M5S Ladispoli

CASO ANIMO E HUMANITAS, M5S: “VERGOGNOSA MANOVRA POLITICA AI DANNI DELLE ASSOCIAZIONI”

 

LADISPOLI – Si fa più acceso il dibattito politico in previsione delle prossime elezioni comunali a Ladispoli soprattutto in merito ad un’inchiesta che ha messo in luce alcuni fatti che riguardano associazioni del territorio.

“Si apprende, grazie a una inchiesta giornalistica, che l’Amministrazione abbia tentato di far pagare a due associazioni di volontariato la cifra di 30.000 euro per l’adeguamento di una sede comunale che, invece, sarebbe dovuta essere completata dalla società costruttrice dell’area artigianale (tra i cui soci troviamo amministratori comunali e/o parenti di amministratori)”. Ad affermarlo  gli esponenti del M5S Ladispoli :      “Società a cui il Comune, anziché pretendere l’esborso dei 49.000 euro pattuiti (dovuti dal 2004), ha concesso altri due anni di proroga per il versamento. Quello che si è consumato in questi giorni a Ladispoli è forse l’apice del malgoverno raggiunto dall’Amministrazione uscente. Non appena emerso lo scandalo, il Comune, come è solito fare, ha ritirato la delibera e chiesto perentoriamente alla società di saldare il dovuto. Una mossa riparatoria per evitare, probabilmente, di perdere nuovamente la faccia. Un operato che segnala, ancora una volta, una mancanza totale di pianificazione di medio e lungo periodo, di cui una seria Amministrazione dovrebbe farsi carico”. Per il Movimento 5 Stelle di Ladispoli inoltre “la cosa vergognosa è che tali fatti siano avvenuti ai danni di due associazioni che da tempo si sono praticamente sostituite all’attività dell’Amministrazione nell’assistenza a famiglie in difficoltà di Ladispoli; associazioni –proseguono-che si ritrovano ora anche umiliate da questa gestione fallimentare della cosa pubblica. Noi cittadini  abbiamo lasciato in mano Ladispoli per tanti anni a persone che non hanno fatto altro che “navigare a vista”, lasciandoci in eredità una città piena di opere incompiute e con le casse comunali praticamente vuote (è notizia di queste ore l’approvazione di un bilancio disastrato)”. Dal Movimento proseguono: “E’ il momento di invertire la rotta, di lavorare finalmente a un progetto di rilancio della nostra città, in cui i cittadini possano avere finalmente voce in capitolo, di restituire dignità alle realtà territoriali che, con passione, svolgono la propria attività sul territorio”.  Secondo i cinque stelle “c’è un disperato bisogno di una città in cui le cose funzionino,- concludono- in cui ogni comparto lavori a un obiettivo, in cui camminare a piedi o in macchina non comporti un pericolo continuo, in cui le ricchezze della città vengano valorizzate e non abbandonate o sacrificate alle speculazioni.  Una città finalmente “normale”, – concludono – un cambiamento a cui tutti possiamo prendere parte”.

 

Ladispoli,M5S: “Vogliamo incontrare i cittadini nei vari quartieri della città”

Gli esponenti del M5S Ladispoli, insieme al loro candidato sindaco Antonio Pizzuti Piccoli, incontreranno i cittadini per parlare e confrontarsi con loro sulle varie problematiche della città.”Domenica 26 marzo, dalle ore 10 alle ore 13, saremo contemporaneamente in 4 punti della città: viale America al quartiere Miami, via Glasgow al Cerreto, piazza Domitilla a Caere Vetus, via Corrado Melone a Marina di Palo. Nel pomeriggio, dalle 15 alle 18,30, manterremo un banchetto sul lungomare di Marina di Palo”. (altro…)

M5S Ladispoli: Incontro con le realtà commerciali del territorio

Il Movimento 5 Stelle di Ladispoli incontrerà le realtà commerciali del territorio, in vista della preparazione del programma il prossimo 10 marzo 2017, alle ore 21.00, presso la Sala Riunioni dell’Hotel Miramare in via Trieste 3. “Il Movimento – spiegano- ha sempre avuto, tra i suoi obiettivi quelli di costruire il proprio programma di governo assieme ai cittadini, alle associazioni ed alle realtà imprenditoriali che formano il tessuto della città di Ladispoli. L’obiettivo di questo incontro sarà proprio scambiare idee, obiettivi e conoscenze per costruire assieme una parte del nostro programma”.
Dal Movimento comunicano inoltre che “saranno presenti, oltre al candidato portavoce sindaco Antonio Pizzuti Piccoli – Movimento 5 Stelle, anche alcuni degli attivisti che stanno supportando l’azione del MoVimento 5 Stelle Ladispoli. L’invito – concludono – è esteso a tutte le attività produttive della città. Vi aspettiamo Venerdi per parlare con noi di voi, per cambiare Ladispoli, #aPICCOLIpassi”.

M5S Ladispoli: “Quasi in 200 per l’evento Cambiamo Ladispoli”.

Quasi 200 cittadini hanno presenziato all’’evento “Cambiamo Ladispoli” tenutosi ieri e organizzato dal Movimento 5 Stelle presso lo stabilimento Sun Bay.“Cteniamo a ringraziare i quasi 200 cittadini (più i molti che hanno seguito la diretta streaming) per la loro presenza e per l’interesse con il quale hanno partecipato, anche attivamente, alla serata”, afferma Antonio Pizzuti Piccoli, candidato sindaco del Movimento 5 Stelle a Ladispoli.  (altro…)

Cambiamo Ladispoli,il M5S presenta il programma e si confronta con i cittadini. Domenica 19 febbraio dalle ore 18.00 alle ore 20.00 presso lo Stabilimento Sun Bay.

La locandina dell’evento.

Domenica 19 febbraio, dalle ore 18.00 alle ore 20.00, il Movimento 5 Stelle di Ladispoli vi invita a partecipare all’evento CAMBIAMO LADISPOLI #1, la prima di una lunga serie di iniziative dedicate a presentare i punti del nostro programma di governo e approfondire la nostra visione e il nostro progetto per la città di Ladispoli! (altro…)

M5S ladispoli:”Chiediamo all’Amministrazione una moratoria sui progetti di cementificazione del nostro territorio”.

La foto.

“Chiediamo all’Amministrazione uscente una moratoria da qui alla data delle elezioni su tutti i progetti che prevedono nuovo cemento su aree verdi della città”.  Ad affermarlo  gli esponenti del M5S Ladispoli: Stanno continuando in questi giorni, i passaggi in Comune riguardanti progetti di cementificazione del nostro territorio. Questa volta si tratta di Osteria Nova (350000 metri cubi di cemento su 40 ettari di campagna ladispolana; un nuovo quartiere Cerreto per intenderci) e di un piano per edificare palazzi su terreni in via Napoli e via Livorno; ovviamente aumentando la cubatura in variante al Piano Regolatore, come si sta facendo alle spalle della caserma della Guardia di Finanza”. (altro…)

M5S di Ladispoli all’attacco dell’amministrazione Dal Movimento: "L'amministrazione mortifica i giovani della città"

CAG Ladispoli

LADISPOLI -“Ancora una volta la politica locale ignora le istanze delle nuove generazioni” dichiarano dal Movimento cinque Stelle di Ladispoli.
“La notte di capodanno – proseguono -, il Centro di Aggregazione Giovanile (CAG) è stato concesso a un’associazione per lo svolgimento di una festa di fine anno. Tale fatto ha provocato la giusta indignazione dei ragazzi del Consiglio Comunale Giovanile, i quali avrebbero più volte chiesto la concessione e la gestione dello spazio per attività culturali aperte al pubblico, senza ricevere risposta”.
Secondo il M5S i fatti di capodanno riguardanti il CAG “hanno mostrato, nuovamente, il lato peggiore di questa Amministrazione: pressappochismo, incapacità, non rispetto delle regole e la solita dose di imbarazzanti falsità, prontamente smascherate dall’inchiesta di un noto giornale locale”. “L’Amministrazione comunale si era infatti affrettata a precisare che la concessione del CAG all’associazione Eventi città di Ladispoli, fosse avvenuta rispettando i tempi e i modi previsti; tesi clamorosamente smentita dall’articolo sopracitato”.
“Cosa ci insegna questa vicenda?” sichiedono, “che la politica ladispolana ha perso da tempo il contatto con le necessità e le esigenze dei cittadini e, pur di coprire le proprie mancanze e i propri errori, si rifugia nell’insulto (il consigliere Ciampa che invita i ragazzi del Consiglio Giovanile a giocare alla play station) e in esternazioni dell’Amministrazione piene di palesi inesattezze e falsità. Tutto ciò a discapito dei ragazzi del Consiglio Comunale Giovanile, rappresentanti il futuro della nostra città”.
“La popolazione di Ladispoli –continuano- ha un’età media piuttosto bassa, in controtendenza rispetto alle statistiche nazionali. A maggior ragione, quindi, la politica locale avrebbe il dovere di rivolgere costantemente le proprie attenzioni alle nuove generazioni, offrendo opportunità concrete di crescita culturale e occupazionale. Come al solito, questa Amministrazione appare invece inadeguata, incapace o “distratta” da altro e il risultato è la costante mortificazione dei propri cittadini”.
“Da parte nostra ci teniamo a manifestare la nostra solidarietà ai ragazzi del Consiglio Comunale Giovanile, annunciando la nostra partecipazione alla seduta del Consiglio del prossimo 9 gennaio”.
“Avremo modo a breve di presentare il nostro programma, – concludono – nel quale le politiche dedicate ai giovani trovano ampio spazio, con proposte concrete e realizzabili, come una politica lungimirante e attenta deve saper fare guardando al futuro del proprio territorio e di chi lo abita”.

 

M5S LADISPOLI: “BOLLINO ROSSO ALL’AMMINISTRAZIONE PER I SACCHETTI TRASPARENTI Secondo il Movimento: "La ditta Massimi affibbia ai cittadini i bollini rossi per i sacchetti non trasparenti"

LADISPOLI – “Alcuni cittadini abitanti al Cerreto ci hanno segnalato che la ditta Massimi ha cominciato ad affibbiare i famigerati “bollini rossi” alle famiglie che depositano i rifiuti in sacchetti non trasparenti” dichiarano dal Movimento Cinque Stelle di Ladispoli. “Presumiamo che tale motivazione derivi dal fatto che le famiglie che non abitano in condomini debbano collocare la propria raccolta differenziata esclusivamente nei mastelli assegnati alla singola utenza”. “Ma cosa succede quando, per svariati motivi, una famiglia si ritrova a dover utilizzare anche delle buste in quanto, magari, per colpa di imballi particolarmente ingombranti, non tutto il rifiuto riesce ad entrare nel mastello”?  Si chiedono dal Movimento. “Secondo l’Amministrazione, – aggiungono – per il tramite della ditta Massimi dovrebbero usare dei sacchetti trasparenti da depositare vicino il proprio mastello”. 
“Ma questo comportamento garantisce la tutela della privacy? Già nel 2005, il Garante della privacy rispondendo ad un quesito simile affermò che “deve considerarsi in termini generali non proporzionata la prescrizione contenente l’obbligo di utilizzare un sacchetto trasparente. In tal caso, infatti, chiunque si trovi a transitare sul pianerottolo o, comunque, nello spazio antistante l’abitazione, è posto in condizione di visionare agevolmente il contenuto esteriore” (provvedimento 14 luglio 2005 Garante privacy).
“A proposito di sacchetti:ma chi è inadempiente  nella distribuzione dei sacchetti all’utenza? E non parliamo solo di quelli dell’umido, di cui già da febbraio denunciammo la mancata distribuzione, ma di tutti i sacchetti per la carta e per la plastica. Infatti – proseguono – il punto 4 del contratto di affidamento alla ditta Massimi (rep. 4596 del 2014) recita testualmente, tra gli obblighi della ditta affidataria,  “…la distribuzione annuale dei sacchetti agli utenti, che dovrà avvenire nella seconda quindicina del mese di settembre di ogni anno, per la raccolta a domicilio della frazione organica dei rifiuti urbani (punto 1b) e dei rifiuti recuperabili cui al punto 1c (carta e cartone), punto 1d (imballaggi in plastica)…”. Altro che bollino rosso agli utenti” aggiungono sempre dal M5S di Ladispoli.  “Spiegateci per colpa di chi non avviene questa distribuzione prevista da contratto; contratto finanziato con i soldi che i cittadini pagano attraverso la tassa sui rifiuti. 
Ci dica questa Amministrazione – concludono – se svolge il monitoraggio del servizio appaltato e se pensa di applicare le sanzioni previste in caso di inadempienza. Rimaniamo in attesa di esaustivi chiarimenti”.