Cronaca

Furti e truffe: i Carabinieri organizzano degli incontri per prevenirli

I Carabinieri consigliano a tutti i cittadini di diffidare da chi, qualificandosi come appartenente alle Forze dell’Ordine o ad altri enti/istituzioni, chieda denaro per evitare sanzioni o denunce, procedura non prevista per alcun tipo di illecito, e invitano, in caso si abbia qualsiasi dubbio, a non far entrare in casa nessuno e chiamare il Numero Unico di Emergenza “112”, il cui operatore potrà certamente dare ogni utile indicazione per evitare di incappare in spiacevoli situazioni quali truffe e raggiri di vario genere.

Le truffe e in particolar modo quelle in danno di vittime vulnerabili, rappresentano un atto vile e spregevole perché per questi soggetti deboli, spesso soli, i danni sono di natura economica ma anche emotiva, con gravi effetti sulla loro vita sociale e anche sulla salute.

L’attenzione dei Carabinieri del Comando Provinciale di Roma è molto alta verso tale fenomeno, testimoniata dall’arresto di decine e decine di truffatori negli ultimi mesi e, sul fronte della prevenzione mettendo in campo numerose iniziative con campagne di informazione per venire incontro alla popolazione e sensibilizzare tutti sulla tematica delle truffe agli anziani.

A tal proposito il Comando Provinciale dei Carabinieri ha avviato su tutto il territorio di Roma e Provincia, anche attraverso la collaborazione con amministrazioni comunali, parrocchie ed enti\associazioni locali, la promozione di una serie di incontri aperti alla popolazione e rivolti soprattutto alle fasce più deboli, nel corso dei quali vengono forniti preziosi consigli per evitare di incappare in furti, truffe o altri reati del genere, a cui tutti i cittadini sono invitati a partecipare. I Carabinieri illustrano le principali tecniche truffaldine e i trucchi usati dai malfattori per entrare nelle case, spiegando loro come poter fronteggiare i rischi e quale comportamento assumere in caso di situazioni sospette.

Un’azione diffusa e mirata per la prevenzione di reati molto insidiosi, anzitutto furti e truffe.

L’Arma raccomanda, inoltre, il massimo dialogo tra familiari giovani e anziani per favorire una reale sensibilizzazione preventiva, che può essere potenziata proprio dalla conversazione domestica sul tema.

Sul sito internet istituzionale dell’Arma dei Carabinieri è possibile trovare consigli utili per cercare di evitare di rimanere vittime di tali reati:

http://www.carabinieri.it/cittadino/consigli/tematici/giorno-per-giorno/contro-le-truffe

In data 24/03/2017 avrà luogo il seguente incontro:

  • CERENOVA – A CURA DELLA COMPAGNIA CARABINIERI DI CIVITAVECCHIA E DELLA STAZIONE CARABINIERI DI CAMPO DI MARE, DALLE ORE 11.00 ALLE 12.00, PRESSO LA SALA PARROCCHIALE DELLA CHIESA VERGINE LAURETANA – VIA FURBARA SASSO – LOC. DUE CASETTE, CON LA COLLABORAZIONE DEL COMUNE DI CERVETERI.

– RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO –

Incendio ad un furgone alla Stazione di Santa Severa. Intervenuti i Vigili del Fuoco ed i Carabinieri.Le cause in corso di accertamento.

La foto dell’incendio.

Ieri sera, intorno alle 22,30 circa, i Vigili del Fuoco di Cerveteri sono intervenuti presso la stazione di Santa Severa per l’incendio ad un furgone di proprietà di una ditta che lavora per Trenitalia.I Vigili del Fuoco, dopo aver accertato che non vi erano stati feriti, hanno estinto le fiamme e messo in sicurezza l’area.Sul posto erano presenti anche un’autobotte AB17 del distaccamento Vigili del fuoco di Civitavecchia ed i Carabinieri.Le cause sono ancora in corso di accertamento dalle autorità preposte.

L’ultimo saluto a Carmelo Scala La città perde un volontario ed un cittadino esemplare

Abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di un nostro concittadino, da sempre speso nella vita del volontariato, fondatore ed ex presidente del Nucleo Sommozzatori Santa Marinella Onlus, Carmelo Scala.

Parole di stima da parte del direttivo del Nucleo e da tutti i volontari che ricordano Carmelo come un padre, un fratello ed  un istruttore: un grande uomo ed un amico dal cuore d’oro, instancabile nel dare aiuto al prossimo.

Tutta la redazione si stringe intorno alla famiglia e porge le più sentite condoglianze.⁠⁠⁠⁠

Carabinieri di Civitavecchia: tre arresti in poche ore

I Carabinieri della Compagnia di Civitavecchia nell’ambito dei quotidiani servizi di controllo del territorio hanno arrestato, in poche ore e in distinte operazioni, 3 soggetti

Carabinieri

responsabili, a vario titolo, di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, ricettazione e porto di armi od oggetti atti a offendere, maltrattamenti in famiglia e violazione alle prescrizioni imposte dalla misura degli Arresti Domiciliari.

La prima operazione è stata eseguita nella serata di lunedì dai Carabinieri della Stazione di Campo di Mare che, unitamente a quelli dell’Aliquota Radiomobile, hanno arrestato B.F., romano di 43 anni residente a Ladispoli e con numerosi precedenti, con le accuse di resistenza a pubblico ufficiale, lesioni, ricettazione e porto di armi od oggetti atti a offendere.

I militari di Campo di Mare, nel corso di un servizio di controllo del territorio hanno notato una persona che si trovava a bordo di una Smart in sosta presso il lungomare dei Navigatori Etruschi con atteggiamento sospetto e decidendo quindi di sottoporla a controllo. L’uomo alla vista dei militari si è dato alla fuga a bordo del mezzo, il quale è risultato successivamente provento di furto avvenuto a Cerveteri il giorno precedente, per poi abbandonare il veicolo. Dopo un breve inseguimento in cui i Carabinieri lo avevano raggiunto mentre l’uomo cercava di scappare per le campagne circostanti. Ma i Carabinieri si sono messi al suo inseguimento a piedi raggiungendolo a breve distanza. Appena fermato l’uomo ha opposto resistenza tentando di divincolarsi colpendo uno dei Carabinieri e ferendolo lievemente prima di essere definitivamente bloccato con l’ausilio di una pattuglia dell’Aliquota Radiomobile.

A quel punto i militari hanno proceduto alla perquisizione personale del soggetto, nel corso della quale è stato trovato in possesso di un coltello a serramanico, sottoposto a sequestro. L’autovettura rinvenuta è stata invece successivamente restituita al legittimo proprietario.

Conclusi i dovuti accertamenti il 43enne è stato arrestato e recluso nel carcere di Civitavecchia, dove rimarrà a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, a cui dovrà rispondere dei reati di Resistenza e Lesioni a Pubblico Ufficiale, Ricettazione e Porto illegale di coltello. Arrestato anche F.V., 42enne romeno abitante a Ladispoli, gravato da pendenze penali, poiché responsabile del reato di maltrattamenti in famiglia.

Non è andata bene neanche a O.M., 56enne romano abitante a Ladispoli, con precedenti penali, il quale, già sottoposto alla misura degli Arresti Domiciliari per reati inerenti le sostanze stupefacenti, è stato arrestato a seguito di aggravamento della misura a cui era sottoposto da parte del GIP del Tribunale di Civitavecchia. Infatti i Carabinieri di Ladispoli a seguito di numerose violazioni degli obblighi ai quali il soggetto era sottoposto, hanno informato la competente Autorità Giudiziaria, la quale ha emesso una provvedimento che ha sostituito gli Arresti Domiciliari con la Custodia Cautelare in Carcere. L’individuo pertanto, al termine degli accertamenti, è stato accompagnato presso la Casa Circondariale di Civitavecchia per rimanervi a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Ladispoli, picchia e minaccia con un coltello la moglie. L'uomo, 42 anni di origine romena è stato denunciato dalla moglie e arrestato dai Carabinieri di Ladispoli

I Carabinieri della Stazione di Ladispoli nella serata di ieri hanno arrestato F.V., 42enne romeno abitante a Ladispoli, gravato da pendenze penali, responsabile del reato di maltrattamenti in famiglia.

I militari sono intervenuti in soccorso di una giovane donna la quale, in forte stato di agitazione, chiedeva aiuto in quanto era stata aggredita e minacciata di morte con un coltello da cucina dal marito; vedendosi costretta a fuggire dall’abitazione per evitare ben più gravi conseguenze. La stessa ha riferito, come successivamente riscontrato dai Carabinieri, che già in altre occasioni il marito fin dall’anno 2015, l’aveva minacciata e malmenata, e che ormai stanca di tali atteggiamenti vessatori aveva deciso di denunciarlo. I militari si sono immediatamente recati all’interno dell’abitazione della coppia individuando F.V. il quale, in stato di agitazione, è stato fermato e sottoposto a controllo. L’abitazione era stata messa a soqquadro dallo stesso nel corso della lite con la moglie e i Carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato il coltello utilizzato dall’uomo poco prima per minacciare la donna. L’uomo è stato pertanto accompagnato in caserma e, al termine degli accertamenti, è stato arrestato e condotto presso la Casa Circondariale di Civitavecchia a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, alla quale dovrà rispondere del reato di Maltrattamenti in Famiglia.

Controlli dei Carabinieri sul litorale sei persone in manette nel fine settimana

Carabinieri

I Carabinieri della Compagnia di Civitavecchia, nell’ambito di serrati servizi di controllo del territorio svolti nel week-end, volti soprattutto al contrasto dei reati predatori e inerenti le sostanze stupefacenti, hanno arrestato, in distinte operazioni, 6 soggetti, responsabili, a vario titolo, dei reati di furto e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

In particolare, i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile, nell’ambito di mirati servizi di controllo del territorio finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati predatori, hanno sorpreso, nel giro di poche ore di distanza, due donne straniere, una 19enne rumena  e una 40enne moldava, che, all’interno dello stesso esercizio commerciale ubicato nel Centro di Civitavecchia, avevano asportato alcuni capi di abbigliamento e prodotti cosmetici, previa manomissione dei dispositivi antitaccheggio. La refurtiva è stata interamente recuperata e restituita al legittimo proprietario. Le due donne sono state arrestate con l’accusa di furto aggravato ed esperite le formalità di rito, condotte presso le proprie abitazioni e sottoposte al regime degli Arresti Domiciliari, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

(altro…)

Cgil – Mecenate TV: “Pronti allo stato di agitazione” Proseguono le trattative sindacali per salvare il futuro lavorativo dei dipendenti dell'emittente locale

Proseguono le trattative sindacali per i dipendenti di Mecenate Tv; riceviamo e pubblichiamo quanto segue:

mecenate tv – fonte Google

“Nell’assemblea svolta il giorno 2 marzo presso la sede Cgil di via Palmiro Togliatti di Civitavecchia, alla presenza dei dipendenti di Mecenate tv congiuntamente alla struttura sindacale della Cgil, dopo ampio approfondito dibattito, si è convenuto quanto di seguito esposto:

1. Dar seguito a quanto deciso in occasione del primo incontro del giorno 8 febbraio c.a. relativamente alla disponibilità espressa dalla Cgil nel verificare qualsiasi cambio dell’assetto societario ma sempre volto a tutelare gli attuali livelli occupazionali e i trattamenti retributivi

2. Sempre a quanto deciso nel primo incontro, nel valutare altre possibilità diverse dalla costituzione della cooperativa quali interventi di altri investitori;

3. In questo quadro la disponibilità ad incontrare congiuntamente alla proprietà di Mecenate, la Direzione della Lega delle Cooperative, al fine di valutare le eventuali ricadute rispetto ad un cambio normativo quale una eventuale cooperativa

4. Individuare un ulteriore incontro tra le parti così come richiesto il 28 febbraio c.a. con una email per altro ricevuta e letta e sollecitato dalla Rsa.

Riteniamo doveroso da parte della D.A. di Mecenate srl a s.u. formalizzare un incontro in tempi rapidissimi opportunamente prima che si riunisca il Cda: ciò al fine di aprire un costruttivo tavolo di confronto nell’interesse di quanti lavorano in Mecenate Tv e di un territorio ben più ampio di quello attualmente rappresentato. Diversamente sarà deciso lo stato di agitazione sostenuto dalle iniziative di lotta a difesa di chi lavora e vede messo in discussione il proprio futuro”.

Alberto Mazzini, Segretario Generale della Camera del Lavoro della Cgil 

 

Arrestato un latitante internazionale a Ladispoli.

Carabinieri

 Sabato scorso, i Carabinieri della Compagnia di Civitavecchia hanno arrestato T.C., 28 enne romeno, penalmente censito e  ricercato in ambito internazionale.In particolare, i Carabinieri della Stazione di Ladispoli, nel corso di servizi straordinari di controllo del territorio svolti nel corso del fine settimana, hanno notato alcuni cittadini stranieri nei pressi di un parco pubblico. (altro…)

Truffe: domani un altro incontro con Carabinieri e Proloco aperto a tutta la cittadinanza.

La caserma dei Carabinieri di Santa Marinella

Proseguono gli incontri rivolti alla cittadinanza per prevenire le truffe.A tal proposito il Comando Provinciale dei Carabinieri ha avviato su tutto il territorio di Roma e Provincia, anche attraverso la collaborazione con amministrazioni comunali, parrocchie ed enti\associazioni locali, la promozione di una serie di incontri aperti alla popolazione e rivolti soprattutto alle fasce più deboli, nel corso dei quali vengono forniti preziosi consigli per evitare di incappare in furti, truffe o altri reati del genere, a cui tutti i cittadini sono invitati a partecipare. (altro…)

Mecenate TV: I Sindaci del comprensorio a disposizione per aiutare l’emittente televisiva

Mecenate tv – fonte Google

Sul futuro incerto di Mecenate TV intervengono anche i Sindaci del comprensorio per esprimere congiuntamente la preoccupazione per le sorti lavorative dei dipendenti dell’emittente e mettendosi a disposizione per poter aiutare la Fondazione Cariciv. 

“In questi giorni è salita alla ribalta la situazione critica dell’emittente locale Mecenate Tv. 
Una voce dell’informazione che in questi due anni abbiamo avuto modo di conoscere e apprezzare, soprattutto per la professionalità, imparzialità e serietà di quanti ci lavorano.
Auspichiamo che i vertici della Fondazione Cariciv riescano a trovare una soluzione in grado di garantire i posti di lavoro, la sopravvivenza dell’emittente e che questa preservi il suo carattere di indipendenza.
Ci mettiamo a disposizione per supportare l’ente in questa delicata fase del processo decisionale anche attraverso un incontro”.
Firmato
I Sindaci di: Civitavecchia, Tolfa, Allumiere, Santa Marinella, Ladispoli, Cerveteri, Tarquinia, Montalto di Castro

Santa Marinella: a fuoco un auto in condominio

Ieri sera alle ore 20.40 circa, i Vigili del Fuoco di Civitavecchia, sono intervenuti per incendio ad una auto a Santa Marinella in Via A. Volta. L’autovettura in fiamme si trovava all’interno di un cortile condominiale. I Vigili del Fuoco della caserma Bonofazi hanno estinto le fiamme ed impedito alle stesse di propagarsi al vicino edificio, mettendo in sicurezza l’area. Fortunatamente non ci sono stati feriti.

Spaccio di stupefacenti: in manette un giovane di Santa Marinella Nel corso delle perquisizioni dei Carabinieri sono state rinvenute armi e droga

Nel corso dei controlli del territorio finalizzati a prevenire e reprimere reati, in particolare quelli inerenti lo spaccio di stupefacenti, i Carabinieri della Compagnia di Civitavecchia hanno arrestato 3 persone: un 23enne di Santa Marinella, con le accuse di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, detenzione illegale di arma comune da sparo e detenzione abusiva di arma, e due 45enni di Civitavecchia, entrambi con precedenti, responsabili di lesioni personali e resistenza a Pubblico Ufficiale.

In particolare, i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Civitavecchia, la scorsa notte, hanno proceduto al controllo del 23enne, notato all’interno della sua auto in atteggiamento sospetto. Da una prima ispezione, il giovane è stato trovato in possesso di alcune dosi di hashish ma, visti i precedenti specifici a suo carico, i Carabinieri hanno deciso di perquisire anche la sua abitazione. Nel corso del controllo i militari hanno rinvenuto 75 grammi di hashish, in parte già divisi in dosi, la somma di 265 euro, provento dell’illecita attività, nonché un fucile calibro 8 privo di matricola e una spada del tipo “katana” affilata. La sostanza stupefacente e le armi sono state sequestrate e l’arrestato, al termine degli accertamenti, è stato sottoposto agli arresti domiciliari, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Altra attività è stata condotta nella notte dai Carabinieri della Stazione di Civitavecchia Porto intervenuti, a seguito di richiesta pervenuta al NUE 112, in via Roma, dove erano stati segnalati due individui che stavano arrecando disturbo agli avventori di un locale pubblico. All’arrivo dei Carabinieri i due esagitati, verosimilmente in stato di ebbrezza alcolica, hanno proseguito nei loro comportamenti e, dopo aver rifiutato di fornire i documenti, al fine di sottrarsi al controllo, li hanno minacciati e aggrediti con calci e pugni, ferendoli lievemente, prima di venire definitivamente immobilizzati.

Conclusi i dovuti accertamenti, i due arrestati sono stati accompagnati presso le rispettive abitazioni e sottoposti agli arresti domiciliari, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

 

 

Videosorveglianza, interviene Calvo: “Il servizio è attivo, messaggi sbagliati e fuorvianti” Arriva la smentita del delegato alla Polizia Locale: "Non nascondiamo la morosità del Comune,mi impegnerò per risolvere il prima possibile"

Il Consigliere alla Polizia Locale, Massimiliano Calvo

“Il servizio di video sorveglianza è attivo, – dichiara i consigliere delegato alla Polizia Locale Massimiliano Calvo – su trentadue telecamere attive nel territorio comunale, solo quattro necessitano di un aggiornamento perché le immagini registrate non sono attualmente nitide”.

Questa la smentita del consigliere Calvo in merito ai recenti articoli usciti questa mattina su alcuni quotidiani locali, e prosegue: “Non nascondiamo la morosità del Comune verso la ditta che gestisce la manutenzione e il servizio da otto mesi; ma sarà mio impegno provvedere ad ottemperare a questa lacuna il prima possibile. Ma, – aggiunge – far passare il messaggio che siamo scoperti dal servizio è totalmente sbagliato e forviante”.

“Il servizio c’è – assicura – ed è efficiente e utile a molte delle indagini che si stanno effettuando nel territorio, questo è il motivo per cui abbiamo investito in questa spesa e ne sono felice”. “L’unica pecca oltre il ritardo – prosegue Calvo – è solo un fatto di ordinario aggiornamento delle telecamere, infatti solo quattro su trentasei necessitano di miglioramenti, mentre tutte le altre funzionano e sono perfettamente attive”.

Anche dalla ditta responsabile assicurano di “non aver mai interrotto il servizio – affermano – e che al più presto sarà sistemato il sistema di trasmissione delle telecamere non funzionanti”.

“È priorità dell’Amministrazione tutta – conclude Calvo – assicurare un’adeguata sicurezza alla città, come lo è per la ditta che offre questo servizio e che non lo ha mai interrotto”. 

Sisma Centro Italia: ancora aperti i centri di raccolta a Santa Marinella

Sabato mattina da Santa Marinella è partita una delegazione di Volontari della Misericordia con un consistente carico di aiuti umanitari per la popolazione del Centro Italia colpita dalla doppia emergenza di neve e sisma. Tanti i paesi toccati dalla delegazione, sopratutto hanno cercato di destinare gli aiuti alla popolazione in modo mirato, consegnando personalmente alle persone più bisognose e più difficilmente raggiungibili.  Moltissimi viveri e beni di primaria necessità come si evince dalle immagini che ci sono state donate e pubblicate presso le nostre pagine social . Tante associazioni  e civili hanno aderito a questa iniziativa come: Gruppo Angeli di Ladispoli;Gruppo crd 29 Roma; la Misericordia di Santa Marinella; Aranova;  Cave; gruppo di Rocchetta di Amatrice; Avis comunale di Santa Marinella; Vola nel Cuore di Ferrara e tantissime altre associazioni locali, che insieme ai cittadini stanno donando presso i vari punti di raccolta. A Santa Marinella le sedi per la raccolta di beni da destinare alle popolazioni del centro Italia sono due: la sede della Misericordia in via Rucellai e la sede dell’ Avis Santa Marinella.

(altro…)

Santa Marinella: furto in abitazione in tarda serata ieri

Anche se le forze dell’ordine fanno un grande lavoro per cercare di fermare o contrastare gli atti criminali in città, purtroppo si è registrato un altro furto. Ieri sera presso via Botticelli, dei malviventi si sono introdotti all’interno di una abitazione intorno le 19:00 circa. In massimo dieci minuti hanno sottratto dall’abitazione l’argenteria, e poco dopo il suono dell’allarme installato nell’abitazione colpita si sono dati alla fuga. Se pur non rari questi episodi c’è da dire che a Santa Marinella siamo per fortuna sotto la media furti nazionale e che la delinquenza in zona è davvero sotto controllo. Quello che però viene spesso percepito dalla popolazione è ben diverso; a causa delle notizie che danno molto spazio ad episodi simili di cronaca violenta,con ampi approfondimenti e dettagli che creano timori e paure anche in una cittadina piccola come Santa Marinella.

La ditta si ritira: fermi i lavori di ristrutturazione dei marciapiedi

Il cantiere per la ristrutturazione dei marciapiedi lungo la via Aurelia è fermo da giovedì scorso e passerà del tempo prima che i lavori potranno essere ripresi: la ditta che curava l’opera si è ritirata.

I motivi sarebbero da ritrovarsi in problematiche di natura amministrativia. Un pasticcio proprio nell’area dove tra poco più di un mese si dovrebbe svolgere l’annuale festa patronale di San Giuseppe. (altro…)

Ladispoli: Carabinieri arrestano un polacco con eroina e piante di Marijuana

LADISPOLI (RM) – Nella serata di ieri, i Carabinieri della Compagnia di Civitavecchia hanno arrestato un cittadino polacco di 42 anni, già conosciuto alle forze dell’ordine, con le accuse di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e coltivazione di piante atte alla produzione di sostanze stupefacenti.

L’attività è partita nell’ambito di un servizio di controllo del territorio eseguito dai Carabinieri della Stazione di Ladispoli che hanno notato un soggetto aggirarsi con fare sospetto tra le vie del centro. Pertanto i Carabinieri hanno deciso di fermarlo per accertamenti, rinvenendo così dosi di eroina, pronte alla vendita, e oltre 100 euro in contanti in banconote di piccolo taglio, ritenute provento dello spaccio. Durante i controlli, l’uomo ha riferito di essere senza fissa dimora e di vivere per strada, ma i Carabinieri, avendo rinvenuto un mazzo di chiavi nel corso della perquisizione, hanno avviato immediati accertamenti riscontrando che aveva nella sua disponibilità un appartamento a Ladispoli.

(altro…)

Noi con Salvini: in via Della Fornacetta lo SPRAR non funziona. Cittadini esasperati.

Torna a farsi sentire il gruppo politico di Noi con Salvini di Santa Marinella, che interviene  in merito al progetto Sprarr. “Ogni giorno arrivano segnalazioni da parte della cittadinanza che sottolineano la distanza del nostro comune dai suoi cittadini”.  “Mentre gli amministratori promettono attraverso mezzo stampa la fine di lavori decennali con una spesa infinita di soldi pubblici,- affermano-  ci sono cittadini esasperati e sfiduciati da situazioni inverosimili.  Come la situazione venutasi a creare a Via della Fornacetta, con soggetti che creano disturbo agli abitanti, immondizia incontrollata e spaccio”.   Secondo il movimento locale Noi con Salvini gli abitanti del quartiere sarebbero  “persone anziane sotto continuo ricatto; costrette a barricarsi dentro le proprie abitazioni. Il  progetto  Sprarr è profumatamente pagato dai cittadini di Santa Marinella ben 616.000 euro l’anno, e secondo noi  va  tenuto  sotto controllo”. “Manca di inclusione sociale – aggiungono- e unito alla mancanza di attenzione che l’Amministrazione ha verso quella zona della  città, si è creata una bidonville, svalutando i prezzi delle case e costringendo i cittadini a vivere nell’insicurezza e nell’esasperazione “.

“ Chiediamo al Comune di fare il possibile per mettere sotto controllo chi abita sotto forma di rifugiato in quella via cittadina e se possibile prevedere una redistribuzione dei rifugiati in altre zone della città , anche se per noi  la cosa migliore sarebbe uscire dallo SPRAR . Non capiamo perché  la maggior parte dei clandestini\rifugiati gestiti dallo Sprarr debba vivere nei rioni Fiori e Valdambrini.  Chiediamo un intervento immediato – concludono- affinché chi paga le tasse e vuol vivere in pace non sia abbandonato”.

il gruppo di Noi con Salvini DI Santa Marinella

Santa Marinella: atto ignobile alla sede della Pro Pyrgi

Ancora una volta atti vandalici e sempre sullo stesso punto, il piazzale Elio Tortora. Sembra ormai che in città qualche persona incivile e maleducata, forse presa dalla noia si diverta a vandalizzare tutto ciò che incontra, sopratutto luoghi o cose di proprietà della cittadinanza. Oggi ad essere presa di mira è la sede della Protezione Civile di Santa Marinella Pro Pyrgi: infatti nella notte tra sabato e domenica hanno ribaltato secchioni, divelto la porta dell’ufficio, rovistato e messo a soqquadro l’interno della sede. Un atto davvero ignobile e senza spiegazioni logiche , sopratutto per il grande lavoro che svolge la Pro Pyrgi nella nostra città e non solo. Il Presidente della Pro Pyrgi Mauro Guredda dichiara: ” Sono molto amareggiato da questa situazione scandalosa, mi rammarica sapere che ci sono persone che ancora non hanno capito che questi sono beni comuni, quindi di tutti, e che questi danni colpiscono anche loro stessi. Naturalmente prenderemo seri provvedimenti per arginare questo problema anche se – conclude- si rimane sempre male per la mancanza di rispetto che questi individui hanno per la nostra citta”. Purtroppo non si tratta di un episodio isolato: nei giorni scorsi infatti furono presi di mira i carri allegorici, che riportarono danni irreparabili e che ora sono, di fatto, invendibili.