Pietro Tidei

Santa Marinella, Minghella a Tidei : “Si sente Robin Hood ma ho visto sempre il contrario”

Non si fa attendere la risposta di Emanuele Minghella alle accuse del Pd e soprattutto dell’On.le  Pietro Tidei: “Rispondo al PD sulla capacità di attirare risorse dall’esterno, ricordando a tutti che tale attività non è di esclusiva competenza di chi amministra nella maggioranza, ma anche dei consiglieri di minoranza che possono proporre e farsi capo di azioni così importanti, anche da semplici cittadini contribuendo per il bene della città, ahimè, non è mai pervenuto nulla, ma sono fiducioso che oggi, con l’arrivo in città di Robin Hood sarà tutto molto più semplice ed accessibile”. “ Forse dovrò chinare il capo – continua –  e bussare alla sua porta, non negherà di certo, da buon saggio, di insegnare qualcosa ad un giovane politico inesperto come me. La stessa disponibilità che sta donando alla nostra città, nell’intenzione di risollevarla dal disastro che sta annunciando su tutti i giornali in modo che, più ingigantisce la bugia più potrà dare prova delle sue abilità, peccato che non è vero nulla di ciò che racconta. Purtroppo invece ho un grande difetto, non riesco ad essere retorico e fondo le mie azioni sul praticismo. Oggi vedo solo azionata la macchina del fango da parte di Tidei nel tentativo di ricondurre la politica ad un livello molto basso, fatto di azioni scorrette e di cattiveria”. “ E per questo vorrei lanciare un appello all’amico D’Emilio – prosegue Minghella –  di prendere le distanze da questo modo di confrontarsi visto che gode di molta più stima il segretario locale del faraone, colui che arrogantemente ha disatteso le primarie che erano nell’intenzione dello stesso segretario. La mia scelta responsabile è stata quella di firmare una puntuale lettera in cui emergono chiaramente le criticità dell’ente e di cui, mi permetto di sottolineare, non ne sono l’artefice ma solo un capo espiatorio. Ho avuto il coraggio di proporre delle soluzioni, una ricetta per facilitare la ripresa delle casse comunali e spero che dopo la sfiducia i funzionari ed il Commissario straordinario abbiano continuato ad agire con responsabilità portando a termine le azioni indicate nella relazione di agosto evidenziate dagli stessi Revisori dei Conti”.  “Chi mi ha seguito e chi si è scontrato con me in questi cinque anni di governo – continua – sa benissimo che non ho mai utilizzato la bagarre per mischiare le carte, anzi, l’eccesso di trasparenza che ho avuto nel dire le cose chiaramente ha sicuramente messo in difficoltà la mia posizione ponendo più volte il fianco al colleghi di minoranza. L’onorevole Tidei dovrebbe ringraziare il suo governo per aver oppresso gli enti locali con maggior numero di seconde case, diventate un balzello su cui fare cassa per lo Stato centrale e non di certo per i poveri comuni, ma ora che torna sono sicuro che da buon Robin Hood metterà a disposizione le sue seconde residenze del territorio alla comunità. Sinceramente non l’ho mai visto togliere ai ricchi per dare ai poveri, incarichi e 110 durante la sua ultima candidatura hanno divorato i risparmi accumulati prima del 2004, contributi a pioggia a svariate associazioni di Civitavecchia, per non parlare delle indennità percepite dai suoi collaboratori. Devo continuare? Vogliamo approfondire sul project financing? Senza dimenticarci della povera Santa Marinella Servizi, che ha creato nel 2006 per dare posti di lavoro senza un briciolo di concorso pubblico e che oggi è salva solo grazie ad enormi sacrifici , concertazioni con i sindacati ed i lavoratori stessi, al quale va la mia stima; grazie a queste azioni siamo riusciti a scampare e a preservare la partecipata da leggi finanziare varate dal suo governo per riparare i danni fatti”. “ Ora mi vede come avversario politico poco capace,- prosegue –  un anno fa invece mi propose un ruolo importante nella sua futura amministrazione se avessi sfiduciato Bacheca. Riguardo il recupero dell’evasione sottolineo che Municipia ha vinto una gara pubblica europea per la concessione del servizio di riscossione perché le consulenze, che lui ama tanto e sul quale ha fondato la sua politica clientelare oggi hanno un massimale di 6mila euro l’anno e non sono stata mai utilizzati. Per concludere un ‘ idea ce l’avrei da sottoporre al nostro Robin Hood. Parli con i compagni al governo e faccia mettere come punto del programma elettorale l’abolizione del fondo di solidarietà che ha prelevato alle nostre casse ben 30 milioni in 4 anni. Magari a lei che è il faraone – conclude –  danno ascolto ed il prossimo anno, quando sarà sindaco della Perla, potrà organizzare un ottimo programma natalizio”.

Santa Marinella: continua il botta e risposta Bacheca –Tidei sull’ amministrazione della città

Ancora polemiche tra l’ex Sindaco di Santa Marinella Roberto Bacheca e l’On.le Pietro Tidei sulla gestione della città degli ultimi anni: “Ancora una volta mi tocca perdere tempo per replicare alle deliranti accuse dell’On.le Tidei che evidentemente non ha null’altro da fare che sproloquiare a destra e a manca, su tutto e tutti, dimenticando le sue nefandezze da ex Sindaco della nostra città”. (altro…)

Santa Marinella: Tidei continua ad attaccare Minghella sul bilancio

L’On. Pietro Tidei (PD)

Sulla questione del bilancio del comune di Santa Marinella interviene anche l’on. Pietro Tidei :“Le festività appena trascorse hanno lasciato l’ex delegato al bilancio senza il dono più importante, quello del silenzio. Articoli su articoli –  commenta Pietro Tidei – purché se ne parli è una strategia che non funziona più, specialmente se la si usa per dispensare cialtronerie”. (altro…)

Santa Marinella, Minghella: “Pronto ad una discussione pubblica sul bilancio”

Emanuele Minghella.

L’apertura della nuova sede di Forza Italia è l’occasione per l’ex delegato al bilancio di Santa Marinella, Emanuele Minghella, di esprimere le proprie considerazioni in merito alle vicende politiche preelettorali. “Il centro destra sta facendo la propria strada in base ai propri circoli, sosterrò Forza Italia – commenta l’ex delegato al Bilancio Emanuele Minghella – e colgo l’occasione per ringraziare tutti coloro che sono intervenuti ieri all’apertura della sede, alla presenza del Senatore Fazzone, della coordinatrice locale Wanda Saccani e del commissario Roberto D’Ottavio”. (altro…)

Santa Marinella: gli impianti sportivi teatro di scontro politico Dopo il comunicato di Bacheca non tardano le razioni di Tidei e del PD locale. Tante le domande irrisolte

Il campo sportivo di Santa Marinella diventa nuovamente il teatro di uno scontro: politico e non calcistico, sfortunatamente. Dopo la nota stampa dell’Amministrazione Bacheca di ieri, non si sono fatte attendere le reazioni del PD e soprattutto di Pietro Tidei, ormai lanciato in una campagna contro la giunta uscente.

Ripercorrendo la vicenda, l’amministrazione santamarinellese ha dato il via all’atto di indirizzo per la gestione degli impianti sportivi tramite un bando per l’assegnazione a una società terza, il cui scopo, oltre alla gestione, è la ristrutturazione e la manutenzione degli impianti. Una decisione giunta in maniera abbastanza inaspettata a pochi mesi dalla conclusione del secondo mandato del sindaco Bacheca.

“È  intenzione dell’amministrazione comunale – ha dichiarato Roberto Bacheca – incentivare la promozione delle attività sportive, affidando la gestione degli impianti a soggetti esterni, considerato che la stessa risulta eccessivamente onerosa e di difficile gestione a causa delle molteplici attività di manutenzione e custodia”.

“Sarà dunque indetto un bando pubblico – aggiunge il Sindaco – con determinati requisiti e criteri di partecipazione affinché l’intero complesso sportivo di Via delle Colonie torni a funzionare al meglio, come merita.

Sarà a carico del futuro gestore, ad esempio, il rifacimento e la manutenzione del campo in erba dello stadio e la manutenzione ordinaria e straordinaria dell’intero impianto, che consegneremo finalmente alla città, la quale tornerà ad avere a disposizione un campo sportivo funzionale e moderno allo svolgimento delle discipline sportive”.

La concessione, come riportato nella D.D.G., avrà una durata minima di otto anni, rinnovabile, eventualmente, una sola volta per il medesimo periodo e dovrà essere corrisposto al Comune un canone annuale non inferiore a 12mila euro.

Oggi al sindaco risponde l’On. Pietro Tidei con una nota stampa: “Il sindaco Bacheca nella sua nota stampa (assai coraggiosa), tra un  “sarà” ed un “verrà”  dimentica che siede nella poltrona da sindaco da circa 10 anni. […]Ci vuole coraggio a parlare di “complesso di via delle Colonie” da tutti ribattezzata come “Salerno Reggio Calabria”! Ora dopo dieci anni l’attenzione per lo sport di questa amministrazione equivale all’affidamento a qualche privato che può trarre profitto con milioni e milioni già spesi con i soldi dei contribuenti. Complimenti”.

Si aggiunge alla voce di Tidei anche quella ufficiale del circolo locale del PD, che domenica scorsa ha rinnovato le proprie cariche assegnando la presidenza a Pierluigi D’Emilio: “Ci chiediamo come si può pensare che un soggetto esterno investa soldi  “e di certo non pochi” per rifare il campo, paghi un canone di 12 mila euro e poi non possa rientrare del suo investimento ed ovviamente  coprire i normali costi di esercizio e fare uscire anche un minimo di guadagno. Cosa dobbiamo aspettarci?

Semplice, per fare sport le famiglie dovranno pagare profumatamente, infatti immediatamente viene messo il punto sulla tariffa agevolata per i residenti, solito contentino per i poveri cittadini”.

Di sicuro anche altre voci si aggregheranno al coro di indignazione per una decisione che sembra portare solo a possibili difficoltà future e a molteplici domande sulle responsabilità della gestione degli impianti e sui costi finora affrontati per tentare di risanare delle strutture ormai in disfacimento e non più agibili da anni.

Di fatto, nell’arco di appena un lustro, la città ha visto mancare all’appello prima il campo di calcio con la sua pista di atletica e  il campo d’appoggio, poi gli annosi problemi del palazzetto dello sport, che da progetto risolutivo si è tramutato in una spina nel fianco dei club locali, fino all’incredibile situazione della piscina comunale, dichiarata inagibile dopo trent’anni di lavori e ormai divenuta, grazie alla ATI che l’aveva presa in gestione, un punto di riferimento cittadino.

Alla fine la soluzione sembra essere quella tanto apprezzata da questa giunta comunale del bando a terzi per la gestione in cambio della manutenzione: una soluzione che in passato, però, ha portato a risultati alterni, spesso disastrosi. Si può solo sperare che gli impianti sportivi non facciano la fine dell’orto botanico.

Bilancio: tutti contro la giunta dopo il parere contrario dei revisori Tra diffide e girate di spalle, lo scontro iniziato tra Tidei e Minghella si fa caldo coinvolgendo tutti

Il Consigliere delegato al Bilancio e Tributi Emanuele Minghella

Lo scontro tra Emanuele Minghella e Pietro Tidei sorto dalla lettera aperta pubblicata sui giornali dal consigliere santamarinellese non cenna a scemare e, anzi, si arricchisce di nuovi attori in quella che sembra essere diventata la diatriba dell’estate della Perla del Tirreno.

Questa mattina, i primi a spalleggiare a spada tratta Minghella sono stati proprio i membri della giunta comunale di Santa Marinella che tramite un comunicato stampa ufficiale si sono detti stupefatti dell’attacco al consigliere delegato al bilancio, definito “terrorismo mediatico” esercitato dal PD tramite gli organi di stampa.

“Non ci siamo mai nascosti, in special modo in questo ultimo periodo, sulle difficoltà che il nostro Comune sta attraversando dal punto di vista finanziario – affermano – ma gli attacchi del Pd, oltre ad essere demagogici e pretestuosi, raccontano una situazione che non corrisponde alla realtà”.

“I servizi primari ed essenziali sono e saranno sempre garantiti, la macchina amministrativa continua e continuerà a lavorare affinché questa fase venga presto superata, attraverso una forte azione di recupero dell’evasione già programmata, attraverso scelte amministrative e politiche mirate al contenimento interno della spesa e attraverso nuove formule di recupero crediti, che ci consentiranno di mantenere invariate le imposte locali”.

Niente nuove tasse, dunque, garantiscono da Via Rucellai.

Di rimando però il PD contrattacca con la pubblicazione di un comunicato dove si parla nuovamente di bilancio, questa volta appoggiandosi sull’ultimo documento prodotto dai revisori dei conti comunali e diffuso ai consiglieri: “Dettagliato il parere n.32 dei revisori dove si prende atto che  l’anticipazione di tesoreria e la consequenziale situazione di cassa abbiano assunto criticità strutturali. Inoltre fa notare come le utenze di acqua, energia elettrica, carburante, gas ecc.. vengano fornite senza il preventivo impegno di spesa in quanto carente del visto contabile. Afferma che la gestione di cassa si trova in disequilibrio e per finire afferma che l’ente non ha capacità di riscossione dei crediti residui e dei crediti derivanti dalla gestione di competenza”.

“Se si persiste su questa linea inoltreremo già da martedì dettagliato esposto alla corte dei conti, ci rivolgeremo al prefetto e contestualmente chiederemo un ispezione del MEF”. E confidano nelle pronte dimissioni di tutta la giunta, ideando perfino un hashtag: #liberasantamarinella.

Il PD locale viene spalleggiato e anticipato negli intenti dai consiglieri Fronti e Ferullo: “È naufragato anche l’ultimo tentativo di salvare la ciurma, con azioni bocciate da tutti gli organi di controllo e indirizzo amministrativo, la delibera degli equilibri di bilancio, prima volta a memoria d’uomo, ha incassato il parere negativo dei Revisori dei Conti.

Non poteva essere altrimenti, una delibera che non garantisce l’equilibrio finanziario ed è in contrasto con la relazione fatta dallo stesso Minghella un mese prima e che ci porterà dritti dritti al dissesto finanziario”.

Alfredo de Antoniis (NCS Santa Marinella)

Infine c’è chi gira le spalle pubblicamente: Noi con Salvini Santa Marinella prende formalmente le distanze dalla giunta e da chi tra i consiglieri lunedì voterà il bilancio.

“Se oggi le spese hanno superato le entrate – scrivono – è perché il padrone di casa (il Sindaco, n.d.r.) non ha saputo gestire le uscite, oltre che i suoi inquilini di palazzo incoscienti, hanno fatto progetti per oltre un milione di euro, progetti faraonici e non, che non sono stati e mai saranno realizzati, distruggendo altresì le poche strutture funzionanti che avevamo nel paese”.

“Oggi davanti alla resa dei conti da buon fuggitivo quale è, e noi lo conosciamo bene, lascia parlare gli altri, mentre lui aspetta che arrivi il 31 luglio, sperando che Minghella ci metta la faccia e risolva questo problema della non candidabilità per i prossimi 10 anni a chi si fa responsabile di mandare un comune a vocazione turistica in default”.

Anche NCS fa un appello ai consiglieri di maggioranza di “dimostrare di voler bene alla città”.

Come si concluderà lo scontro? Il momento dell’incontro si avvicina: il fatidico lunedì 31 luglio alle 14:30 presso via dei Gladioli, luogo ormai preposto ai consigli comunali, non avendo, tra l’altro, la nostra città neanche una sala consiliare.

“Caro Pietro, ai cittadini da fastidio che parli di Santa Marinella, pensa ad altro”

Il Consigliere delegato al Bilancio e Tributi Emanuele Minghella

Il clima politico in città  si fa rovente soprattutto dopo le notizie di un possibile dissesto finanziario. Nel merito, sono intervenuti sia Pietro Tidei che il Pd di Santa Marinella, invitando l’assessore al bilancio Emanuele Minghella alle dimissioni.Ma l’esponente della giunta Bacheca non ci sta, e spedisce al mittente le accuse : “Un po’ mi viene da sorridere nel leggere i commenti di Pietro Tidei; che da quando ha scoperto come funzionano i social network,  cerca la lite come ha sempre fatto nella sua vita politica”,afferma il delegato al bilancio Minghella. (altro…)

Politica: una settimana ricca di interventi. I nomi, dai più ai meno citati

Si alzano le temperature e così anche le pressioni all’interno della giunta Bacheca, ma in generale nella politica cittadina.

Al primo posto della classifica indubbiamente la vicenda Passerini e Bronzolino con la lettera interna alla maggioranza in cui l’esponente di Fratelli D’Italia si lamenta nei confronti dell’assessore ai lavori pubblici addebitando ad esso tutte le gravi difficoltà del territorio, dal campo sportivo a Via delle Colonie.

Al secondo posto Bacheca e Toppi, quest’ultimo, dichiarato nel gruppo misto insieme al consigliere Vergati ha ricordato al Sindaco i “tempi belli” in cui vi era profonda stima per il lavoro svolto da consigliere  senza però sorvolare sul fiasco politico dell’intera amministrazione Bacheca che, dal canto suo, descrive l’ex consigliere come inadeguato per la delega affidata e legato solo a vicende personali, senza nessun beneficio per la città.

Tra i nomi di questa settimana compare anche Marta Grande, esponente nazionale del M5S che ha fatto visita alla scuola Carducci, accompagnata da Massimo Padroni,  per verificare la situazione degli impianti, dichiarandosi sconcertata dalle condizioni attuali in cui versa l’istituto. Ma non è il solo esponente esterno che questa settimana ha fatto visita alla Perla del Tirreno: tra i nomi di questi giorni compare anche quello di Alessandro Battilocchio, ex europarlamentare, presente, con le bandiere di Forza Italia, al convegno organizzato dal Sindaco Bacheca a favore dei balneari. Lo stesso Battilocchio ha presenziato anche alla processione in onore di Santa Severa, di domenica, oltre a varie iniziative al seguito del Sindaco Bacheca, scoprendo, dunque, a poco a poco, l’amore per la nostra città.

Dopo le prime posizioni  calde compare Alfredo De Antoniis, rappresentante di Noi con Salvini Santa Marinella, che ha affrontato i temi salienti della “scuola salviniana” portando in piazza professionisti e politici del territorio, con approfondimenti alla politica locale ed alla futura campagna elettorale in arrivo. Rimane stabile Emanuele Minghella, che dopo uno scontro di opinioni in merito alla farmacia che lo vede tirato in ballo nonostante la delega appartenga al consigliere comunale Eugenio Fratturato, si gode la soddisfazione dell’accordo sul Castello di Santa Severa e punta alla sfilata dei carri. Non perde posizioni neanche Andrea Bianchi, esponente del PD di Santa Marinella, che, oltre alle dichiarazioni all’ultimo consiglio comunale nei confronti del bilancio, non annuncia azioni politiche prossime, come già dichiarato in una nostra recente intervista. 

In netta discesa il nome di Pietro Tidei che, sembrerebbe, da voci di corridoio, candidato sindaco per il centro-sinistra nel 2018. In discesa anche lo stesso Massera e Paola Rocchi, di cui non sentiamo l’opinione da qualche tempo, dopo le contestazioni del bando sulla Perla del Tirreno e sui rifiuti. In fondo alla classifica risiedono indubbiamente le parole Estate e Turismo, che sembra non interessino a nessuno, tanto meno alla delegata Befani che, a stagione iniziata, ancora non ha reso pubblico un cartellone degli eventi per la città.