunghezza d’onda anche il Sindaco di Civitavecchia Cozzolino, del Movimento 5 Stelle, che si è detto da subito apertamente molto critico sulla scelta della Prefettura, proprio per la forte propensione turistica dello scalo marittimo e sull’impossibilità della città di assorbire l’accoglienza di migliaia di rifugiati.

Il Prefetto ha per ora disposto solo un controllo delle infrastrutture portuali, mentre a livello internazionale è prevista una riunione dei ministri degli esteri dei paesi UE per discutere di un possibile colloquio con l’attuale governo libico, l’unico in grado di mantenere una parvenza di controllo sulle coste da cui la maggior parte degli scafisti partono per l’Italia per il loro traffico d’uomini.

NCS: “Sconto sul suolo pubblico per i commercianti”

 
Il simbolo di Noi con Salvini Santa Marinella.

 Con l’arrivo della bella stagione si ripresentano in città le varie problematiche legate al turismo e di conseguenza ai  disagi dei commercianti che con il passare degli anni vedono alternarsi stagioni estive  con introiti minori.“Siamo in prossimità della stagione turistica e anche quest’anno ci preme la sorte incerta della nostra economia locale, visti gli scarsi risultati di questi ultimi anni”. (altro…)

“Sul progetto di accoglienza lette idiozie indicibili”. Bacheca e Alfè : "Da De Antoniis informazioni false,fuori da ogni immaginazione".

Marcella Alfè

Il Sindaco Roberto Bacheca e l’Assessore Marcella Alfè replicano agli esponenti di “Noi con Salvini” in merito al progetto SPRAR. “Innanzi tutto – affermano – ci piacerebbe sapere da dove attinge le informazioni il sig. De Antoniis, visto e considerato che, dagli elenchi ufficiali non risulta in alcun modo la presenza di rifugiati collegati al progetto SPRAR in zona Fornacetta. (altro…)

Alfredo De Antoniis, Santa Marinella in campo per il no.

La foto.
La foto.

Dalla scorsa domenica e per tutte le domeniche di novembre ci saranno banchetti informativi in vista del referendum del 4 dicembre; momento fondamentale per la vita politica della nostra Nazione. Aderiranno a questa iniziativa il locale circolo di ‘’Noi con Salvini’’ ed alcuni comitati civici.Il punto informativo sarà in via Aurelia 314, nella piazzola adiacente al cinema Lucciola, la mattina dalle 9.00 alle 13.00. (altro…)

Noi con Salvini Santa Marinella: i soldi risparmiati siano usati per la messa in sicurezza dei fossi.

noi-con-salvini-santa“Decisione giusta e ponderata quella dell’amministrazione comunale di annullare la Notte Bianca prevista per il 27 Agosto al centro del paese. Ora, che i soldi stanziati per l’evento  vengano impiegati per la bonifica dei fossi”.  Questo il comunicato di Noi con Salvini Santa Marinella che esorta il Comune a destinare le somme già impegnate alla manutenzione dei tanti canali di Santa Marinella e Santa Severa.

“Settembre è arrivato e ci avviciniamo ad un periodo delicato per il nostro territorio, sempre a rischio alluvioni, e sarebbe il caso che la giunta Bacheca assuma un atto responsabile nei confronti dei cittadini e cioè, che riunisca la giunta comunale per approvare una variazione del bilancio e spostare l’impegno finanziario assunto per destinarlo alla sicurezza e pulizia dei fossi. E, qualora i lavori siano già in atto, destinare l’importo risparmiato alla nostra Protezione Civile o, comunque, alla salvaguardia del nostro territorio”.

“Non sappiamo cosa ci riserverà il meteo nei prossimi mesi – proseguono- e quindi è auspicabile un intervento urgente, ricordando anche i disagi e danni provocati negli anni passati dalle piogge violente.
Sicuramente la cifra non andrà a colmare l’intera spesa, ma può almeno migliorare la situazione nelle le zone più pericolose”.
“Aspettiamo una risposta su questo tema così importante, – concludono- perché quei soldi risparmiati siano ben spesi ed utilizzati per la sicurezza cittadina”.

Grande successo per la sfilata dei carri allegorici 2015

Il carro del rione Quartaccia
Il carro del rione Quartaccia

SANTA MARINELLA – Un’altra grande giornata di folklore grazie alla sfilata dei carri allegorici che si è tenuta ieri l’altro sul tracciato che va dalla zona Maiorca fino a Piazza Civitavecchia. Santa Marinella infatti è stata presa d’assalto da residenti, turisti e villeggianti che, in oltre quindicimila dislocati su tutti e quattro i km di strada, hanno ammirato le coreografie, i carri e i costumi dei sei rioni partecipanti alla 2^ edizione di “Rioni Senza Frontiere”, evento organizzato dal delegato comunale Alfredo De Antoniis e dal Presidente del Comitato dei Rioni Giuseppe Mengani con la collaborazione della Fondazione Cariciv e dell’amministrazione comunale. La vittoria finale, per il secondo anno consecutivo, è andata al Rione Quartaccia del presidente Emidio Mancini con il tema “La magia dell’Africa”, secondo posto per il rione Valdambrini con “La dolce vita”, terzo Alibrandi con “L’India”. Ma hanno destato ammirazione anche gli altri tre carri rappresentanti dei quartieri cittadini giunti ex equo e cioè Pirgus con “Il Signore degli Anelli”; Fiori con “Il Mondo di Disney” ed infine Combattenti con “Peter Pan”. Una partecipazione di massa dell’intera città che si è trovata coinvolta in questa kermesse. 800 figuranti tra balli, maschere e musiche a tema. Due ore e mezza di sfilata sotto il sole a 40 gradi, ma tutti li a mostrare le loro evoluzioni pindariche. Mentre la spiaggia centrale della Passeggiata al Mare si svuotava, la statale Aurelia veniva invasa da turisti, villeggianti e residenti che facevano da degna cornice all’evento. Il corteo è stato accompagnato dagli speaker ufficiali della manifestazione con la voce storica delle passate edizioni Bruno Zoi, affiancato da Alessandra De Antoniis che hanno raccontato i temi dei sei carri partecipanti. In una gremita Piazza Trieste si sono tenute le premiazioni e i ringraziamenti a tutti con gli interventi del Sindaco Roberto Bacheca e del delegato ai rioni Alfredo De Antoniis. “Una grande sfilata – dice il primo cittadino – e questo grazie all’ottimo lavoro svolto dal delegato ai rioni Alfredo De Antoniis, al presidente del comitato Rioni senza frontiere Peppe Mengani e di tutti coloro che sono stati protagonisti della rassegna coreografica. Sono orgoglioso di tutti loro perché hanno consentito ad un mare di gente, si conta circa 15 mila persone, di assistere ad una sfilata bellissima”. “E’ stato un successo al di sopra di ogni aspettativa – ribatte il delegato ai rioni De Antoniis – per cui ringrazio la Fondazione Cariciv dell’avvocato Vincenzo Cacciaglia, il Comitato Rioni Senza Frontiere, i rioni partecipanti, le associazioni, le forze dell’ordine e tutti coloro che hanno lavorato sodo in questi mesi. Abbiamo dimostrato che questa città è ancora viva e unita, grazie alla partecipazione di tantissimi cittadini, giovani e meno giovani, che hanno svolto un lavoro eccezionale durante questi mesi. La soddisfazione di aver riempito, oltre ogni aspettativa, le strade e le piazze di Santa Marinella è veramente tanta. “Siamo stanchi ma felici – aggiunge il Presidente del Comitato Rioni Senza Frontiere Giuseppe Mengani – per aver ancora una volta offerto uno spettacolo entusiasmante a migliaia di persone che hanno invaso Santa Marinella. Lavoreremo sodo affinché nel 2016 lo spettacolo sia ancor più qualificato e coinvolgente, puntando molto sulla promozione e l’immagine della Sfilata. Ringrazio tutti, veramente tutti coloro che hanno lavorato con noi con ogni mansione per questa bellissima manifestazione”. Una giornata tranquilla grazie alla collaborazione della Protezione Civile di Tolfa e della Pro Pyrgi di Santa Marinella, del Nucleo Sommozzatori, della Misericordia, Della Croce Rossa, dei Rangers D’italia, dei Vigili Urbani e dei Carabinieri”.

 

Santa Marinella. Presentazione della sfilata dei carri allegorici 2015 Cacciaglia: "Anche quest’anno abbiamo deciso di sostenere questa bellissima iniziativa"

La presentazione della sfilata presso la sede della Fondazione CaRiCiv
La presentazione della sfilata presso la sede della Fondazione CaRiCiv

SANTA MARINELLA – E’ stata presentata ufficialmente ieri l’altro, nella sede sociale della Fondazione Cassa di Risparmio, la seconda edizione della sfilata dei carri allegorici. Erano presenti l’Avvocato Vincenzo Cacciaglia, il sindaco Roberto Bacheca, il presidente dell’Associazione Rioni Senza Frontiere Giuseppe Mengani e il delegato ai rioni Alfredo De Antoniis. All’incontro è stato spiegato come si svolgerà la manifestazione che è stata finanziata dalla Fondazione Cariciv e dal Comune che, in pratica, ripete le stesse operazioni previste nella passata edizione. Partenza del corteo alle 17, arrivo a Piazza Civitavecchia intorno alle 20 e poi la proclamazione del vincitore. Sei i rioni partecipanti che proporranno delle bellissime coreografie.

(altro…)

NOTA STAMPA. Conferenza stampa ufficiale per presentare i carri allegorici

Domani mattina alle 11.30, presso la sede della Fondazione Cariciv di Civitavecchia (in via Risorgimento), si svolgerà la conferenza stampa di presentazione della 2^ edizione della sfilata dei Carri Allegorici di Santa Marinella, che si terrà domenica prossima. Alla conferenza saranno presenti il Sindaco Roberto Bacheca, il delegato ai Rioni Alfredo De Antoniis il Presidente della Fondazione Cariciv avv. Cacciaglia ed il Presidente del Comitato Rioni Senza Frontiere Giuseppe Mengani.

Migranti. Manifestazioni e sit-in a Santa Marinella a confronto: pro e contro in strada

La manifestazione contro l'alloggiamento dei migranti nell'Hotel Miramare
La manifestazione contro l’alloggiamento dei migranti nell’Hotel Miramare

SANTA MARINELLA – Il tema dell’immigrati è stata l’occasione per dare alla forze politiche locali il modo per tornare a scendere in piazza con i propri slogan. In previsione dell’arrivo di una cinquantina di rifugiati che la Prefettura vuole ospitare all’Hotel Miramare, ieri ci sono state due manifestazioni contrapposte, l’una a favore dei migranti, l’altra ovviamente contro. La prima si è tenuta sulla terrazza della Passeggiata al Mare. Un centinaio di simpatizzanti del centro sinistra hanno lanciato slogan e esposto striscioni a favore dell’integrazione e all’ospitalità di queste persone. Poco dopo invece, nei pressi dell’albergo Miramare, altrettante persone, ma di colore politico opposto, hanno indetto un sit in per evitare l’arrivo dei profughi in città. Con il motto “Santa Marinella che accoglie: welcome” i partecipanti alla manifestazione della Passeggiata al Mare hanno voluto far capire ai presenti, ma soprattutto ai tantissimi villeggianti, che che le notizie date nei giorni precedenti non tutte erano vere.

(altro…)

Il 5 Luglio tornano a sfilare i Rioni

IL CARRO DI QUARTACCIA VINCITORE 2014
IL CARRO DI QUARTACCIA VINCITORE 2014

SANTA MARINELLA – La sfilata estiva dei carri allegorici tornerà, anche quest’anno, a colorare le strade di Santa Marinella. Sono sei, ad oggi, i rioni che hanno aderito alla manifestazione proposta ed organizzata dal “Comitato Rioni Senza Frontiere” del Presidente Giuseppe Mengani con l’apporto del delegato ai rioni Alfredo De Antoniis. Quartaccia (vincitore dell’ edizione dello scorso anno), Valdambrini, Alibrandi, Pirgus e le new entry Fiori e Santa Severa, si sfideranno a suon di carri allegorici, sfilate coreografiche, musiche e costumi, lungo il tracciato che dalla zona Maiorca porta a Piazza Civitavecchia il giorno 5 luglio. (altro…)